Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

_____   M I S T E R    B L O G ____________

 

Com’è vuota la zucca di Halloween

 montesano

 

di

Giuseppe Montesano

 

 

 

Ragazzi, ma voi capite? Qua ormai nemmeno Halloween è più Halloween! E che miseria…

     Truzzo

***

 

E a chi lo dici, a me? Io mi vesto da Vampiro, no? Coi denti e tutto, no? Mi avvicino dalla tizia vestita da pallida adolescente che c’avrà almeno trent’anni, e le dico: «Ora ti succhio tutto il sangue!» Per divertirci, no? E quella mi guarda, tutta depressa, con il chewingum masticato stancamente, e fa: «Troppo tardi, ci ha già pensato il mutuo…»

E che cavolo, dico! Ma devo arrivare sempre dopo?

     Vampi

***

 

Pure io, uguale, ma proprio uguale! Sto vestita da Pipistrella gigante, mi metto a succhiare il sangue a un pallido adolescente che c’avrà almeno trent’anni, io per divertimento aspiro ‘sto sangue, aspiro, aspiro, ma niente! Non esce niente! Nemmeno una goccia! E che è successo? Il tipo, a voce bassissima, sospira: «Scusami… Ma sono già passati i bond, la Borsa e i politici… E sono pure aumentati di prezzo i vermicelli a vongole…» E tralàlà! Il tipo pallido si è afflosciato come un sacchetto sgonfio dell’immondizia…

     Strella

***

 

Beati a loro! Da me è passata solo la mia fidanzata Simo, e io già sto dissanguato! Viene da me e fa: «Giangi, ma che ti credi? Che per mezzo che ci sta la crisi tu non mi fai il regalo? Già, tu si’ pazzo! Tu mo mi porti direttamente a Manattàn, hai capito? Perché là si fa Allovìnn originale! Me l’ha detto Lalla che ci va con Geppi che però ci vuole andare con Gigia che però ci vuole andare con Ferdi! E tu non ti illudere che vado a Pianura nel Discarika Bar a fare Allovìnn come l’anno scorso! Allora che fai? Ti decidi? Eh?». Vi rendete conto?

     Giangi

***

 

E tu che hai fatto?

***

 

Io? E secondo te che dovevo fare? Ho fatto un mutuo e l’ho portata a Manattàn…

     Giangi

***

 

Lo vedi? Lo vedi? Raffaele, io ti lascio! Lo vedi che Giangi si sacrifica per la fidanzata? E tu non mi vuoi comprare il vestito da Cattiva che si porta per Halloween? Raffi, e dai, e su! Bacio bacio bacio…

     Puccia

***

 

Ma io sono precario…

     Raffi

***

 

E con questo? E adesso ti vuoi perdere per un vestitino da Lucrezia Borgia fetente con quattro cristalli Swarowski, un poco di oro zecchino e otto metri di seta cruda? E Raffi, e ghià, e fai il bravo! Lo vedi? Lo vedi come sei? E vabbuò, sei precario! E allora? Così è meglio per te! Puoi cambiare mestiere! Sei mobile! Sei creativo! Raffi, tu non lo capisci, ma tu sei un privilegiato…

    Puccia

***

 

Tu dici? E vabbe’, se è così, allora d’accordo: mi ipoteco la casa di papà e ti compro Lucrezia Borgia…

     Raffi

***

 

 Valeriaaa! Ti muovi o no? Arriviamo domani, a stu Allovìn! Come dici? Il trucco da strega non è finito ancora? Vale’, scusa, ma tu per fare la strega bugiarda ti devi pure truccare?

***

 

Ma che vuol dire che le ossa non sono autentiche? Non lo dite nemmeno per scherzo, signò! Queste sono ossa di morto fresche, mai usate prima, proprio come le volevate voi! Come dite? Volete sapere da dove vengono? E che ve ne importa, a voi! Voi dovete fare lo scheletro vivente a Allovìn? E allora! Come dite? E no, e no, ora mi offendete! Io? Io con le ossa extracomunitarie non ci lavoro nemmeno morto! Signò, questa è tutta roba dop, roba italiana originale…

***

 

Si veste da Satana, capisci? Ci distrugge! La coda e le corna e il forcone? Nooo! Si mette la faccia di politico e non ci sta bisogno più di niente…

 

***

 

Mamma, mammina! Chicco mi ha rubato il teschio! Dice che è del nonno suo, e che io non lo posso usare! Ma’, ma nun putessemo piglià pure noi il teschio del nonno? È vivo? E vabbuò, ma’, e che vuol dire! Però il nonno è vecchio, e Allovìn è Allovìn…

***

 

Che vuoi? Vattene! Esco con Dodi, e certo! Tu non ti far vedere più! Te la volevi cavare con la zucca di plastica gonfiabile, eh? Bello, a me Dodi mi ha regalato la zucca scavata nel diamante! Una zucca è per sempre, c’era scritto! E mi ha pure detto che io sono la sua zucca vuota! Capisci? Ma che dolce, che dolce…

 

***

 

E lei, Mr. Blog, a Halloween che fa?

***

 

Ma mi faccio pasta e zucca, naturalmente! Rigorosamente tradizionale: spaghetti spezzati, zucca fritta con aglio e prezzemolo, e pepe fresco: il pecorino è a piacere! Quella sì che è dolce…

     Mr. Blog

 

Giuseppe Montesano

 

Da IL MATTINO Anno CXVI n.302 Sabato 1 Novembre 2008

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...