Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

OMAGGIO A FRANCO ARMINIO

 

Arminio_ritratto_da_Dondero_01

di

Saldan

 

Il poeta è una creatura che ama e che vuole essere amata.

 

Come tutti del resto.

 

In più, il poeta è una creatura che sente/ vede ciò che gli altri non vedono.

 

Vive per dare  forma a questo non visto, non sentito.

 

Vive per dare vita visibile, per comunicare  questo non visto.

 

In quel suo sforzo egli si consuma, si strazia, donandosi agli altri :

 

E’ lo sparagmòs, lo strazio del poeta.

 

Ma nello sparagmòs – per paradosso – c’è la morte e la vita del poeta stesso.

 

Donandosi agli altri, egli si lascia consumare ma rivive nei doni di fertilità che lascia ai suoi simili.

 

E dunque le immagini, i  simboli che egli produce s’incontrano con altre sensibilità e riprendono vita, nuovo slancio, perpetrandone il nome; non come mero narcisismo, ma come motore di vita, come slancio di conoscenza.

 

 

Quello presentato iersera è un  poeta vero.

 

Abbiamo ricevuto i suoi doni,  e in qualche modo abbiamo voluto contraccambiare, rendendogli omaggio.

 

il nostro omaggio a Franco Arminio, il poeta della terra dei paesi, il poeta dell’Irpinia d’ Oriente.

 

 

 

franco_arminio  1

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

 

ΣΠΑΡΑΓΜΟΣ / SPARAGMÓS

(Lo strazio del poeta)

 

S.AGATA DI PUGLIA 4

 

 

volto di  poeta

 

volto custode d’ orizzonte

volto marino di terre…

 

il paesaggio ne modella

 sguardo pelle bocca…

 

i segni del paesaggio

ne costellano la scrittura…

 

con la  poesia

il corpo entra nella terra

ne accarezza i segreti…

 

Irpinia d’Oriente…


io sono qui

 

tornata

verso il sole minerale..

tornata

verso la  leggenda

il suo mito d’oro..

 

Irpinia d’Oriente…


quando

il corpo del poeta

è ammalato addolorato

lo soccorre il vincolo alla terra…

 

terra

violentata ferita sventrata

che dona  poesia  nel  corpo

in lotta con la morte..

 

 

σπαραγμός

sparagmόs…

 

convulsione  spasmo

spinta alla vita..


poesia

di  speranza

di sogno infine

di  ritorno alla leggenda

 

Irpinia d’ Oriente…


 

Véronique Vergé/S.D.A, 26 . 11 . 2008

 

 

 

 

S.AGATA DI PUGLIA 6

 

 

 

 

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

POETA NAUFRAGO

 

 

poeta naufrago

 

cammino su terra sospesa

dove il cielo regna sul sogno

 

cammino sul mio naufragio

 

cammino tra terra nobile

e mare bianco…

 

nel sogno l’incontro…

 

Io

sono il popolo di questa terra

uomini di paesi – isola..

 

il cuore è la porta…

 

stagioni di silenzio

 

estate minerale

inverno di vetro…

 

viaggio di preghiere

nelle Lacedonie del mio naufragio…

 

 

Véronique Vergé

Saldan

 

28.11.2008

 

 

S.AGATA DI PUGLIA 1

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Franco Arminio

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

In Circo dell’ Ipocondria, Le Lettere, Firenze  2006

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

La tesi è questa frase di Adorno :”Se pensiamo con  timore

che accade una certa cosa questa finisce inesorabilmente

per accadere”. L’ antitesi è questa frase di Čechov :”Io so che

morirò d’una malattia della quale non avrò timore. Quindi,

se ho paura significa che non morirò”. La sintesi è questa

frase di Kafka : “Scrivo perché dispero del mio corpo e del

mio avvenire con questo corpo”.

(pag. 77, 1 – 7)

 

“Io sono tutto corpo, e nient’altro. Il corpo è una grande

ragione, una moltitudine unanime, uno stato di pace

e di guerra, un gregge e il suo pastore”. Quando Nietzsche

mise in bocca a Zaratustra queste parole non poteva immaginare

che il corpo sarebbe diventato il luogo della terza guerra mondiale,

una guerra silenziosa e mai dichiarata, che miete vittime

più tra i vincitori che tra i vinti.

( pag. 88, 6 – 8)

 

 

 

Circo dell 

 

 

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

ADORNO ČECHOV KAFKA..NIETZSCHE

 

S.AGATA DI PUGLIA 3

 

 

 

 

Tanto temette

che il cielo gli crollò addosso

finalmente

 

 poi cedette…

 

 Non ebbe più paura di quel male

d’ una morte che – in quanto tale –

      non poteva più ferire   in atto…

 

Dunque

entrò in quella stanza

si pose allo scrittoio e scrisse…

 

Quindi

volgendosi allo specchio

vide – ed era un fatto! –

ch’ era diventato una farfalla…

 

“Apro la finestra

e librandomi nel vuoto sento

il gregge di me stesso muoversi compatto

dietro quel pastore…oh che felice  impatto!…”

 

 

S . D. A ., 25 . 11 . 2008

 

 

 

S.AGATA DI PUGLIA

 

 

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Foto Franco Arminio – Mario Dondero

Altre Foto  – Angelo Verderosa

 ____________________________________

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

VENTO FORTE

TRA LACEDONIA E CANDELA….

 

di

Saldan

 

F A  Vento forte tra  L. e C. Laterza

 

“Vento forte tra Lacedonia e Candela”..

 

Quante volte   l’annuncio  del  Giornale radio ha gracchiato dalla enorme Radiomarelli nei gelidi mattini post epifania, evocatore di immensa nostalgia e di una segreta lacrima : le vacanze ormai finite, di lì a poco ci saremmo messi in viaggio, mio padre m’avrebbe riaccompagnato in collegio, su altre e ben tristi colline, al mio cuore di fanciullo, che non quelle tra Lacedonia e Candela…

 

S.AGATA DI PUGLIA 2

Ora – quasi una vita dopo –  quelle colline non sono più un mistero. Non come luogo geografico, ma come luogo dell’anima e della poesia, come postazione privilegiata per osservare il mondo da una delle sue periferie, facendosene permeare, respirandone i ritmi, gli sguardi, le vedute, i passi, le architetture, i disastri, le pulsioni, gli abbandoni, seguendone il ciclo dei giorni e delle stagioni, leggendone il cuore segreto…

 

 

S.AGATA DI PUGLIA


Non sono più  residuale escrescenza avviata alla morte, ma gemma autunnale splendente di venature intense e sorprendenti che cogli nei silenzi desolati delle piazzette post terremoto, nelle cangianti nebbie che avvolgono paesi come presepi, tetti digradanti e viuzze accarezzate dal passo lieve e anomino dei semplici, in  conche valli e colli dove risuona il passo dei cavalli e il fluire di acque e rogge…

 

S.AGATA DI PUGLIA 1

“Vento forte tra Lacedonia e Candela”..

 

Ora è quasi uno slogan a scandire le enormi pale dell’eolico che vi hanno modificato il paesaggio a Oriente, tra Puglia e Lucania, boccate di energia per luoghi ripiegati su se stessi, per uomini  sospesi tra due mondi,  figli di un  nuovo giano bifronte, uno sguardo all’immobile passato che si sfrangia inesorabile sui volti di pietra degli anziani impastati d’una terra dolce e ispida abitata dal silenzio, l’altro oltre le colline e il mare, in  terre d’Europa e d’America – le cui tracce cogli nella mercedes stivata in casa, accanto alle candele accese a devozione dei santi e dei defunti…

 

S.AGATA DI PUGLIA 4

 

E su tutto lo sparagmόs, lo spasmo, la lacerazione, lo strazio del poeta che si muove inesausto tra questi luoghi fantasmatici e reali, liquido amniotico da lacerare e in cui restare essendo consapevole della provvisorietà della vita e dell’essere in una comunità provvisoria…

 

Poeta naufrago in una comunità di naufraghi che – animato da santa follia – sogna di convertire il centro del mondo alle sue periferie, alla sua (di lui) periferia….

 

Questo è il paesologo, questa è la paesologia, questo è Franco Arminio, che avremo stasera alla Casa delle Arti

 

 

 

 

 20081122_Franco_Arminio Locandina

 

 

Intervista ripresa dal mensile FRESCO DI STAMPA n.8/ Anno III Agosto 2008

 

VIAGGIO TRA I PAESI

DEL TEMPO ULTIMO

 

 

Tetti dal Cratere (dal blog IL CANNOCHHIALE)

Con il suo libro, Franco Arminio ci conduce nei luoghi che abbiamo disimparato a conoscere. E che possono rivelarci il nostro presente.

 

di  Paolo Graziano

 

 

franco_arminio  1

Il suo autore la chiama paesologia, con il suffisso impegnativo che si riserva alle discipline regolate da un proprio statuto. Ma non ha difficoltà ad ammettere che la sua è piuttosto un’arte, un’arte dell’incontro: un paziente artigianato dello sguardo con cui Franco Arminio, poeta, narratore e reportagista, descrive i luoghi marginali, i paesi del Sud in cui non accade nulla di rilevante; dove la vita scorre senza orpelli toccando per questo, a volte, gli abissi insondabili dell’esistenza. L’ultimo libro di Arminio Vento forte tra Lacedonia e Candela, uscito recentemente nella bella collana “Contromano” di Laterza,  è un invito a guardare il mondo contemporaneo dal punto di vista delle periferie.

 

TEORAVENTURA (DAL BLOG il cannocchiale)

Arminio, quando si leggono i tuoi libri non si può non pensare ai territori che li nutrono. Com’ è il luogo da cui scrivi?

 

E’ anche il luogo in cui vivo e ho sempre vissuto, e questo è importante. Faccio il paesologo essendo nato e abitando in un  paese, il che significa, per me, una fedeltà assoluta al paesaggio, all’ambiente che mi sforzo di descrivere. Bisaccia è un  paese che sta in un luogo di confine, e oggi forse sui confini accadono cose più pregnanti di quelle che si verificano al centro: ci troviamo in Campania da un punto di vista amministrativo, ma confiniamo con la Puglia e la Basilicata, non appartenendo culturalmente neanche a queste regioni, ma a quell’entità particolare che è l’Irpinia. E poi è un paese che ha subito una grave ferita, da cui credo scaturisca il rapporto della mia scrittura con il dolore: Bisaccia è stato diviso in due dal terremoto dell’80, tanto che il paese nuovo dista circa due chilometri dall’insediamento storico. Oggi questo villaggio sta per subire una ulteriore ferita, quella della installazione di una delle megadiscariche previste dal Commissariato. Insomma, un luogo sofferente. Amo pensare che sia un posto per scrittori…Un luogo cui sento di appartenere come un dente alla bocca di un cavallo.

 

S.AGATA DI PUGLIA 3

Un’idea forte del tuo lavoro è, a mio parere, la scelta di osservare il mondo dal punto di vista delle periferie, dei luoghi marginali, che pure sono capaci di rilevare qualcosa di più profondo sulla nostra condizione. Tu parlavi di confini…

 

Si, sono luoghi che vengono raccontati solo in situazioni di emergenza, quando sono colpiti dal sisma, dall’alluvione o vi accade una particolare sciagura. A me tutto questo non interessa, preferisco guardare ai paesi nella loro immobilità e irrilevanza, vorrei quasi dire nella loro apparente insignificanza. Ma sia chiaro: io mi occupo del paese pensando costantemente di occuparmi, così, del mondo intero.

 

In base a quale visione del presente?

 

A quella che ravvisa la progressiva trasformazione del mondo in un grande paese. Il pianeta si è rimpicciolito : quella che accade in una qualsiasi sua piega risuona immediatamente all’altro capo della terra. Ma c’è anche un altro risvolto della paesanizzazione del globo, che si manifesta nella grettezza quasi rurale con cui i grandi personaggi affrontano questioni cruciali per il futuro. La politica è diventata dialettale, lo slancio e il coraggio sono ormai rari. Oggi il mondo è più che mai poco metropolitano.

 

S.AGATA DI PUGLIA

E forse queste osservazioni restituiscono una visone più realistica della cosiddetta globalizzazione…

 

Sì, la globalizzazione è per me soprattutto una ruralizzazione del mondo, che mette in moto meccanismi tipici di limitazione degli orizzonti, di difesa del particolare tipici della cultura paesana. Pensa al modo con cui si dispiega la politica di Bush; o a una figura d’intellettuale come quella di Oriana Fallaci, proveniente da una cultura metropolitana, che pure manifestava quei comportamenti tipici delle donne che si accapigliavano per una pianta di pomodori, per una porzione della vigna…

 

Finora mi pare che abbiamo messo in luce soprattutto il lato deteriore, antiprogressista della cultura paesana. C’è, invece, anche un aspetto positivo, una promessa per il futuro nella realtà del paese?

 

Guarda, proprio oggi riflettevo con un’amica archeologa sulla bellezza, sulla bellezza, sull’innocenza degli anziani che incontri in un paese, che conservano la pulizia e l’eleganza di gesti millenari persino nel modo di muoversi, di guardarti. Però mi capita sempre più spesso di distinguere questo tratto soltanto negli anziani, e quasi per niente nei giovani.

Quelli che hanno quarant’anni, se li incontri nelle strade di un villaggio, sono tristi e soprattutto sono uguali ai loro coetanei della città : è il risultato di una colonizzazione culturale che importa in questi luoghi i valori della società urbana, consumando l’omicidio delle culture regionali e locali.

 

S.AGATA DI PUGLIA 6

E per quale motivo i gesti di quegli anziani, che ormai stanno per lasciare la vita, rappresenterebbero una possibilità per il futuro?

 

Perché vengono da luoghi in qualche modo ancora intatti, non consumati: nei paesi cè aria da respirare, c’è spazio da occupare, c’è la terra, che è l’unico luogo in cui gli uomini possono vivere. Se imparassimo a usare rispettosamente questi spazi, riusciremmo a uscire probabilmente dal paradosso per cui abbiamo una parte della nostra regione traboccante di rifiuti che non si sa dove mettere e un’altra che resta ancora un campo di possibilità. Tutto questo, a patto di rispettare il respiro, lo spazio del paese : non si tratta soltanto di un vuoto da riempire secondo le logiche della cultura dominante.

 

Perché nel tuo libro la paesologia – l’osservazione e l’immersione nei paesi che visiti – è così spesso associata all’idea della morte?

 

La paesologia ha a che fare sicuramente con la morte, dal mio punto di vista : il prossimo libro, a cui sto lavorando, s’intitolerà, appunto, Cartoline dai morti. Non so perché, sarà forse il mio modo di guardare, sarà la paura della fine che mi porto dentro, ma attraversando i paesi che visito io ho sempre l’impressone di vivere un tempo ultimo, di partecipare di un mondo che va finendo. C’è un filo di necrofilia nel libro, ma c’è anche la traccia della pietas per questa lenta estinzione.

Eppure, nonostante l’angoscia che me ne deriva, non riesco ad allontanarmi dal mio paese : lo abbandono per un giorno o due, viaggio nei suoi dintorni, poi finisco per tornare, come un malato ormai guarito che tuttavia non vuole abbandonare il letto, il comodino, la vestaglia…

 

Veniamo  infine  ai nostri paesi : nei tuoi vagabondaggi, nella tua flânerie tra i paesi, t’ è  capitato di incrociare i territori del casertano?

 

M’ è rimasta la sensazione di una inafferrabilità. Quando ho visitato i piccoli centri di Terra di Lavoro, tra Marcianise e Santa Maria Capua Vetere, così incastrati l’uno nell’altro, non sono riuscito a scriverne nulla. Per me un paese è ancora qualcosa dai connotati ben precisi, un luogo che ospita un minimo di tre-quattrocento abitanti e un massimo di cinquemila, con un inizio e una fine, e il vuoto intorno. Al di fuori di questi connotati mi dichiaro incompetente. Comunque, la cosa che colpisce molto della Campania è la grande diversità dei suoi luoghi : siamo nella stessa regione, ma i paesini dell’Irpinia non condividono praticamente nulla con le città del casertano o del napoletano. Certe volte ho l’impressione di comprendere meglio il Friuli contadino di Pasolini che la Napoli di La Capria…

 

 S.AGATA DI PUGLIA 4

 

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Che cos’ è la paesologia

 

di

Franco Arminio

 

    Almeno un quarto dei paesi italiani è gravemente malato. Soffre di desolazione.

 

   Non è una malattia antica, è una malattia nuovissima. Per secoli questi paesi sono stati molto poveri. La gente faceva fatiche terribili senza alcuna garanzia. Era una vita disgraziata, ma si svolgeva in un luogo che aveva una sua vita. Insomma, ogni persona stava nel suo paese come un pesce dentro al lago. Adesso le persone pare che stiano in un secchio rotto. Si vive con poca acqua e con la sensazione che nessuno sa come mantenere la poca acqua che resta.

 

Viaggio nel cratere

   Il problema riguarda tutta la penisola. Può essere l’Irpinia, la Calabria, l’interno del Salento, il Molise, la Sardegna, il  Friuli o il Piemonte alpino, la sensazione non cambia di molto : si va dal padiglione di geriatria al manicomio all’aria aperta. Chi ci passa d’estate o la domenica per qualche ora è chiaro che ha un’altra idea, ha l’idea del paese come villaggio turistico. Il fregio del silenzio, del buon cibo e dell’aria buona, la nasconde lo sfregio di un’inerzia acida, di un tempo vissuto senza letizia.

 

   Uno arriva e ferma la macchina in piazza. Guarda qualcuno vicino al bar o sulle panchine. Guarda una vecchia che  va a fare la spesa, un cane disteso al sole, guarda le porte chiuse, guarda la propria macchina e capisce che lo strumento per la fuga è a portata di mano, che non è proprio il caso di fermarsi a passare la notte in un posto del genere. Ci si rimette in moto e per quanto ci si possa essere allontanati dalle vie comode, dagli ipermercati e dai capannoni, basta digerire una mezzoretta di curve e si torna al mondo gremito, nel mondo che si muove.

 

F A  Vento forte tra  L. e C. Laterza

 


   Nel paese restano i malati. Ma non pensate solo al pensionato ottantenne, alla vedova, al giovane disoccupato, pensate anche al geometra comunale, al prete, al farmacista, al sindaco. Non si salva nessuno, tutti malati. Può essere depressione, può essere inquietudine, può essere la smania velleitaria di chi si sente partire dal nulla e di non poter arrivare da nessuna parte, può essere chissà cosa, il risultato è sempre un  individuo prostrato dalla desolazione del luogo in cui abita. E’ una malattia che si trasmette per contatto co l’aria,  e l’aria che c’è in un  paese non è solo la cosa che si respira, è la faccia delle persone, sono i manifesti a lutto, sono le case, le macchine parcheggiate. Il problema è che non c’è un  nome per questa malattia e le cose fino a quando non hanno un nome è come se non esistessero.

 

   La paesologia è proprio la disciplina che cerca di dare un nome a questa malattia. (….)

 

 

 

 BISACCIA 23.11.08 4

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

                                   Foto Angelo Verderosa


I paesi della bandiera bianca

 

di

Franco Arminio


“Va di moda assegnare le bandiere ai luoghi. C’è chi assegna la bandiera blu alle migliori località di mare e chi a quella arancione ai paesi più belli. La scuola di paesologia potrebbe assegnare la bandiera bianca ai paesi più sperduti e affranti, i paesi della resa, quelli sulla soglia dell’estinzione. Ce ne sono tanti  e sono i meno visitati. Non  hanno il museo della civiltà contadina, non hanno il negozio che vende i prodotti tipici, non hanno la brochure che illustra la bellezza del posto, nonm hanno il medico tutti i giorni e la farmacia è aperta solo per qualche ora. Sono i paesi in cui si sente l’assenza di chi se n’è andato e quella di chi non è mai venuto. Non hanno neppure stranezze particolari : gli abitanti non sono tutti parenti tra di loro, non fanno processioni coi serpenti, non fanno la festa degli ammogliati, non hanno dato i natali a una famosa cantante o a un  politico o a u n calciatore. Non hanno neppure particolari arretratezze, hanno l’acqua calda in tutte le case, hanno le macchine e il televisore, tutti hanno di che mangiare e un tetto dove dormire.

 

LUNA 1

   In questi paesi della bandiera bianca ci sono i lampioni, ci sono i marciapiedi, c’è sicuramente almeno un bar e un piccolo negozio di alimentari, c’è un sindaco e una piazza, c’è qualche bambino, ci sono molti anziani, ci sono case nuove e case un po’ più vecchie.

 

   I paesi della bandiera bianca sono quelli che vengono visitati solo quando succede qualche disgrazia : il terremoto da questo punto di vista è la disgrazia ideale. Per il resto dell’anno, questi paesi che non hanno il mare e non hanno la montagna, che non hanno le fabbriche e le discoteche, che non hanno santi né delinquenti, stanno al loro posto, concavi o convessi, allungati, acciambellati, frammentati, appesi al paesaggio.

 

Circo dell

 

   La bandiera bianca sta a significare che sono luoghi arresi, senza additivi, senza mistificazioni, neppure quelle del silenzio e della pace. Nei paesi della bandiera bianca non è che si trova il pane più buono che altrove o l’artigiano che sa fare il cesto come si faceva una volta o il calzolaio che ti fa scarpe. Si trova il mondo com’è adesso, sfinito e senza senso, con l’unica differenza che questa condizione si mostra senza essere mascherata da altro.

 

   La bandiera bianca non è la bandiera della desolazione contrapposta a quella del divertimento. Non é quella della bellezza contrapposta a quella della bellezza.

 

Non è quella dell’abbandono contrapposta a quella dell’”indaffaramento”. La bandiera bianca ci dice attraverso un luogo qualunque che l’ebbrezza di stare al mondo è svanita e che lavoriamo ogni giorno per portare in noi l’arca di Noè e ci ritroviamo con un  pugno di mosche. (….)

 S.AGATA DI PUGLIA 1

 

                                   Foto Angelo Verderosa

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 
 
ALCUNE POESIE…

 

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

Siamo fatti di carta (da parati).

Cambia il disegno, ovviamente, e il muro

a cui siamo appoggiati.

 

L’esistenza educa le forme

ad appassire.

Dal mio nome ogni giorno

cade una lettera.

 

 

Prima del giorno che a tutti roderà le vesti

prima che tutto si muti in muto danno

al lume della luna e delle stelle

tra verdi sussurranti alberi scuri

portami al ventre baci densi e puri.

 

 

S.AGATA DI PUGLIA 6

 

Esce la morte dalla buca

come la formica

per riportare al buio

il chicco.

 

 

 

Ancora non avevo certi piombi.

Le donne giungevano al mio cuore

come a una piazza piena di colombi.

 

 franco_arminio  1



VISTO DA QUI

 

Penisola gravida di merce

di cape vacue e lerce

penisola concava come culla

attico del nulla.

Visto da qui

dalla fogna degli astri

l’Afghanistan è diventato

il buco nero, la mecca dei disastri.

 

                                                 

NELLE TERRE DI CAINO E ABRAMO

 

L’America è la parte e il tutto, la figura e lo sfondo.

Dobbiamo abituarci a considerare molti intrecci,

la religione e l’economia l’ordine e il caos,

il conformismo e la trasgressione, la tranquillità e la follia.

Il secolo iniziato va letto in questa chiave

di guerra nella pace e pace nella guerra,

indifferenza e compassione, tutto sta

mischiato perso e ritrovato, dobbiamo capirlo

fino in fondo che siamo e non siamo

nichilisti, reazionari,liberisti. Non possiamo scegliere

la vendetta né il perdono,

non dobbiamo tagliare l’albero per spezzare il ramo

nelle terre che furono di Caino e Abramo.

 

                                                         

 

L’universo, in fondo, è una cosa fosca.

Muoiono tutti, il sole e la mosca.

 

 

 

20081122_Franco_Arminio Locandina

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}


ALCUNI INEDITI ….UNA SORTA DI SPOON RIVER IRPINA…

 

 

CARTOLINE DAI MORTI

 

di Franco Arminio

 

 

 

S.AGATA DI PUGLIA 6Foto Angelo Verderosa

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}



Io avevo cinquantasei anni. Vivevo da solo, ero tornato al paese dopo vent’anni di Svizzera. La mattina uscivo in piazza, passeggiavo o stavo seduto sulle panchine. Il pomeriggio non uscivo e la sera nemmeno. Mi mettevo nel letto e aspettavo il sonno senza pensare a niente. Mi sono sentito male una notte che il sonno proprio non voleva venire. Saranno state le due. Non sono riuscito neppure ad alzarmi dal letto. All’improvviso non vedevo più niente. L’ultima cosa che ho sentito è stata la mano allungata per cercare di accendere la luce sul comodino.

Alla morte non ci pensavo mai. Pensavo ogni tanto a quando ero bambino. A mia madre che si era buttata nel pozzo e a mio padre morto di crepacuore due anni dopo. Sono cresciuto con la testa nel cimitero. La sera in cui sono morto avevo appena finito di vedere la televisione. Mi sentivo debole. Mi sono disteso sul divano e ho sentito come una mano gigantesca che mi premeva il cuore. Ho pensato a mia madre e a mio padre, ho pensato che stavo morendo e non avevo comprato il loculo. Sicuramente mi avrebbero messo sotto terra e questo era l’ultimo fallimento della mia vita.



ANIMA NERA 4


Sono morto in Canada. Avevo una brutta diarrea, avevo una brutta faccia. Mi sono ricoverato in ospedale e dopo un paio di giorni di analisi mi hanno detto che avevo pochi mesi di vita. Non ho più mangiato, non mi sono più alzato dal letto. Sono rimasto così per una ventina di giorni. Ho perso tutta la pancia. Sono morto la mattina presto. Ho visto che mia moglie si era addormentata. Fuori stava uscendo il sole. Sono morto con le lacrime agli occhi.

Dopo che mi ero laureato cominciai a bere. Insegnavo lettere in un liceo. Mi sposai, ma mi accorsi che non potevo avere figli. Allora mi misi a bere ancora di più. Una mattina mentre scrivevo alla lavagna mi sono sentito male. Ricordo che mi hanno portato in ospedale, ricordo che sono rimasto per molti giorni senza sentire niente. Il cuore batteva in mezzo al niente, non avevo più mani, non avevo più occhi, non avevo più gambe.


ANIMA NERA 7



Stavo bene anche se avevo ottantadue anni. Poi sono caduto, mi sono rotto il femore. Ho smesso di uscire, non sono più andato al centro anziani a giocare a carte. Quando la gamba è guarita hanno scoperto che avevo un brutto male nella pancia. Sono stato solo un paio di volte in ospedale e per pochi giorni. Sono morto il giorno di Natale. Mia moglie mi aveva appena tolto la maglia di lana perché ero sudato.

Mi hanno trovato sul pavimento. Mi sono avvelenato. Ci pensavo ogni tanto di farla finita, ci pensavo appena sveglio, poi mi mettevo a fare qualcosa e l’idea mi passava. Una mattina non ho pensato a niente. Ho preso tutte le medicine che avevo nel tiretto. Ho bevuto gli sciroppi e tutte le gocce, tutte le compresse. Mentre lo facevo speravo che arrivasse qualcuno e mi fermasse. L’ultima cosa che sono riuscito a fare è stato accendere la radio. Volevo sentire almeno una bella canzone.


B.Keaton 5



Mi hanno scoperto il cancro che avevo ventisei anni. Sono morta sette anni dopo. Prima di ammalarmi pesavo sessanta chili. Quando sono morta nemmeno trenta. Ho visto tanti medici e tanti altri malati. Gente che è morta prima di me, gente che deve ancora morire. Anche mia madre è ancora viva, anche se dopo di me è morto mio padre e mio fratello.

Ho preso la corrente, sono morto fulminato. Stavamo lavorando nel cinema, il lavoro era quasi finito. Ero appena tornato dalla Svizzera. Ero contento.


(Tratte dal blog della Fondazione Premio Napoli)

 


Tetti dal Cratere (dal blog IL CANNOCHHIALE)Dal blog Il cannocchiale

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 


VENTO FORTE TRA LACEDONIA E CANDELA

UNA RECENSIONE DI ANDREA DI CONSOLI

 


Andrea Di Consoli                                                      Andrea Di Consoli


Dopo Viaggio nel cratere (Sironi, 2003) e Circo dell’ipocondria (Le lettere, 2006), Franco Arminio manda alle stampe Vento forte tra Lacedonia e Candela. Esercizi di paesologia (Laterza, 186 pagine, 10,00 euro), un libro che segnerà in profondità le sorti della grande letteratura di “strapaese”, e le sorti della letteratura per frammenti, antiromanzesca e antiborghese (”Il paesologo non ama il narrare disteso, ma la smania aforistica, la frase singola, spaiata” scrive Arminio nel piccolo zibaldone finale dove, tra l’altro, ci sono immagini e intuizioni di superba bellezza: “Tre luoghi aperti nelle mattinate dei paesi: il bar, il Comune, il cimitero”; “Quasi ogni mattina vado a trovare qualche paese come si va a trovare un vecchio zio, vado a vedere che faccia ha, a che punto è la sua malattia o la sua salute.

Vado per vedere un paese, ma alla fine è il paese che mi vede, mi dice qualcosa di me che non sa dirmi nessuno”, ecc.). Un libro, questo, che è tante cose: uno zibaldone di pensieri, un libro di viaggi, un reportage, un diario, una miniera di soggetti, di figure, di profili, di oggetti, di scenografie urbane, un epicedio, un lamento, un momento di gioia mal trattenuta, un referto inesauribile di paure e di pietà.

 

 

franco_arminio  1

 

Franco Arminio, che è nato, e da sempre vive a Bisaccia, nell’Irpinia sbilanciata verso la Lucania, visita in questo libro i suoi paesi (Conza, Greci, Vallata, Aquilonia, Flumeri, ecc.), facendo anche alcune sortite “fuori casa”: in Val Germanasca, nel Cilento, e nel Salento.

Ma le pagine più belle sono dedicate proprio alla sua Irpinia, ché Arminio, come egli stesso scrive, appartiene solo al suo paese, è “un dente dentro la bocca del cavallo, un mattone dentro un muro”.

Il padre della paesologia ha fondato un nuovo modo di viaggiare; è piuttosto un vagare, un perdersi tra cose belle e brutte, tra piazze deserte, sotto lampioni spenti, dinanzi a porte chiuse, sotto la neve o il sole; un fare domande per perdersi nel suono delle risposte, un fotografare cani, camion della frutta, anziani al bar.

Niente di più lontano dal bozzetto, dall’oleografia e dal sottobosco paesano.


 

 

S.AGATA DI PUGLIA 4Foto Angelo Verderosa

Se avesse ancora senso, diremmo che Arminio ha uno sguardo geografico e letterario tra i più moderni in Italia (ma antico e moderno, in specie se contrapposti, sono vecchie categorie accademiche senza più significato). Vento forte tra Lacedonia e Candela non auspica un ripopolamento o lo sviluppo “moderno” dei paesi (non cade nel tranello dell’utopia); non è un lamento del passato, dei bei tempi della civiltà contadina (non cede alle sirene delle “anime belle”); è, piuttosto, qualcosa che sta a metà: una dichiarazione d’amore del “qui ed ora” dei paesi per come sono adesso (i paesi della birra al bar, dei ricordi, dei silenzi, dei manifesti funebri, dei negozi, dei personaggi buffi, delle prepotenze, delle case anonime del dopo-terremoto, ecc.), un perdersi, tra paura e pace, nei “dintorni” di una terra straordinaria quanto più è ordinaria, vera, scrostata di ogni sovrastruttura ideologica.

Arminio sta nella sua Irpinia come l’albume sta nel guscio. Questa pace, però, è attraversata dalla nevrosi (collettiva) di Arminio, dalle sue parole, dai suoi presagi di morte (ma sono, appunto, nevrosi consustanziali ai paesi, alla loro lenta e pacifica agonia). Ma tutte le tragedie della sua terra – a partire dal terremoto del 1980 – non hanno fatto che rafforzare un vincolo di appartenenza (”La sera che ci fu il terremoto io stavo bene. Mi piaceva tutta quella gente per strada, tutti che si guardavano come se ognuno fosse una cosa preziosa. Quando molti si sono messi a dormire nelle macchine mi sono fatto un giro, li ho benedetti uno per uno”). E questa è un’immagine, se vogliamo, di aedo contemporaneo, di vate fraterno e antiretorico.

 

 

 

TEORAVENTURA (DAL BLOG il cannocchiale) Dal blog Il Cannocchiale

Il libro di Arminio è una “Spoon River” dei vivi che si preparano a morire (anche la morte, qui, è un’ombra concreta, amichevolmente tetra, che si aggira tra le strade).

Ma quel che più commuove, di questo libro, è il saper amare le cose e le persone nonostante l’agguato quotidiano dei pensieri neri, del “naufragio”, dello sfinimento, della morte (la morte, per Arminio, è una notizia improvvisa, come un terremoto, o un ictus); è il saper amare solo ciò che davvero si ama (”Forse io sono un paesologo dei miei paesi e di Castro dei Volsci non so che dire. Mi manca la radice infiammata della residenza, mi manca il nervo che lega gli occhi al cuore”); l’attrazione innamorata per il marginale, il superfluo e i perdenti (”Tonino è morto per sfinimento, perché era un giocatore rimasto per anni e anni sul campo a giocare la partita della solitudine, mai un intervallo, mai un goal, tutto un andare avanti e indietro, senza concludere mai”; e ancora: “A Lacedonia si vive le ricordo di un passato in cui c’erano tanti uffici e adesso non c’è neppure un negozio di scarpe. A me questo non dispiace. Sono venuto qui proprio per le cose che non ci sono. In fondo le delusioni, le mancanze, sono le stampelle a cui si sorregge la mia scrittura”).

 

 

 

S.AGATA DI PUGLIA 1Foto Angelo Verderosa

 E quest’ultimo pensiero, a rileggerlo, è non soltanto una politica e un’etica, ma una poetica, e un insegnamento a tutti quelli che credono che nei paesi non accada nulla, ché Arminio ci dimostra, con questo libro indimenticabile e commovente, che si può fare letteratura con gli antieroi, con i falliti, con le parole non dette, con le azioni non fatte, con gli uomini silenziosi, con i non-paesaggi, con la desolazione delle piazze deserte, a dimostrazione dell’assunto che un grande scrittore non ha bisogno della Storia o della cronaca nera per toccare il cuore caldo e spaventato degli uomini.


(Pubblicato su L’Unità del 4 luglio 2008)

 

Arminio_ritratto_da_Dondero_01Foto Mario Dondero

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

A proposito del post su Proust…

 

 250px-CasinCaillebotte


LA RECHERCHE,

FIUME ORFICO CHE CREA

LA POESIA DELLA PERDITA

 

di

Véronique Vergé

 

300px-Marcel_par_Blanche

Il  post su Proust…

 

E’ un invito  alla lettura di un romanziere che ha creato il luogo immenso del ricordo d’infanzia.

 

 

 

phedre_1_s


Nel nostro mondo dove il sogno è bandito, annebbiato dagli oggetti di consumo, la lettura di Proust richiede di spingere la porta che conduce al regno dell’infanzia.

gilberte_narrateur_s

E’ un cammino dell’ innocenza, non con il senso di purezza, innocenza nel senso di entrare nel mondo della percezione.

 

 

 

homme_a_la_pipe_s

 

Come  dice  – in un brano magnifico – Montesano   la scrittura è come un liquido amniotico che  presiede alla nostra nascita.

 

 

 

femme_fleur_s


Siamo nudi e innocenti.


jeune_fille_au_bord_s



Ho pensato anche al passaggio di un fiume orfico : leggendo Proust, scopriamo la poesia della perdita.



berma_s

GRAZIE per questo momento magnifico di lettura.

Véronique  Vergé

 

 

 

 

carnets

 

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

UN LIBRO UN VINO  GIOVEDI 27 NOVEMBRE 2008 ORE 18.00

CASA DELLE ARTI CORSO SICILIA 38 SUCCIVO (CASERTA)

FRANCO ARMINIO VENTO FORTE TRA LACEDONIA E CANDELA

 

 

 

franco_arminio  1

 

 

 

È sempre il corpo a soffrire.

L’anima resiste poche ore

poi si dissolve

dichiarandosi.

 

 

Prima del giorno che a tutti roderà le vesti

prima che tutto si muti in muto danno

al lume della luna e delle stelle

tra verdi sussurranti alberi scuri

portami al ventre baci densi e puri.


F A  Vento forte tra  L. e C. Laterza

 

 

 

Penisola gravida di merce

di cape vacue e lerce

penisola concava come culla

attico del nulla.

Visto da qui

dalla fogna degli astri

l’Afghanistan è diventato

il buco nero, la mecca dei disastri.

 

L’universo, in fondo, è una cosa fosca.

Muoiono tutti, il sole e la mosca.

 

 

20081122_Franco_Arminio Locandina



 

UN LIBRO UN VINO  GIOVEDI 27 NOVEMBRE 2008

CASA DELLE ARTI CORSO SICILIA 38 SUCCIVO (CASERTA)

FRANCO ARMINIO VENTO FORTE TRA LACEDONIA E CANDELA

 

franco_arminio  1



Franco Arminio è nato nel 1960 e abita a Bisaccia, nell’ Irpinia d’Oriente  (Provincia di Avellino). Qui vive e lavora, dividendosi tra la paesologia, l’insegnamento nella scuola elementare e le battaglie civili che di volta in volta gli sembrano necessarie.

 

A partire dal 1985 ha pubblicato quattro raccolte di versi : piccoli estratti di una produzione sterminata, in gran parte inedita.

 

In prosa ha pubblicato :

 

Diario Civile (1999)

Viaggio nel cratere (Sironi, 2003)

Circo dell’ipocondria (Le lettere, 2006)

Vento forte tra Lacedonia e Candela. Esercizi di paesologia

(Laterza, 186 pagine, 10,00 euro),

 

Suoi racconti sono stati pubblicati in "il Manifesto", "Diario", "Il Semplice" e in altre riviste e antologie.

 

Collabora con diversi giornali locali, a l’Unità, Corriere del Mezzogiorno, Genteviaggi.

 

Organizza eventi culturali ed è tra gli animatori del blog Comunità Provvisoria, non solo blog ma comunità virtuale e reale, palestra orizzontale di democrazie e iniziative nel / per il territorio. Comunità di “naufraghi” che – animati da santa follìa – sognano di convertire il centro del mondo alle sue periferie.

 

Insieme a Paolo Muran ha realizzato il film Viaggio in Irpinia d’ Oriente e, allegato a Circo dell’ Ipocondria, il dvd La Terra dei Paesi.

 

E’ in lavorazione un film tratto da Vento forte tra Lacedonia e Candela,  lui pare stia lavorando- tra l’altro – alle Cartoline dai morti.

 

Arminio_ritratto_da_Dondero_01        Foto Mario Dondero

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

Da FRESCO DI STAMPA Rivista mensile di Terra di Lavoro  n.10 Anno III Novembre 2008

 

 

NIENT’ALTRO CHE BULLI ?…

 

Il film del casertano Antonucci affronta l’emergenza della violenza nelle scuole del nostro Paese :”L’Italia seconda in Europa per il bullismo”.

 

mikicontromarco1        Andrea Lucente e Gabriele Merlonghi

 

 

L’ INTERVISTA

 

 

 

di

Angelo Mozzillo

 

 

Angelo Antonucci è un regista casertano che ha dovuto lasciare Caserta per poter fare il suo mestiere; come tanti, come quasi tutti. Ha capito che già dal ventennio del secolo scorso il cinema è a Roma, è a Milano, pochissimo a Napoli, sicuramente non a Caserta.

 

Pensava al cinema ancor prima di laurearsi in filosofia, così frequentò i corsi di Ipotesi Cinema, il centro diretto dal neo-premiato con Loene d’oro alla carriera Ermanno Olmi, si trasferisce a Roma e ora ha un curriculum invidiabile e tanta voglia di coltivare il suo talento di regista. E a Roma ha girato il suo terzo lungometraggio (contando anche il film TV Dio ci ha creato gratis, con Leo Gullotta e Nino Manfredi), Nient’altro che noi, una storia di amicizie e di bullismo, già inserita nella rosa dei David di Donatello Giovani ancor prima di uscire al cinema.

 

Lo stesso Angelo Antonucci ci ha spiegato da cosa si è ispirato per affrontare tale tematica.

 

 

 

antonucciregista          Angelo Antonucci

 

«Il film è nato quasi un anno fa, da un fatto di cronaca. Era successo che a Ischia, un ragazzo si era suicidato perché i compagni lo prendevano in giro per i suoi meriti scolastici. Questa cosa mi aveva colpito molto e mi ha dato quindi subito l’input per iniziare a scrivere la sceneggiatura, visto che il mondo della scuola non mi è neanche tanto lontano: sono laureato in filosofia, mi sarebbe tanto piaciuto insegnare ma, ancora prima dell’università, la mia passione è stata sempre il cinema. Ad ogni modo ho avuto un po’ di esperienza con l’ambiente scolastico, e ho cercato di descriverlo con una certa accuratezza

 

Il film lo hai ambientato a Roma.

 

«Non è un caso: facendo un po’ di ricerche in fase di scrittura del film ho scoperto che Roma è la città in cui il fenomeno del bullismo è al primo posto in Italia.

Il mio era anche un tentativo di dare un piccolo spunto di riflessione, di dibattito su un argomento che, perlomeno nel nostro Paese, non è stato mai affrontato per intero in un prodotto cinematografico.»

 

 

 

Questo è vero, anche se il problema dei bulli è stato sfiorato spesso dagli autori del grande schermo. Penso ad esempio al recente “Un giorno perfetto”, ultima fatica di Ferzan Ozpetek dove c’è una piccola scena in cui Kevin, il piccolo protagonista, viene aggredito e umiliato dai compagni. E lì si parla di un ragazzino delle elementari. Tu credi che nel nostro Paese questo problema sia così forte?

 

 

«Basta pensare che, dalle ricerche che ho fatto, sul bullismo l’Italia risulta essere al secondo posto in Europa, subito dopo l’Inghilterra, quindi il cinema riflette solo dei dati che parlano in merito. Nel film io ho tentato di affrontare il problema dal punto di vista degli stessi bulli, andando a scavare nelle famiglie, nei problemi che portano un ragazzo a comportarsi in tale maniera. Il problema sociale è legato molto alle dinamiche di bullismo.»

 

In attesa dell’uscita nelle sale, il film sta girando in varie scuole d’Italia.

 

«Il film uscirà normalmente nel circuito tradizionale dal marzo 2009, ma l’AGIS scuola nazionale – che ha patrocinato il film – lo ha inserito anche nella rosa del David di Donatello giovani, in quella che è una sorta di semifinale in cui sono presenti dodici film. Di questi, una giuria di studenti porterà in finale solo cinque film, tra i quali ovviamente ci sarà il vincitore del David di Donatello giovani.

Per questo motivo il film gira in anteprima per le varie scuole d’Italia dopo una piccolo special al Giffoni Film Festival, e proprio a Caserta e provincia ho avuto un riscontro molto positivo.»

 

A proposito di Caserta: cosa ne pensi del rapporto di questa città con il cinema? Trovi dia delle opportunità lavorative a chi vuole intraprendere il mestiere del regista?

 

 

«Assolutamente no, o perlomeno sono molto scarse. Nel mio film ho portato alcuni tecnici di Caserta con me per dar loro delle opportunità, ma non posso fare a meno di consigliare a chi voglia intraprendere questo mestiere di trasferirsi a Roma. Ovviamente ci sono giovani che hanno voglia di fare, che realizzano cortometraggi, che partecipano alle varie iniziative, ma fin quando si pensa di iniziare a farsi conoscere attraverso i festival va benissimo; chi vuole poi iniziare a considerare la regia come mestiere non può non trasferirsi a Roma.»

 

Hai già in mente i prossimi progetti?

 

«Innanzitutto mi sto dedicando molto alla distribuzione di Nient’atro che noi, partecipando ai festival, alle rassegne, poi essendo presi nella rosa del David di Donatello giovani sto iniziando una tournée in tutte le scuole italiane. Sto anche curando l’uscita di Masaniello, il mio film con Franco Nero e Anna Galiena, che è uscito solo per i festival e quindi non ho avuto ancora modo di portarlo al cinema. Infine ci sono altri progetti di cui non posso ancora parlare.»

 

Ma Fresco di Stampa, ovviamente, si terrà aggiornato.

 

 

marcoeleroy

        Philippe Leroy e Andrea Lucente



L’ INIZIATIVA

Il Cinema a portata di mano

 

 

 

L’A.C.T.A.form, Accademia per la formazone Cinetelevisiva-Teatrale e delle Arti, è una scuola curata dal regista Angelo Antonucci, che s’impegna a dare ai ragazzi le conoscenze di base sulla settima arte, sia dal punto di vista tecnico che artistico, per aiutarli a capire se questo è o meno il loro settore e quindi a fare il grande salto (a Roma, ovviamente) dove poi tentare una strada ancora più specifica e accurata, frutto di una determinata scelta di vita che consiste nel vedere il cinema come mestiere e non più come passione, hobby.

 

In sintesi, ci dice lo stesso Antonucci, «A.C.T.A.form serve a dare ai ragazzi gli strumenti utili ad avere le potenzialità per poter dedicarsi ventiquattr’ore al giorno alla regia o alla recitazione.»

 

Antonucci cura il novanta per cento delle lezioni, interagendo coi ragazzi e portandoli spesso sui propri set o su quelli di alcuni colleghi per far loro vedere il mondo pratico del cinema. Proprio per questa grossa presenza del regista casertano, le lezioni potranno cominciare solo verso Gennaio, magari con una full immersion di dodici week-end, sufficienti – a parere di Antonucci – a infondere le conoscenze di base per potersi dedicare al cinema.

 

«Dedicandomi alla produzione e alla regia non mi sono sentito di prendermi attualmente l’impegno di un corso di recitazione e di regia, quindi ho decido si aspettare la fine della promozione del film e cominciare i corsi a inizio anno nuovo. Poi, se devo essere un po’ polemico, non mi va nemmeno di confondermi tra la vasta serie di corsi di cinema sparsi per il Casertano e fatti da persone che promettono un futuro che nemeno loro sanno come raggiungere, e quindi attivano questi corsi più per farsi pubblicità che altro. Quindi buttarmi in una mischia del genere mi sembra solo deleterio per me e per i ragazzi.»

 

nientaltrochenoi

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;}

Trama

Marco arriva in una nuova scuola di Roma, frequentata da Miki, un ragazzo che si atteggia a bullo, e di cui diventa la vittima. Tra storie di scuola, amicizia, amore e rapporti difficili con i genitori, si intrecciano una serie di episodi di bullismo sempre più gravi, fino a sfiorare la tragedia.

 

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/4/4a/Segui_progetto.png/20px-Segui_progetto.png

Nient’altro che noi

 

Titolo originale:

Lingua originale:

Italiano

Paese:

Italia

Anno:

2008

Durata:

90

Colore:

colore

Audio:

sonoro

Rapporto:

1,85:1

Genere:

commedia

Regia:

Angelo Antonucci

Soggetto:

Angelo Antonucci

Sceneggiatura:

Angelo Antonucci

Produttore:

 

Produttore esecutivo:

 

Casa di produzione:

Elite Group International srl

Distribuzione (Italia):

Microcinema-Digima-EGI srl

Storyboard:

 

Art director:

 

Character design:

 

Mecha design:

 

Animatori:

 

Interpreti e personaggi

Nient’altro che noi” è un film che parla di scuola e bullismo diretto dal regista e sceneggiatore di Caserta Angelo Antonucci.
Il tema scelto per questo film è di “tragica attualità”, dichiara Antonucci sul sito ufficiale nientaltrochenoifilm.com. “ll mio film Nient’altro che noi – spiega il regista – è ispirato ad una storia vera. Purtroppo questi tristi episodi, che vedono coinvolti, soprattutto giovanissimi, sono una quotidiana realtà. Non è stato difficile reperire ricerche, studi e cronache su questa tematica.”

Il film per il momento non è ancora stato distribuito nelle sale cinematografiche, ma sta riscuotendo grande successo nelle scuole, dove è disponibile per le mattinate da Ottobre.

I protagonisti, tutti giovanissimi e molti alla prima esperienza davanti alla macchina da presa, sono: Annica Rodolico, già vista in tv negli spot Tim accanto a De Sica (interpreta Sara, video intervista a fine articolo), Andrea Lucente (interpreta Marco, vittima del bullo), Gabriele Merlonghi (Miki, il bullo, nel secondo video a fine pagina), Daniel Bondì (amico di Marco) e Martina Menichini (Elisa, ex ragazza del bullo).

Nel cast alcuni nomi già noti al pubblico: Francesca Rettondini, l’attore francese Philippe Leroy, Antonella Ponziani e Claudio Botosso.
Hanno partecipato alla realizzazione di musica e colonna sonora il gruppo di Brindisi DNA 71 e il cantautore Rosario di Bella.
“Nient’altro che noi” è stato selezionato per la candidatura al David di Donatello 2009 sezione Giovani.

 LOCANDINA NIENT

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-fareast-font-family:Calibri;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;}

Roma. 2008 La storia del film è raccontata in flashback da Sara, amica di classe di Marco, in un blog sul web. Marco arriva in una nuova scuola ,frequentata anche da Miki, un ragazzo arrogante e violento che si atteggia da bullo… Marco , invece, è uno studente modello , sensibile e riflessivo, e si inserisce facilmente nel nuovo contesto scolastico, stringendo una forte amicizia con Sara, Elisa che è la ex ragazza del bullo, e Federico. Miki, per questi motivi, lo individua come sua prossima vittima e inizia a perseguitarlo in ogni occasione… L’anno scolastico va avanti tra storie d’amore, amicizia, problemi di scuola e rapporti difficili con i genitori. Infatti Miki vive , con un fratello più piccolo, e con il padre avvocato , perso nel tunnel della droga e la madre organizzatrice di eventi. Marco, che vive con una madre sempre impegnata con il suo lavoro ed una sorella assente, riesce a trovare un valido riferimento nel suo anziano maestro di violino che cerca di incoraggiarlo e dargli i consigli più opportuni, anche perché il ragazzo oltre ai problemi con Miki, sta attraversando anche un momento di ricerca interiore di un proprio equilibrio di vita. Gli episodi di bullismo si fanno sempre più frequenti e violenti con Miki che più volte aggredisce fisicamente Marco e tenta anche di violentare Elisa; mentre la scuola sembra non trovare un modo efficace per contrastarlo… Un giorno però Marco e Miki si ritrovano soli , in una situazione di estremo pericolo di vita…

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

______________    M  I  S  T  E  R       B  L  O  G  ___________

 

 

L’ultima mano al poker elettronico

 montesano

 

di

Giuseppe Montesano

 

 

Amici, wow! Ma che goduria, che goduria… Cosa? No, niente sesso, mi sono fatto un pokerino elettronico… Full di assi bello bello, e zàcchete! Cosa ti vinco? Un cihuahua…

     Tony Bongo

***

 

Un cihuahua? Vuoi dire quel cane a forma di topo che strilla come un deficiente? E tu fai il full di assi al pokerino elettronico su internet per vincere il cihuahua? Bongo Bongo, ma sei davvero malato?

     Toti

***

Va be’, lui almeno ha vinto qualcosa!

Io con un pokerino di quattro re che era una meraviglia ho perso pure! E adesso dove vado a dormire? Io mi sono giocato la casa! Secondo voi, se gli do mia moglie Vanna che vuole sempre fare la vacanza di Natale in Egitto e a mio figlio Pappi che si è fatto bocciare solo perché ha detto che la Divina Commedia l’ha scritta Valentino Rossi, quello la casa indietro me la ridà?

 

     Franci

 

***

 

Ma scusa, perché non gli dai pure a tua figlia Susy che almeno sa dire Armani e Gucci in italiano?

    

     Eddy

                                        ***



Perché a Susy l’ho già persa a sette e mezzo elettronico l’altro giorno…

 

     Franci

 

***

 

 

Scusate, ma voi non giocate a soldi? Io so che ai giochi elettronici si vince assai!

 

     Homosapiens

 

***

 

 

E dove stanno più, i soldi? Ce li siamo giocati tutti a zecchinetta con i banchieri e abbiamo perso!

 

***

 

 

E poi che ci sta di male a giocare? Tengo la scuola? E mi gioco la scuola! Tengo il cihuahua? E mi gioco il cihuahua! Tengo il nonno pensionato? E mi gioco il nonno pensionato! Ma tu lo sai quanto vale su internet un nonno pensionato oggi? Una cifra…

 

***

 

 

 Uà! Ma io non ho capito una cosa: ma poi le vincite elettroniche sono virtuali? Cioè, succede che io mi credo che ho vinto a sottomuro elettronico ma è solo un fatto del mio cervello che sta davanti a internet a godere?

 

     Titò

***

 

 

Ma chi se ne frega, Titò! Io basta che gioco! Io vado a lavorare all’alba, non avrò la pensione, mio figlio non entra a Medicina con tutti dieci ma ci entra il figlio del politico che è stato bocciato sei volte, mia moglie non è Nikole Kidman, il mio cane mi morde, e io che devo fare? Gioco ai dadi virtuali! Hai capito? Una botta di vita, un brivido, un’eccitazione…

 

     Ciro

 

***

 

 

Sììì! Come hai ragione, Ciro! E vogliamo mettere i baci a tamarro del mio fidanzato Dodi con una bella giocata elettronica che mi eccita fino alla punta dei capelli? E perdo, e vabbuò, e perdo! E allora? Ma voi a vivere con Dodi lo sapete che significa? No, voi non l’avete mica visto quando risucchia gli spaghetti e si affoga o si sciacqua la bocca con la coca-cola! No, meglio perdere tutto su internet ma godere un po’…

 

     Lena

 

***

 

 

Ah, tu sì che capisci! E la roulette elettronica? Madò! Tu vedi quella pallina che rimbalza e fa tic e tac e toc, e poi clac! Rosso, pari, e hai perso pure l’anticipo sulla tredicesima! Uà, n’emozione che ti fa frrrrr qua sotto…

 

     Simo

 

***

 

 

 

 Gesù! Io con Giampi frrrrr non lo sento più da una vita! Allora devo giocare pure io a roulette elettronica? E io mo mi vado a vendere a questo peso morto di Giampi e mi gioco i trenta euro virtuali che mi danno…

 

     Sissi

 

***

 

 

 

 Miriam! Hai sentito? Ci sta il Bingo virtuale! Non lo sapevi? Come dici? Dici che stiamo dentro a una discarica e ci siamo venduti pure i cartoni dove dormivamo? E ci impegniamo io e te al banco dei pegni! Miriam, me lo sento, questa volta vinciamo…

 

     Tonty

 

***

 

 

 

Ma chi sono questi sfigati, Lallo? Ma di che parlano? Mah! Piuttosto tu mi hai versato quella vincita che sai in Svizzera? Tutto a posto? Occhèi…

 

     Gegè

 

***

 

 

 

Gegè, scusa, ma ieri al tressette elettronico abbiamo perso il Colosseo o la basilica di San Marco? Ah, ho capito, tutti e due! Gegè, e che ce ne importa? Tanto non erano nostri…

 

     Lallo

 

***

 

 

 

Eh, sei grande, Lallo! Senti, ma l’hai visto il gratta e vinci su internet? Sì, quello che ti giochi i disoccupati che hai prodotto e vinci il viaggio nei paradisi fiscali! Uno sballo esagerato…

 

     Gegè

 

***

 

 

Ora basta! Mr. Blog, dica qualcosa di etico! Qualcosa…

 

     Don Francesco

 

***

 

 

 

Amico mio, che dirle? Non riesco a pensare! Di là sento venire un profumo di rana pescatrice con cannella e pepe della Giamaica, e ho sentito stappare uno champagne degno di Ducasse! Lei dice che sognare non è etico?

 

     Mr. Blog

 

 

Giuseppe Montesano

 

 

Da IL MATTINO Anno CXVI n.314 Sabato 15 Novembre 2008

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}


NOTTE DI FINE MILLENNIO


LUNA 1


di

Giuseppe Limone

 


E’ dolce e testardo questo capo
verde a dirotto che trapassa il mare
a proteggerne un lembo
in un arco d’aiuto, nel cavo d’una mano
come un costone del mondo, come un tronco di titano.


PROMONTORIO CAPE TOWN

Si retìcola in fuochi, in accensioni
mobili e s’infiorda
qui la passione della luna
bianca nei fondali delle luci, nei gorghi ardui, nei filtri
degli sguardi naufragati.


Trentaremi

Dicono che un dio
un giorno fissò l’anima a presidio
in questa rupe, anello di vertebra
su un mare
che risponde all’abbraccio
istituendone i confini. Qui non c’è memoria
dei trucidati del mondo. Questa fine millennio
è una bizzarra invenzione del calcolo
nostro del tempo, irresistibile e falsa, che sprigiona
stalattiti di lampi, ma niente ha del tempo se non la nostra
illusione immortale.


LUNA A POSILLIPO

Il leggendario esistere dei nostri anni
in questa incendiaria quiete si fa rupe
a crinale nel millennio che si apre,
che ci prende sul serio e ci dissolve
e salpa al largo nei corpi delle barche,
dei natanti, dei gozzi, delle vele,
delle lampare, delle aspettazioni di fontane
e si trasforma
nel correre d’un putto appena nato ora che scende
a raccogliere il tempo ereditato
nei calzari delle lucciole del mare.


DonnAnna1 Qui
Posillipo s’avvera
in un tripudio di fiàmmule,
anime controluce
nella notte
a un sole bianco unico destato.


VELA 1

Qui,
in quest’anello del tempo reso d’aria,
aperto e chiuso fra la terra e il mare,
riappariamo a noi stessi
nello specchio del millennio che si chiude.


300px-Maronti

Tutta la Pasqua
delle nostre scoperte
è miseria all’occhio del creato,
che ci scruta, solo
l’anima è vera, e il dolore, e questo nostro
non essere che noi, irrimediabili e noi, il friabile
conato di passare
per la cruna del mondo – ciascuno
con le sue impronte digitali.

300px-Chiesa_del_Soccorso_al_tramonto

Tutto l’infinito dei numeri
è esiguo a questo varco, il nostro nome
soffiato
su ala di farfalla
resiste al martello del conio, non può e non sa esser digitale.


Posillipo1 Non
il millennio ci apre, ma noi inconsapevoli l’apriamo
consegnandoci a noi, senza fede, senza l’ultima gioia
che in un punto
un’innocenza senza meriti ci salvi. Perché la vita
è un sogno
scattato al vero
dalla memoria fotografica d’un dio. Solo una testarda
follia forse da qui ora ci lega
al sangue irresistibile del mondo, a chi ci segue.


DonnAnna2Graníto
è la tenerezza nella sera
di questi giorni, nel corale silenzio, questa speranza di trasecolare
in pòsteri migliori, in bimbi
d’oro e grano. Qui
nell’uovo del mondo
di questa rupe ci lascia a meditare
questo capo di terra
tardo e tenace,
come una parola ancora in volo
come un azzardo nella luce.

 

 

Gaiola

( Giuseppe Limone, Notte di fine millennio, Bastogi, Foggia, 2004).

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

DEDICATO…

 

ondaanomalaxx9
 

Murati in alabastri di silenzi

ci traversi

fragorosa di sogni

nell’ aria frantumata di ricordi. – Schegge



PIC_0048 

siamo in dolore, ali d’uccelli

tristi, filigrane di ore

morte che tintinnano nel tempo

del presente, moncherini in attesa

che si compia il miracolo dell’ ora, la sassata

data al non più. – Sei la clessidra

 

PIC_0054

d’anni che non fummo

capaci di fermare,

i grani dell’ addio, il can per l’aia

secco nel sole, il tumulto degli occhi

ritornati

a tenderci la spiga

del passato.

Spiga come una mano involontaria

da dove ora questi sbriciolati

ricordi

cadono a fontane.

 

 

 

PIC_0060

 

Fragole e notti erano i tuoi occhi

e diamanti feriti. Avevi un perdifiato

di montagne. Il vento che raccolse le parole

più nostre è morto

come un sogno destato.

 

280px-Ischia_da_procida

Ti aspetteremo fin quando una mattina

farà a meno del sole, fino a quando

questo soffio di vento a brano a brano

i monti lenti in piano eroderà.

ti aspetteremo con le dita d’acqua

guaste dal freddo, come una memoria

punta da orme.

Ti aspetteremo dove deponemmo

ai piedi d’un dolore un giorno antico

il cuore del silenzio.

 

Abiterà da noi un’ altra morte

di viso dolce, rossa di ricordi.

 

300px-Tramonto_su_Sant

Ci strazierà di grazie di fontane.

Muti saremo in una crisalide d’ acqua.

 


GIUSEPPE LIMONE, Da NOTTE DI FINE MILLENNIO

(Il Capricorno, collana di Poesia, Bastogi  Editrice Italiana)