21  MARZO, GIORNO DELLA MEMORIA

donDiana-2

ONORE A TUTTE LE VITTIME DELLE MAFIE E DELLE CAMORRE, CRIMINALI E POLITICHE.

ONORE ALLA MEMORIA DI DON PEPPINO DIANA, DON PINO PUGLISI, FEDERICO DEL PRETE, SALVATORE NUVOLETTA, FRANCO IMPOSIMATO, ATTILIO ROMANO’ E TUTTE LE ALTRE NOVECENTO E PIU’ VITTIME CADUTE PER AFFERMARE IL DIRITTO ALLA VITA E ALLA LEGALITA’ CONTRO LA VIOLENZA, LA BARBARIE E LA VILTA’ DEL SILENZIO E DELL’INDIFFERENZA OMERTOSA. ONORE ALLA NOSTRA TERRA MARTIRIZZATA  VIOLENTATA . VERGOGNA PER CAMORRISTI E POLITICANTI VILI E COLLUSI.

dondianamessa

 
BASTA. DICIAMO NO A TUTTO QUESTO!
dondiana1
PAESAGGI…PERSONAGGI…PAESI
(a proposito di Clan dei Casalesi)
 

 
Lascia lente le briglia del tuo ippogrifo, o Astolfo,
e sfrena il tuo volo là dove più ferve l’opera dell’uomo
Però non ingannarmi con false immagini,
ma lascia che io veda la verità e possa poi toccare il giusto….
 
Da qui, Messere, si domina la valle, ciò che si vede è
Ma se l’imago è troppo scarna al vostro occhio
scendiamo a rimirarla da più in basso e planeremo
 in un galoppo alato nel cratere ove gorgoglia il Tempo….
 
 (INTRO a BMS, Banco del Mutuo Soccorso 1972)
 

 NAPOLI GOLFO
                                                               Foto Il Mattino

ASSE MEDIANO STATALE A DUE CORSIE
 

 
Fatti non foste a viver come bruti
Ma per seguir virtute e canoscenza
 
(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno canto XXVI, 116-120)
 
 

SvincoloFoto dal blog asse mediano


 
Asse Mediano statale a due corsie
con vista s’un inferno di detriti
diossine tossici bidoni teorie
di malate greggi e stalattiti
 
di tumori…monnezza cancro morti
ecco il biglietto dell’ineffabile
camorra…che regna in angiporti
di paesi devastati con abile
 
mano predatrice…tra fumi fuochi
e bagliori di politica follia…
virulenta apocalisse con pochi
testimoni…e in terra di razzia…
 
Ma quale legge…e qual’emergenza!
Fatti noi siam di putrida indecenza!
 
 
S.D.A. , 1 . 7 . 2007
 fuochi
                                                         Foto Repubblica

STA LENGUA R’ASFALTO TE STREGNE O’ CORE
 
 
‘Sta lengua r’asfalto te stregn’o’ core,
quann’attavierze paìse sfriggiate,
spuorch’, chin’e munnezza, a ro’ more
stu’ppoch’e’ campagna già avvelenate.
 
Oiccànno l’Asse Mediano : stuorto
o muorto, tutt’o pigliamm’ogni gghiuorno
pe’ ffaticà, fòttere o cantà; a tuorto
o a raggione, iss’ se stregn’ attuorno
 
a chesti vvite noste appucuntrute,
‘nzallanute ‘e famme e televisione,
viecchi scass’ e lumère appuciuccute,
oillànno, è iss’ ‘a rivoluzzione!
 
Sì, iss’è a’ città ch’abbraccia e’ paìse,
ca senza storia // vonn’esser’accise!
 
S.D.A. , 14 . 6 . 2007
 
 Asse Mediano
                                        Foto dal blog asse mediano

RAMMERE, SCASSATORIA E MUNNEZZA
 
 RIFIUTI (Paolo Esposito)
Foto Paolo Esposito

Rammère, scassatòria e munnezza,
blocch’ ‘e cement e belli cuartìne..
chi aìz’ ’a copp’, chi lass’ ‘a schifezza
mmiéz’ ‘a na via, chi scipp’ ‘e centrine..
 
Vàttono, allìsciano, abbòffano
‘e cafè : pulitica e camorra
sann’ ‘a canzona e nu ‘nte làssano
cuièto, po’ te sònano a tammòrra..
 
“Vien’ a ccà, chi t’ ‘o fa fa’, nu ‘nte ‘ngazzà,
pienz’ a stàrete ca panza achièna!..
ma l’ ‘e capito ch’è chest’ ‘a libbertà?:
chiagne, vive e futt’! nu ‘nte rà pena!
 
Chi s’arrevòta è nu scardapelle
e primma o ropp’ ‘o facìmm’ ‘a pelle!..”
 
 RIFIUTI FOTO P ESPOSITO
Foto Paolo Esposito

S.D.A. , 7 . 2. 2008
 
 
 
TUTTAPPOST’! FRATUMI’ NU’ ‘NTE ‘NGAZZA’
 
 diviliom
Foto Salvatore Di Vilio


Tuttappòst’! fratumì’ nu’ ‘nte ‘ngazzà,
nu’ nce penzà, ca stasera ‘amma parià..
Chisà si ‘anna mai vist’ ‘a luna ‘ncielo,
schiàt’ ‘ncopp’ ‘e mèzz’ int’ a’ ‘stu ggelo..
 
‘Annanz’ e a’ rèt’, tuost’, pront’ a’ fuì.
‘na ‘uaglion’, o’ mèzz’ ‘mbénn’..agliànn’aì..
ch’è, te vuo’ arapì?..uocchi’ ‘int’all’uocchie,
‘na bbott’ e le se chiéano ‘e ddenócchie..
 
Po’ ‘nu scart’ ‘e rote, ‘na faccia jànch’,
fuj’ e càr’ ‘ntèrra, schiàt’ ‘e ciànch’..
‘uardallà, ‘uard’ o’ ciel’ e chella stella,
tién’, ‘uard!.. po’ se fann’ a’ buttigliella**..
 
Accussì oggi, accussì aiér’..
Ah, si putéss’èss’r’ giorgialfiér’!*
 
*Giorgio Alfieri, “tronista” di Uomini e Donne
**crack in bottiglietta
 
 
S.D.A. , 15 . 2. 2008
 
ALFIORAG
Dal blog asse mediano
QUINNECE ‘E NUVEMBRE RUMILASSEI
 
 
 ARRESTO SETOLA 2Foto Repubblica
 
Quinnece ‘ e nuvembre rumilassei,
jurnata nzevàta e fredda r’autunno,
ll’uocchie stracque, perz’ mmiez o’ munno,
o’ riloggio me fa ‘e ttre e vindisei.
 
Stongo scetate ‘a stammatina ‘e ssei,
me sento, me uard ‘a rend’ fin’a ‘nfunno,
ma nu’ mme fa paura chistu sprufunno
achine ‘e muorte; si, so’ ggià trentasei.
 
‘E vvote allucco, chiagn’ comm’a nu scemo,
me sent’ muorte pur’ì; ma m’ n’ fotto,
nu’ mme mecch’ appaùra, i penz’ ‘a mme.
 
Song’ nu fuchist’, mangio, vevo , fotto
e m’ n’ fotto. // Apparteng’ ‘o sistemo.
Tant’ ‘o ssoccio, primma o ropp’ tocc’ a mme.
 
 OMICIDIO NOVIELLO
                                                                Foto Repubblica

S.D.A. , 15 . 11 . 2006
 
 
 
‘A GGENT’ SO’ VERME E VERME ADDA RESTA’
 
SANDOKAN SCHIAVONEFoto Repubblica
 
Also spracht Der Kamorristen Boss
 
 
‘A ggent’ so’ verme e verme adda restà!..
s’accatta cu’ nu sòrd’..at’ che parlà!
E po’..’sti giurnalìst’ prezzolàt’
A servizio ‘e giùrici ribbusciàt’..
 
Ma che vònn’ ‘sti cuatti puzzaciàt’!
Nunn’ ‘o ssànn’ ca mo’ so’ cundannàt’?
Che cazz’ vònn’! Nuje amma cumannà!
Ccà sul’ nuje facìmme faticà!..
 
Nuje capìmm’ ‘a ggent’, ràmm’ ‘e riŝpost’:
precìse, puntuàle, guai a chi sgarra!..
‘E pulìtici pàrlan’ a’ vvacànt’,
 
ma nuje ce ttenìmm’ p’ caparra:
sinìst’ e destr’, ‘e mannàmm’ annànt’..
zitte e mosca, e guaje a chi se ‘mbòst’!
 
Rifiuto umanoFoto Paolo Esposito
 
a roberto saviano rosaria capacchione raffaele cantone
perché il coraggio civile dimostrato nelle loro professioni
susciti un forte movimento di massa contro queste tigri di carta,
che si fanno forza dell’ altrui viltà
 
 
 
S.D.A. , 15 . 3 . 2007
 
 
ALFIORAG 
 
IN QUESTA TERRA BRUCIA L’IMPOTENZA…
 



napoliassediata 
In questa terra brucia l’impotenza…
la violenza o l’anarchia del tutto
l’avvolge come un segno…un lutto
permanente in cui non c’è decenza.
 
Nel degrado v’è solo sofferenza
odio morte… la rabbia è com’ un rutto
osceno che risuona dappertutto
e arde un’orrenda indifferenza
 
definitiva come una sentenza
senz’appello. Nel suo corpo è distrutto
il senso della legge…che costrutto,
nessuna civiltà nell’indulgenza!
 
Che mare in strada…che altra sorte
 se non atroci rivoli di morte!…
 
 Omicidio Noviello (La Repubblica)Foto Repubblica

S. D. A. , 25 . 9 . 2006
 
 
 
 BASTA. DICIAMO NO A TUTTO QUESTO!
 
 

CLAN DEI CASALESI
 
Di Giuseppe Limone
 
 SANDOKAN SCHIAVONE
 
 
Siete saliti
in cattedra del sangue
spopolando
fra i megafoni del globo,
                                       voi,
figli di noi
e fratelli degli orrori 
che in tutto il mondo guizzano
come segnali di fumo.
MACCHINA BERUCIATA
Parlate il dialetto dei padri
e ricorrete ai figli. Al fragore dell’oro,
al delirio dell’immagine, all’onore,
agli alibi della terra devastata
dalla legge reciproca dei morsi.
DELITTO DI GIUGLIANO
In nome di femmine e di Dei
dal cuore di pepìte
avete smerciato il futuro
risuscitando il passato
di vampiri assatanati dalla fede
di essere immortali
col sangue disputato
alle viscere dei vivi.
STRAGE CASTELVOLTURNO 1
                             
                                           Avete vinto
il palco dell’orrore
nel libero mercato
delle invenzioni terracquee,
                                           dando onore di pianeta
al vostro fazzoletto di terra,
issando il branco
a bandiera
e cementando gli occhi dei neonati.
Omicidio Noviello (La Repubblica)
                                         
                                     D’un puntino minuscolo 
del globo
avete fatto il buco nero del creato.
                                                      Cerchiamo
nelle vostre viscere l’ultimo buio
che ci liberi il foro della luce.
Dal profondo della nostra peste noi vi ringraziamo.
OMICIDIO NOVIELLO
Non chiedeteci per chi suona la campana, voi,
alchimisti affermati
che scambiate i figli con l’oro,
trasformando la loro fame di futuro
in un futuro di fame.
                                Non temete.
                                                  Siete voi stessi
i più grandi demiurghi della nostra speranza.
                                                       Voi ci ricordate
che il nostro cuore stesso che vi guarda
è fatto  di merda e di sangue. Come voi.
omicidio camorra(5)
                                                        
                                                 Avete un merito.
Ci insegnate i confini oltre i quali non si va.
                                                             
                                                    Ci mostrate
l’intelligenza dei bordi
svelandoci vostro malgrado il volto di Dio,
che è l’altro nome del lampo della catastrofe comune.
                                                       Ci resuscitate
gli occhi dei bambini lastricati
dai letamai delle strade
intirizzite, senza scampo di rimorsi.
STRAGE CASTLVOLTURNO
                                       
                                          Ci restituite
il dovere dell’onore.
                               Ci rimemorate
il filo d’erba
innocente 
che non vi cura
e da lontano sente il palpito del sole.     
 
 
17.1.2009                            
 
 rose
 
 

Commento…
 
LE CRI DE LA NATURE
(Der schrei der Natur Il grido della Natura)
 
urlo-di-munchDer schrei der Natur, di Edward Munch

                                                

 
Il grido di rabbia,
viene nel centro della terra

nella corteccia dell’arancio
nella piazza
nella  porpora del mare
 
 
 
thescream
Il grido di rabbia si sente
sulla collina, sul sentiero,
sul colore vero della ginestra,

il grido di rabbia
penetra gli occhi dorati
del gatto,
 
 
 
 
grido
penetra il tuo sguardo, figlio
della collina, figlio dell’omertà,

penetra la tua bocca di sabbia
e di dolore,

si mescola al tuo seme.

pubertaPubertà di Eward Munch

véronique vergé
 
26.1.2009
 
rose

ONORE A DON PEPPINO DIANA
CHE NELLA SUA BREVE MA INTENSA VITA
HA ESPRESSO L’ANIMA PIU’ BELLA DEL POPOLO CASALESE
DEL NOSTRO POPOLO
E PER AMORE DEL NOSTRO POPOLO NON TACEREMO
DON PEPPE DIANA
Annunci

One thought on “

  1. Calamaio del silenzio

    Parlare, scrivere, testimoniare,
    osare affrontare lo sguardo, la mano,
    la morte è sporca, bagnata di sangue, all’orlo di un mare denso,
    urla
    La paura strilla nel cuore, spara, mira,
    sopra il cielo è bagnato, blu innocente
    Parlare, scrivere, testimoniare,
    pensare ai prigionieri della verità,
    sotto scorta
    Sopra il soffio del vento è chiuso,
    affogato,
    giorno della memoria, scritta in rosso,
    pensare al ragazzo camminando
    tra le vele, senza l’orrizzonte da sognare,
    sopra piovano la paura, l’oscurità, la miseria, vele sbiadite, senza anima,
    per nessuno viaggio,
    dentro il carico del dolore.

    Grazia a te Saldan, per lo spazio di libertà.

    veroni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...