Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

PAESAGGI…PERSONAGGI…PAESI

(a proposito di Clan dei Casalesi)

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

 

Lascia lente le briglia del tuo ippogrifo, o Astolfo,

e sfrena il tuo volo là dove più ferve l’opera dell’uomo

Però non ingannarmi con false immagini,

ma lascia che io veda la verità e possa poi toccare il giusto….

 

Da qui, Messere, si domina la valle, ciò che si vede è

Ma se l’imago è troppo scarna al vostro occhio

scendiamo a rimirarla da più in basso e planeremo

 in un galoppo alato nel cratere ove gorgoglia il Tempo….

 

 (INTRO  a BMS, Banco del Mutuo Soccorso 1972)

 


 NAPOLI GOLFO

                                                               Foto Il Mattino


ASSE MEDIANO STATALE A DUE CORSIE

 


 

Fatti non foste a viver come bruti

Ma per seguir virtute e canoscenza

 

(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno canto XXVI, 116-120)

 

 


SvincoloFoto dal blog asse mediano



 

Asse Mediano  statale a due corsie

con vista s’un inferno di detriti

diossine tossici bidoni teorie

di malate greggi e stalattiti

 

di tumori…monnezza cancro morti

ecco il biglietto dell’ineffabile

camorra…che regna in angiporti

di paesi devastati con abile

 

mano predatrice…tra fumi fuochi

e bagliori di politica follia…

virulenta apocalisse con pochi

testimoni…e in terra di razzia…

 

Ma quale legge…e qual’emergenza!

Fatti noi siam di putrida indecenza!

 

 

S.D.A. , 1 . 7 . 2007

 fuochi

                                                         Foto Repubblica


STA LENGUA R’ASFALTO TE STREGNE O’ CORE

 

 

‘Sta lengua  r’asfalto te stregn’o’ core,

quann’attavierze  paìse sfriggiate,

spuorch’, chin’e munnezza, a ro’ more

stu’ppoch’e’ campagna già avvelenate.

 

Oiccànno l’Asse Mediano : stuorto

o muorto, tutt’o pigliamm’ogni gghiuorno

pe’ ffaticà, fòttere o cantà; a tuorto

o a  raggione, iss’ se stregn’ attuorno

 

a chesti vvite noste appucuntrute,

‘nzallanute ‘e famme e televisione,

viecchi scass’ e lumère appuciuccute,

oillànno, è iss’ ‘a rivoluzzione!

 

Sì, iss’è a’ città ch’abbraccia e’ paìse,

ca senza storia // vonn’esser’accise!

 

S.D.A. , 14 . 6 . 2007

 

 Asse Mediano

                                        Foto dal blog asse mediano


RAMMERE, SCASSATORIA E MUNNEZZA

 

 RIFIUTI (Paolo Esposito)

Foto Paolo Esposito


Rammère, scassatòria e munnezza,

blocch’ ‘e cement e belli cuartìne..

chi aìz’ ’a copp’, chi lass’ ‘a schifezza

mmiéz’ ‘a na via, chi scipp’ ‘e centrine..

 

Vàttono, allìsciano, abbòffano

‘e cafè : pulitica e camorra

sann’ ‘a canzona e nu ‘nte làssano

cuièto, po’  te sònano a tammòrra..

 

“Vien’ a ccà, chi t’ ‘o fa fa’, nu ‘nte ‘ngazzà,

pienz’ a stàrete ca panza achièna!..

ma l’ ‘e capito ch’è chest’ ‘a libbertà?:

chiagne, vive e futt’! nu ‘nte rà pena!

 

Chi s’arrevòta è nu scardapelle

e primma o ropp’ ‘o facìmm’ ‘a pelle!..”

 

 RIFIUTI FOTO P ESPOSITO

Foto Paolo Esposito


S.D.A. , 7 . 2. 2008

 

 

 

TUTTAPPOST’! FRATUMI’ NU’ ‘NTE ‘NGAZZA’

 

 diviliom

Foto Salvatore Di Vilio



Tuttappòst’! fratumì’ nu’ ‘nte ‘ngazzà,

nu’ nce penzà, ca stasera ‘amma parià..

Chisà si ‘anna mai vist’ ‘a luna ‘ncielo,

schiàt’ ‘ncopp’ ‘e mèzz’ int’ a’ ‘stu ggelo..

 

‘Annanz’ e a’ rèt’, tuost’, pront’ a’ fuì.

‘na ‘uaglion’, o’ mèzz’ ‘mbénn’..agliànn’aì..

ch’è, te vuo’ arapì?..uocchi’ ‘int’all’uocchie,

‘na bbott’ e le se chiéano ‘e ddenócchie..

 

Po’ ‘nu scart’ ‘e rote, ‘na faccia jànch’,

fuj’ e càr’ ‘ntèrra, schiàt’ ‘e ciànch’..

‘uardallà, ‘uard’ o’ ciel’ e chella stella,

tién’, ‘uard!.. po’ se fann’ a’ buttigliella**..

 

Accussì oggi, accussì aiér’..

Ah, si putéss’èss’r’ giorgialfiér’!*

 

*Giorgio Alfieri, “tronista” di Uomini e Donne

**crack in bottiglietta

 

 

S.D.A. , 15 . 2. 2008

 

ALFIORAG

Dal blog asse mediano

QUINNECE ‘E NUVEMBRE RUMILASSEI

 

 

 ARRESTO SETOLA 2Foto Repubblica

 

Quinnece ‘ e  nuvembre rumilassei,

jurnata nzevàta e fredda r’autunno,

ll’uocchie stracque, perz’ mmiez o’ munno,

o’ riloggio me  fa ‘e ttre e vindisei.

 

Stongo scetate ‘a stammatina ‘e ssei,

me sento, me uard  ‘a rend’ fin’a ‘nfunno,

ma nu’ mme fa paura chistu sprufunno

achine ‘e muorte; si, so’ ggià trentasei.

 

‘E vvote allucco, chiagn’ comm’a nu scemo,

me sent’  muorte pur’ì; ma m’ n’ fotto,

nu’ mme mecch’ appaùra, i penz’ ‘a mme.

 

Song’ nu fuchist’, mangio, vevo , fotto

e m’ n’ fotto. // Apparteng’ ‘o sistemo.

Tant’ ‘o ssoccio, primma o ropp’ tocc’ a mme.

 

 OMICIDIO NOVIELLO

                                                                Foto Repubblica


S.D.A. , 15 . 11 . 2006

 

 

 

‘A GGENT’ SO’ VERME E VERME ADDA RESTA’

 

SANDOKAN SCHIAVONEFoto Repubblica

 

Also spracht Der Kamorristen Boss

 

 

‘A ggent’ so’ verme e verme adda restà!..

s’accatta cu’ nu sòrd’..at’ che parlà!

E po’..’sti giurnalìst’ prezzolàt’

A servizio ‘e giùrici ribbusciàt’..

 

Ma che vònn’ ‘sti cuatti puzzaciàt’!

Nunn’ ‘o ssànn’ ca mo’ so’ cundannàt’?

Che cazz’ vònn’! Nuje amma cumannà!

Ccà sul’ nuje facìmme faticà!..

 

Nuje capìmm’ ‘a ggent’, ràmm’ ‘e riŝpost’:

precìse, puntuàle, guai a chi sgarra!..

‘E pulìtici pàrlan’ a’ vvacànt’,

 

ma nuje ce ttenìmm’ p’ caparra:

sinìst’ e destr’, ‘e mannàmm’ annànt’..

zitte e mosca, e guaje a chi se ‘mbòst’!

 

Rifiuto umanoFoto Paolo Esposito

 

a roberto saviano rosaria capacchione raffaele cantone

perché il coraggio civile dimostrato nelle loro professioni

susciti un forte movimento di massa contro queste tigri di carta,

che si fanno forza dell’ altrui viltà

 

 

 

S.D.A. , 15 . 3 . 2007

 

 

ALFIORAG 

 

IN QUESTA TERRA BRUCIA L’IMPOTENZA…

 




napoliassediata 

In  questa terra brucia l’impotenza…

la violenza o l’anarchia del tutto

l’avvolge come un segno…un  lutto

permanente in cui non c’è decenza.

 

Nel degrado v’è solo sofferenza

odio morte… la rabbia è com’ un rutto

osceno che risuona dappertutto

e arde un’orrenda indifferenza

 

definitiva come una sentenza

senz’appello. Nel suo corpo è distrutto

il senso della legge…che  costrutto,

nessuna civiltà nell’indulgenza!

 

Che  mare in strada…che altra sorte

 se non atroci rivoli di morte!…

 

 Omicidio Noviello (La Repubblica)Foto Repubblica


S. D. A.  , 25 . 9 . 2006

 

 

 

 BASTA. DICIAMO NO A TUTTO QUESTO!

 

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

_______ M I S T E R   B L O G ­­______________

 

SCOMMETTO CHE HO PERDUTO

 

di

Giuseppe Montesano

 

 

 

montesano

 

 

Amici del Blog, avete sentito? Si può scommettere se Zenga torna all’Inter o no! I bookmakers lo danno 16 a 1! E a noi…

***

 

…E a noi non ce ne importa niente!

***

 

Ma, dico io, ci mettiamo a scommettere se Zenga va qua o va là? 16 a 1? E che ci guadagni? Io l’altro giorno ho scommesso su mio figlio Sasà che fra una settimana saprà dire più di ventidue parole correttamente! Uà, a Sasà i bookmakers lo danno 5000 a 1! Ma vi rendete conto?Può essere mai che Sasà non sa dire ventidue parole? Io ci ho scommesso 50 euro, un affare…

     Giampi

***

Un affare? Hai buttato 50 euro… Sasà sa dire solo maccheroni, ferrarino, grande, monnezza, euro, macchina, sabato, computer e playstation: e per impararle ci ha messo diciotto anni… Però playstation e computer li sbaglia, perché dice che a lui le lingue extracomunitarie gli fanno schifo…

     La moglie di Giampi

***

 

No, ma io allora non vinco mai? Io avevo scommesso sicuro, pulito, ma-te-ma-ti-co! Su che? Sul fatto che il mio fidanzato per il mio onomastico mi portava una rosa, e mi diceva che per lui ero come l’aria che si respira, e mi guardava con quello sguardo che ti fa ammutolire felice e ti dimentichi del mondo! E quello che fa? Mi telefona e dice: «Amo’, e gghià, e nun fa’ accussì! Stasera tengo la partita di calcetto con Giampi e Dodi, no? E dopo facciamo una cenetta tra amici… Come? È il tuo onomastico? Uà, grande, amo’! Vabbuò, ci vediamo domani e ti porto a fare una pizza a metro a Vico Equense con Pami e Vladi… Come dici? È uno schifo? Amo’, ma sei scema? Là fanno una pizza esagerata…». E io che dovevo fare? Ho preso e mi sono messa a vedere il dottor House con un barattolo di Nutella da cinque chili…

     Anna ’79

***

 

Vabbuò, ma tu almeno hai mangiato! E io? Io ho scommesso cento euro che con il rinnovo del contratto che mi davano ci facevamo una pizza al Presidente io e Lola…

     Pingi

***

 

E allora? Che è successo?

***

 

E che deve succedere? Ho perso tutto! E con Lola ci siamo dovuti dividere un chewingum ai frutti di bosco in due…

     Pingi

***

 

Scusate, ma secondo voi, se scommetto che quelli di palazzo Sangi se ne vanno prima che il sole si spegne e diventa un meteorite, faccio bene? A quelli li danno un milione a uno! Può essere mai che non se ne…

     Franci

***

 

Non lo fare! Ma sei pazzo? Ma non lo sai che le cozze attaccate allo scoglio vanno a Sangi per imparare la tecnica e restano a bocca aperta per l’invidia? Non lo fare! Io avevo messo mille euro sul fatto che quelli di Santa Lù la finivano di dire che loro non c’entrano niente, che loro non sanno niente, che loro fanno cultura e che loro fanno tutto bene…

     Pappi

***

E che è successo?

***

 

Ho perso tutto…

***

Gesù! Ma allora io mi gioco che quelli nuovi saranno diversi! A quelli nuovi i bookmakers li danno centomila a uno, è un affare sicuro, no? Io ci metto duemila euro e mi risolvo tutti i problemi…

 

***

 

Tu dici? Io al tuo posto i duemila euro invece di scommetterli sui nuovi me li andrei a mangiare a un ristorante a tre stelle Michelin! Fai un investimento più sicuro…

***

Io invece vinco sempre! Io avevo scommesso che al posto della solita macchina sportiva che non si porta più nemmeno a Pianura, papi mi comprava l’aereo gran turismo: e ho vinto! Poi ho scommesso che a papi che aveva evaso un miliardo di tasse gli davano un premio di produzione: e ho vinto! E poi mi sono fatto una puntatina pure su papi che si faceva risarcire il miliardo evaso con gli interessi: e ho vinto…

     Lallo

***

 

Pure io! Che coincidenza, Gia’! Io ho fatto le stesse scommesse e ho vinto pure io! Ma vedi com’è la vita…

     Gegè

***

Gegè, a proposito, ma una puntatina sul fatto che abbiamo inquinato tre fiumi e otto discariche, e che ci danno la laurea honoris causa in scienze naturali e ecologia comparata, ce la facciamo?

     Lallo

***

 

E me lo dici pure, La’? Abbiamo già vinto…


                                          ***

Ma, Mister Blog, io non capisco!

***

Capire? E a che serve! Io scommetto su una delicata zuppa di uova di storione e gamberi di fiume, una pernice con crema di funghi e vino cotto, una sacher con spezie orientali e un nero d’Avola di vendemmia tardiva: vedrà, l’oblio è assicurato…

     Mr. Blog

 

Giuseppe Montesano

 

Da IL MATTINO Anno CXVII n.23 Sabato 24 Gennaio 2009

 

CLAN DEI CASALESI

 

Di Giuseppe Limone

 

 SANDOKAN SCHIAVONE

 

 

Siete saliti

in cattedra del sangue

spopolando

fra i megafoni del globo,

                                       voi,

figli di noi

e fratelli degli orrori 

che in tutto il mondo guizzano

come segnali di fumo.

MACCHINA BERUCIATA

Parlate il dialetto dei padri

e ricorrete ai figli. Al fragore dell’oro,

al delirio dell’immagine, all’onore,

agli alibi della terra devastata

dalla legge reciproca dei morsi.

DELITTO DI GIUGLIANO

In nome di femmine e di Dei

dal cuore di pepìte

avete smerciato il futuro

risuscitando il passato

di vampiri assatanati dalla fede

di essere immortali

col sangue disputato

alle viscere dei vivi.

STRAGE CASTELVOLTURNO 1

                             

                                           Avete vinto

il palco dell’orrore

nel libero mercato

delle invenzioni terracquee,

                                           dando onore di pianeta

al vostro fazzoletto di terra,

issando il branco

a bandiera

e cementando gli occhi dei neonati.

Omicidio Noviello (La Repubblica)

                                         

                                     D’un puntino minuscolo 

del globo

avete fatto il buco nero del creato.

                                                      Cerchiamo

nelle vostre viscere l’ultimo buio

che ci liberi il foro della luce.

Dal profondo della nostra peste noi vi ringraziamo.

OMICIDIO NOVIELLO

Non chiedeteci per chi suona la campana, voi,

alchimisti affermati

che scambiate i figli con l’oro,

trasformando la loro fame di futuro

in un futuro di fame.

                                Non temete.

                                                  Siete voi stessi

i più grandi demiurghi della nostra speranza.

                                                       Voi ci ricordate

che il nostro cuore stesso che vi guarda

è fatto  di merda e di sangue. Come voi.

omicidio camorra(5)

                                                        

                                                 Avete un merito.

Ci insegnate i confini oltre i quali non si va.

                                                             

                                                    Ci mostrate

l’intelligenza dei bordi

svelandoci vostro malgrado il volto di Dio,

che è l’altro nome del lampo della catastrofe comune.

                                                       Ci resuscitate

gli occhi dei bambini lastricati

dai letamai delle strade

intirizzite, senza scampo di rimorsi.

STRAGE CASTLVOLTURNO

                                       

                                          Ci restituite

il dovere dell’onore.

                               Ci rimemorate

il filo d’erba

innocente 

che non vi cura

e da lontano sente il palpito del sole.     

 

 

17.1.2009                            

 

 rose

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Commento…

 

LE CRI DE LA NATURE

(Der schrei der Natur  Il grido della Natura)

 

urlo-di-munchDer schrei der Natur, di Edward Munch

                                                

 

Il grido di rabbia,
viene nel centro della terra


nella corteccia dell’arancio
nella piazza
nella  porpora del mare

 

 

 

thescream

Il grido di rabbia si sente
sulla collina, sul sentiero,
sul colore vero della ginestra,


il grido di rabbia
penetra gli occhi dorati
del gatto,

 

 

 

 

grido

penetra il tuo sguardo, figlio
della collina, figlio dell’omertà,


penetra la tua bocca di sabbia
e di dolore,


si mescola al tuo seme.


pubertaPubertà di Eward Munch


véronique vergé

 

26.1.2009

 

rose

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

DOPO BARACK, ANCORA POESIA.

 

cielo

 

Due voci : Viola Amarelli, che ritrae con (auto)ironia lo scrittore/poeta/intellettuale (ma non è il ritratto di tutti quelli che tessono fili per le proprie strategie?) e Fabio Franzin, lucidissimo e formalmente perfetto cantore dell’ orrorifico quotidiano, dei suoi labirinti di solitudine e follia. Complimenti a Francesco Forlani per la scelta e a Nazione Indiana, da cui sono tratti.

 

frottage effeffe                                                          effeffe da Nazione Indiana

(alfabeto)

di


Viola Amarelli

 

 

S’affanna, è importante
telefona, scrive
solleciti fili di ragnatela
il saggio, il racconto, la presentazione
polemiche a freddo contando i contatti,
corteggia editori, spia critici e amici
schernisce new entry e le top dei successi,
tra scambi e contratti giurie e recensioni
blandisce, recide, esibisce pulsioni,
la sera è stanchezza
però soddisfatta,
in fondo qualcuno lo chiama scrittore.

 

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

 

CANTI DELL ‘ OFFESA

 

ColdFront600

 

di Fabio Franzin

 

(Non è più l’umano che pensa il mondo.
Oggi è l’inumano che ci pensa (…) per infiltrazione diretta
di un pensiero virale, contaminatore e virtuale, inumano).
JEAN BAUDRILLARD

 


 

Povere statue. Mai state scolpite
mai state toccate da arte o scalpello
scaricate dalla stiva sull’asfalto


bollente dell’estate stese e per le
storte pose degli arti derise. Statue
del gelo nell’algore che ci avvolge.


Impresse nel display di qualche
telefonino quale esotica immagine
di viaggio da mostrare ai mostri amici

+

le angurie fresche a fette nei tavoli
il ghiaccio nei cocktail a cubetti
quel ghiaccio triturato dai sorrisi.

 

*(Il 14 luglio 2007, nell’area di servizio Bazzera, a Mestre, da un camion tedesco che trasportava angurie, furono estratti i corpi congelati di tre clandestini iracheni. I giornali raccontarono le risa divertite dei turisti di passaggio, le foto ricordo fatte coi telefonini).

 

rose



***

 

È guerra ormai è guerra senza armi
la guerra sgangherata dei pezzenti
con le bollette in mano i denti laschi


la carie che ha intaccato i sentimenti.
Guerra senza esercito e bandiera senza
elmetto né trincea e che di certo non ha


neppure il suo nemico perché il volto
del nemico è celato nel tracollo della
cifra nel codice d’accesso al bancomat.


Guerra in cui ognuno è solo nella lotta
con la sua sporta il ciuffo di sedano che
sbuca il latte che si spande fra la calca


solo col suo cent a grattare la schedina
con la ricetta nella tasca del giaccone
solo ad una voce registrata che ripete


prema il tasto tre invece se desidera
parlare con un nostro operatore.
Solo
a combattere se stesso il suo destino.

 

 

***

rose

 

La voce. Allora. Dall’apice in calando:
un urlo a scemare solo in soffio in fiato
necessario ormai a chiunque per il peso


l’urto della croce. Muto dunque il dissenso
che avvelena i nostri giorni la povertà
che cresce che ritorna il velo dell’incuria


sulle cose. Silenzio ad impastarsi denso
col rancore percorrere le aorte propagarsi
nelle viscere e annidare gelo sasso tumore.


La voce allora che si allea alla bestemmia
con la bestia che fuoriesce dall’umano
la voce che ferisce perché ferita per averle


+

maledette tutte le preghiere la voce che
conosce il proprio limite e sa la sordità
a cui anela l’assurda verità del suo invocare.


***

rose

È che non è neanche più questione
di come o di cosa uno si accontenti
la miseria è sempre iena e la dignità


il moncone che nessuno può esporre
al mondo ormai senza vergogna. La
matassa, il reticolato irto e grigio là


calcato sopra le ansie e le preghiere
di mia madre: Testanera è una bella
pubblicità che promette di ricoprire


a lungo la ricrescita. “Sì, mi balla
la dentiera, altro che parrucchiera”
dice, “mi fanno male le gengive”,


è solo il male a far rima con sociale,
oggi, per chi si ostini a continuare
a vivere oltre l’età contributiva.



***

rose

Le scaglie ocra del guscio di un uovo
e le bucce di un mandarino, sparse in
quel centrino rosso steso fra le fitte


e verdi stecche di una panchina – come
in un’ara, installazione minimale, sacra
rappresentazione ad assemblare codici

+

e colori del Natale: fra abete e presepe,
i doni dei re Magi, l’umile mangiatoia –
alle due del pomeriggio di quest’ultima


domenica d’avvento così bionda di luce
lungo il viale delle ville. La statuina c’è:
seduta accanto, e mi saluta con la mano


mentre passo, nell’altra una fetta di pan
carré; gli stivaletti beige col pelo chiaro
e la cerniera che spuntano sotto le balze


nere del montone certificano il viaggio
affrontato per la fame. E’ festa anche
per lei, oggi, c’è un bel tepore nell’aria


italiana, la neve degli Urali è lontana
ormai, ma l’Europa è una piovra che
sposta i pastorelli nella sua scacchiera


desolata, fra scorie e ciminiere, nessun
salvatore annunciato; la cometa ferma
sopra la grotta del centro commerciale.


***

 

rose


Cosa mai ne capivamo noi di borsa
economia, materia pensavamo fosse
solo per altri, magnati o premi nobel


cifre e diagrammi che non sapevamo
interpretare, che sembravano le Alpi
sulla carta, quotazioni come altitudine


di passo di pianoro. Che al massimo
per noi era fare la cresta sulla spesa
qualche euro che restava nelle tasche


il segno più. Ma col mutuo abbiamo
provato quelle vette capovolte negli
abissi le punte farsi aculei nella carne


(così fa la faina quando striscia
silenziosa nei pollai e uccide fa razzia
per cibarsi poi soltanto delle creste)

 

 

Nell’immagine:

Cold Front

di Walter Martin and Paloma Muñoz

 

 

 

rose

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

OBAMA, NIENTE ILLUSIONI

MA…. “GIVE HOPE A CHANCE”

 

obamafotoposterks1                    Dal Blog georgiamada

 

“……Perché noi sappiamo che il nostro retaggio a patchwork è una forza e non una debolezza. Noi siamo una nazione di cristiani e musulmani, ebrei e induisti e non credenti. Noi siamo formati da ciascun linguaggio e cultura disegnata in ogni angolo di questa Terra; e poiché abbiamo assaggiato l’amaro sapore della Guerra civile e della segregazione razziale e siamo emersi da quell’oscuro capitolo più forti e più uniti, noi non possiamo far altro che credere che i vecchi odi prima o poi passeranno, che le linee tribali saranno presto dissolte, che se il mondo si è rimpicciolito, la nostra comune umanità dovrà riscoprire se stessa; e che l’America deve giocare il suo ruolo nel far entrare il mondo in una nuova era di pace…”

 

(Dal discorso di insediamento di Barack Hussein Obama)

 

obamadalsatellite2ha1                                                                                Dal blog  georgioamada

 

Staremo a vedere e vogliamo dare credito alla speranza.  Già è consolante il fatto che i teocon e Bush hanno s..barack..ato . Ora non ci resta che credere (e operare) nel miracolo della pace e di uno stato vero per la Palestina, sopra ogni cosa. Per il resto, staremo a vedere.

 

 

A BARACK,

AL NUOVO PRESIDENTE

 

 

obamaaf5Dal blog In sonno e in veglia

 

 

“La notte e il buio non saranno eterni”

(Isaia Profeta)

Ma pure il sogno è figlio dei governi

(Anonimo)

 

 

 

Oggi il futuro è più  vicino

e lacrima di gioia – ma fu pianto

di schiavi, catene, sangue, destino

d’ oppressione e di vergogna – canto

 

 

200px-Rosa_Louise_McCauley_Parks_in_1979

 

 

di festa, per la mitezza che sfidò

con Rosa Parks*, per  la piena d’ un fiume

in quel pugno di velluto che osò

levarsi al cielo contro il pattume

 

 

SMITH CARLOS 1968

di menzogne – oggi come allora

Tommie e John e Miles e Louis* cantano

I have a dream* e piangono nell’ ora

dei salmi, delle luci che brillano

 

250px-Miles_Davis_by_Palumbo

 

di vita e festa negli occhi calmi

del ragazzo presidente. E’ vento

nuovo, forse, che fa sognare scalmi

nel campo di regata. Sono cento

 

220px-Louis_Armstrong_NYWTS

 

e più le attese, le speranze

di vittoria per una notte non più

eterna…I have a dream… le maestranze

i nuovi ceti…non  più le schiavitù

 

200px-Martin_Luther_King_Jr_NYWTS

 

della razza, dei padri, del passato,

ma solo il sogno d’ una cosa, mondo

nuovo che s’affaccia…l’annunziato

ruggito del leone a tutto tondo…

 

01 J.JACKSON

 

Ma è solo un nuovo presidente

(i salmi – si sa – finiscono in gloria)

Il dopo bush – lui sì, che indecente! –

è illusione?… scherzo della storia?

 

 

S.D.A. , 6.11.2008

 

makeba 

 

*Rosa Parks,

americana di colore che in una cittadina dell’Alabama

nel 1955 su un autobus si rifiutò di cedere il posto a un bianco: da lì iniziò con veemenza la lotta finale per i diritti civili negli Stati del sud.

*Tommy Smith e John Carlos, rispettivamente primo e terzo sui 200 metri a Città del Messico, Olimpiadi del 1968: salirono sul podio e – all’inno americano- salutarono col pugno chiuso e guantato di velluto nero,simbolo delle Black Panthers

*Miles Davis, Louis Armstrong due tra i più grandi profeti

del jazz di tutti i tempi

*I have a dream,celeberrimo attacco d’un discorso di

Martin Luther King

pace17gennaio2009sj7

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

21 GENNAIO 1921–21 GENNAIO 2009


(88 ANNI FA NASCEVA IL PCI)


IL PCI E’ MORTO VIVA IL PCI!

 

 

 

 rose


 

Oggi i vivi si danno alla macchia,

i volti cari, gli amici, gli estranei,

l’uomo sul fondo, il corvo che gracchia

sulle distese di vani terranei.

 

Per le strade vuote fa mulinello

– e fugge – il vento dalle finestre

murate, a oriente, sulle ginestre

marine ora fiorenti; il martello,

 

la falce, la stella – luce del giorno

e quant’altro che sa d’impossibile

– eppure tutto dal netto contorno –

pare che muoia, inestinguibile.

 

I will survive” cantano in coro…

Qual’ è la notte che porta ristoro?

 

 

 

 rose

 

S. D. A. , 3 . 5. 2008

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PERCHE’ TACI SU GAZA?

 

untitled

               Immagine ripresa dal blog comunitàprovvisoria

di

DONATO SALZARULO 

 

 

Perché taci su Gaza? Perché non

provi a sparpagliare il coro di corvi

gracchianti dietro ai carri armati?

Perché non esprimi ad alta voce

il tuo dissenso?

Sei colomba

del disarmo, lontanissima

da chi è sempre pronto

a legittimare, a giustificare la guerra,

a giudicare argomenti convincenti

gli assassini, le stragi, i bombardamenti.

 

Perché l’esercito potente,

superpotente dei superpotenti,

l’esercito di un popolo ammassato

nei campi di concentramenti e

un tempo quasi sterminato,

dovrebbe avere sempre ragione?

E’ forse infallibile il Governo

che lo manda? E’ sempre nel giusto? 

 

Perché schierarsi coi massacrati di oggi,

mostrare simpatia, compassione,

alleviare il dolore della loro

condizione dovrebbe suonare

razzismo antisemitico?

Tu

non sei il Presidente dell’Iran,

né il capo di Hamas. Tu sei

una spettatrice televisiva,

una colomba che non teme

di volare sulle sofferenze ingiuste,

sulle esistenze distrutte, sulle vite

uccise, non risparmiate.

 

Che uomo è chi ordina bombardamenti

per essere rieletto a febbraio?

 

Trasformare corpi di massacrati

 in volantini di propaganda. Se

questo è un uomo. Nella terra dell’Utile

e dell’Interesse fare di ogni vita

merce di scambio. Se questa

fabbrica di morte è la missione.

 

Vuoi sapere, da quando

hai visto la foto sui giornali,

vuoi sapere il nome della bimba

la cui mano solo affiora dalle macerie

sotto cui un assassino l’ha sepolta. Vuoi

sapere quanti come lei sono morti,

come si chiamavano e che età

avevano e come vivevano

e quali erano le loro storie.

 

Un cardinale ha definito

Gaza “campo di concentramento”

e il coro dei corvi ha gracchiato

per zittirlo. Un politico ha detto

che sembrava una “spedizione punitiva”

piuttosto che una guerra

e ancora il coro di corvi ha gracchiato

per zittirlo.

Anche tu temi

d’essere zittita? Anche tu pensi

che il Governo d’Israele abbia

sempre ragione nei secoli

dei secoli e così sia?

 

No. Tu credi che il terribile

Novecento abbia insegnato

un semplice principio:

chi pratica la distruzione dell’altro

prepara la propria.

            Vuoi sapere, da quando

hai visto la foto sui giornali,

vuoi sapere il nome della bimba…

 

                                  

 

gennaio 2009

 

rose

L’immagine sopra è terribile.  Di certo l’inquadratura è costruita per evidenziarne ancora di più l’orrore, ma essa "parla da sola". Non mi va di corredarla con lunghi testi, no. L’unica cosa che mi è venuta da fare è stato piangere. Un  pianto di dolore e commozione. Un pianto come una preghiera, come un desiderio immenso perchè tutto ciò possa finire; perchè tacciano le armi e parlino gli innocenti, gli spiriti di pace.

muroinviatodadoriana03qn5Insieme a quella bimba è l’intera umanità che muore; quel volto con ancora il velo di infantile sgomento , è l’innocenza sottratta alla vita , non solo a Gaza, ma in   tutte le parti del mondo ove si consumano crimini di guerra e genocidi nel silenzio dei media.

childna0

                                                               Immagine dal blog Nazione Indiana

Piangere,  come condizione per ritrovare umanità e ragione nel fondo di noi e dei nostri "nemici", per imparare a costruire davvero la pace nel fuoco delle divisioni e dell’odio che brucia ogni cosa. Imparare a farlo tutti, credenti, non credenti , diversamente credenti, atei, laici, agnostici, naufraghi ed erranti di tutte le idee… senza rabbia, ma abbandonati alla pietà e al dolore .Per questo sotto posto un’immagine di bimbo che ci "dice" la vita col suo solo essere lì, in mezzo all’orrore. Che il Dio di tutti e di nessuno ci aiuti….

 bambinopalestinesedaraibp1

       Immagine ripresa dal blog georgiamada

PACE

 

 

pace17gennaio2009sj7

 

sogno pace in terra lontana
in terra dove il sole spunta
in terra di polvere e di bandiera
vergine


pace

 

sogno pace in un mondo
che non oso più guardare
nascosta dietro un libro

 
per non piangere

 
ma nessun  libro può proteggermi
dalle  grida che soffocano
da un volto di  bimba  sepolta


non ho più rifugio, riposo.

 

 

véronique

 

rose

 

 

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

SE QUESTO E’  UN UOMO….

 

 

 

 

 

muroinviatodadoriana03qn5

 

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.

 

rose

Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.

 rose


Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.”

 

Primo Levi

 rose


La vita è bella. Possano le generazioni future liberarla da ogni male, oppressione e violenza e goderla in tutto il suo splendore.

Lev Trotsky.

 

pace17gennaio2009sj7

 

__________  M I S T E R    B L O G ________

 

 

Tradimento ai Carabi, vendetta a casa

 

 

di

Giuseppe Montesano

 

 

montesano

 

 

Amici, ma la guardate, la tivvù? Io accendo e sento: Dopo essere stato lasciato, per vendetta, amante tradito divulga dettagli sulla ex amante… Fidanzata lascia fidanzato, e lui per ripicca le buca le gomme della macchina… Moglie lascia marito e lui per sfregio le brucia la pelliccia non ecologica di orso polare… Ma è mai possibile?

 

     Candide

***

 

 

 È mai possibile? Ma questo è niente! Questi sono signori, al confronto di Tony! Ma come? Edo lo ha lasciato per Poldo, e lui che fa? Lui ha preso a Andy Warhol, il barboncino fetente di Edo, e lo ha ingozzato di barrette al cioccolato artistico . E così Andy è schiattato morto a terra! E tutto per un piccolo tradimento, una cosa da niente! Povero Edo…

 

***

 

 Scusate, ma a Andy nessuno ci pensa? Quel povero cagnolino…

 

***

 

 

Povero cagnolino un corno! Edo gli dava le ostriche alla besciamella di agrumi e il filettino di carne chianina tutti i giorni…

 

***

 

 

Beato lui! Io ieri vado a prendere una forchettata di pasta al forno e zac: scatta una tagliola e mi taglia il…

 

***

 

 

 

 

 

 

Ti taglia il…

 

***

 

 

Il dito… E perché poi? Solo perché sono andato in albergo con la sua amica del cuore! E che sarà mai…

 

***

 

 

 

 Ma finitela, per piacere! E io che devo dire? Io lascio a quel deficiente di Giampi, no? Gli dico: «Giampiii, scusa, il nostro rapporto si è un attimino usurato, è normale, no? Giampiii, senti, prendiamoci una pausa di riflessione, è normale, no? Giampiii, io nella pausa vado un attimino in Patagonia un mese, col tuo amico Dodo, è normale, no?» E quello Giampi che fa? Si mette a piangere, si spara e mi rovina tutto il completino di Gonzo&Scemò che mi ero preso ai saldi per tremila euro…

 

     Gigia

 

***

 

 

 

Gigia, amore, non piangere! Però, uà, che cattiveria ’stu Giampi… Ma come? Dico io, Giampi, tu ti spari per amore, e vabbuò: ma ti vuoi rendere conto che non puoi schizzare di rosso un Gonzo&Babbà con le sfumature grigio perla? Non è intonato! E che mancanza di sensibilità! Mio Dio…

 

     Gegè

 

***

 

 

 

 No, Ge’, quella si è voluta vendicare! Oggi la gente è senza cuore! La gente oggi è cattiva! Ma dico io, si può fare così? Imma mi ha lasciato piangendo e gridando davanti a tutti quanti! Ma com’è? Stiamo in vacanza al Villaggio ai Caraibi, e io logicamente prendo e vado con la tipa cubana: è normale! E lei che fa? Comincia a dire che stavamo in luna di miele, che ci eravamo giurati fedeltà, e sopra e sotto! Non ti dico la vergogna davanti a Flavio a Tina a Bimba e a Dudù! Ma tu capisci che crudeltà? E alla fine ha chiesto pure il divorzio…

 

***

 

 

 

No! Veramente? Ma che schifezza! E Gesù, e se mo dovessimo fare un divorzio per una scappatella con una cubana o un cubano nel Villaggio Vacanze, dove andremmo a finire? No, questa è bassezza morale…

 

****

 

 

 Bravo! Vabbuò, dopo ha pure incendiato il Villaggio con la cubana dentro, ma chi se n’è importato? Onestamente, la cattiveria grossa me l’aveva già fatta! Mettersi a dire la fedeltà qua e l’amore là davanti a tutti, capisci? Una figura che non ti dico! E adesso sto in cura dallo psicanalista per riprendermi…

 

     Gegè

 

***

 

 

 

No, hai ragione, sono amarezze che ti segnano dentro! E che ti devo dire, Ge’? L’essere umano è quello che è! A me Rosy sai che ha fatto? Mi ha sputato sulla macchina…

 

      Lallo

 

***

 

 

No! Ha sputato sul ferrarino? Non può essere! È una bestemmia! È un sacrilegio! No, dimmi che non l’ha fatto…

 

***

 

 

 L’ha fatto, Lallo, l’ha fatto! Eh, il diavolo esiste… Ti rendi conto? Io mi sono sentito male, sono svenuto, mi hanno dovuto rassicurare che la saliva non era corrosiva… E perché tutta questa malvagità? Solo perché mi sono messo di nascosto con sua sorella lei deve cadere così in basso? Eh, qua non ci sta più religione…

 

      Lallo

 

***

 

 

Ma sono pazzi! Mister Blog, li sente? Dica qualcosa! Dica che l’amore è un gioco e una dolcezza, gli spieghi che gli esseri umani sono più importanti delle cose! La prego, gli spieghi che in amore le sconfitte sono spesso vittorie, e l’amore è anche lieve e trafiggente, frivolo e libero. e…

 

     Lise

 

***

 

 

 Lise, lei ha detto tutto. E in onore delle sue parole, stappo subito uno champagne, imprendibile e inebriante come l’amore vero…

 

      Mr. Blog

 

 

Giuseppe Montesano

 

 

Da IL MATTINO Anno CXVII n.16 Sabato17 Gennaio 2009