Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

GERARDO PEDICINI,

GIORNALE DI BORDO

DAL BALTICO

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

II, III, IV

FIUME_LITUANO

 

II

 

per Vilius Orvidas

prima il declivio, poi un dosso

nella campagna intrisa d’acqua

e di memorie.

al di là della casa,

intagliati in blocchi di legno

lungo i viali molli di foglie

San Giorgi, madonne, Cristi,

stelle e soli sofferenti.

nel breve giro degli anni

sono stati muti compagni

di un volontario esilio,

una lenta marcia funebre

accompagnata

dai tremuli virgulti di susini

cresciuti col tuo sangue.

amari sono i frutti nella bocca.

di te altro non resta che questo cimitero

di statue nella luce a venire,

appena un sussurro

come il respiro del cipresso nella notte.

 

 

geles Zidonyte


II

 

 

Viliui Orvidui

pirma atðlaitë, paskui kalva

sodybos atspindys vandeny

ir atmintyje.

ten uþ namo toliau

lietumi ámirkæ takeliai

iðskobti ið ràstø mediniø

ðventi Jurgiai, madonos ir Kristûs

þvaigþdës ir kenèianèios saulës.

trumpam metø bëgsme

tapo jie nebylia draugija

laisvanoriðkojo egzilio,

lëtas gedulo marðas

palydimas

virpanèiø medþiø daigeliø

iðaugusiø ið tavo kraujo.

kartûs jø vaisiai burnoj.

po tavês nieko neliko, tik ðitie kapai

statulø, kur skendi ðviesoj,

vien tiktai ðnabþdesys

tarsi kipariso atodûsis naktyje.

 

 

cinghiali

II

 

for Vilius Orvidas

first a slope, followed by a mound

in the countryside merged by water

and by memories.

beyond the house,

carved in wooden blocks

along the alleys soppy of leafs

Saint Georges, madonnas, Christs,

stars and suns anguishing.

in the short turning of the years

they have been mute companions

of a voluntary exile,

a slow funerary march

accompanied

by quivery sprouts of damsons

grown with ones blood.

pungent are the fruits in the mouth.

of you nothing remains but this graveyard

of statues in the light to come,

but a susurrus

akin to the breathing of the cypress in the night.

 

Linlin_214[1]

II

 

pour Vilius Orvidas

d’abord la déclivité, ensuite un dos

dans la campagne imprégnée d’eau

et de mémoires.

au-delà de la maison,

sculptés en blocs de bois

le long des boulevards mous de feuilles

Saints Georges, madones, Christs,

étoiles et soleils souffrants.

dans le bref tour des années

ils ont été des muets copains

d’un volontaire exil,

une lente marche funèbre

accompagnée

de tremblotant bourgeons de pruniers

crû avec ton sang.

amers sont les fruits dans la bouche.

de toi autre ne reste que ce cimetière

de statues dans la lumière à venir,

à peine un murmure

comme le souffle du cyprès dans la nuit.

 

 

Linlin_214[1]

III

il sentiero è una pertica

tesa verso il cielo,

entra tra i nodi dei rami di betulle

e si inerpica sulla montagna delle streghe

molle di pioggia.

c’è un silenzio antico

e odore di muschio e di ceri

come in chiesa

in questo bisbigliare di fronde

tra le statue di legno

abbandonate nel verde dei pendii.

qui c’è la tua storia. in ogni personaggio

è racchiusa una fiaba. Eglë la splendente,

il tonante Perkûnas,

il sotterraneo Velnias,

il sacro Þaltys.

come un falco pellegrino

mi sono accucciato

nell’incavo dello stanco Keliukis

e mi sono ritrovato nell’ombra

che il sole disegna sul mare a Palanga

nel brusìo che scende come pioggia

negli occhi attoniti degli uomini.

 

 

 

ESTATE

III

 

takelis tarytumei laiptai

kylantys link dangaus,

tarp berþø ðakø susipynusiø

besiropðèiantys á raganø kalnà

ámirkusá lietumi.

èionai senovinë tyluma

ir kvapas – samanø bei vaðko

kaip baþnyèioje

ðitame lapijos ðnarëjime

ðlaitø þalumoje

lyg sargybiniai

þiûri medinës statulos

tarytum kalnø milþinai.

tai tavo istorija. statuloje

kiekvienoj – sakmë. Spindinti Eglë,

griausmingas Perkûnas,

poþemiø Velnias,

ðventasis Þaltys.

tartum sakalas keliauninkas

savin susigûþiau

iðskobtam suole

pavargusio dievo Keliukio

ir pamaèiau ðeðëlyje

kad saulë tapo paveikslà Palangos jûroj

ðlamesy, kur krinta tarsi lietus

apstulbusiose þmoniø akyse.

 

 

mimosajpg

 

III

 

the pathway is a perth

stretched towards the sky,

piercing amid the knots of the branches of birch

and ascending on the mountain of the witches

flabby of rain.

there is and antique silence

and a smell of musk and ceriums

like in a church

in this whispering of frondage

amidst the wooden statues

forsaken in the jade of the slopes.

here is your history. in every character

is enclosed a fairytale. Eglë the resplendent,

the booming Perkûnas,

the subterranean Velnias,

the sacred Þaltys.

like a wandering falcon

I crouched

in the hollow of the weary Keliukis

and I discovered myself in the shadow

that the sun sketches on the sea at Palanga

in the buzz that descends like rain

in the dazed eyes of men.

 

 

 

giuseppe-tomelleri

III

 

le sentier est une perche

tendue vers le ciel,

il entre parmi les noeuds des branches de bouleaux

et grimpe sur la montagne des sorcières

molle de pluie.

il y a un silence ancien

et odeur de mousse et de cierge

comme en église

dans ce murmure de tiges

parmi les statues de bois

abandonnées dans le vert des pentes.

ici il y a ton histoire. dans chaque personnage

est renfermée une fable. Eglë la resplendissant,

le tonnant Perkûnas,

le souterrain Velnias,

le sacré Þaltys.

comme un faucon pèlerin

je me suis accroupi

dans le creux de l’épuisé Keliukis

et je me suis retrouvé dans l’ombre

que le soleil dessine sur la mer à Palanga

dans le bruissement qui descend comme pluie

dans les yeux étonnés des hommes.

 

 

FIUME_LITUANO

IV

 

nel triangolo tra il fiume,

il fienile e la casa di Þydra

ci specchiammo nel verde.

la cicogna in cima al palo

fu nostra compagna di veglia.

al mattino stese le ali

e si alzò nel cielo

come uno stendardo al vento.

volò sui fiori gialli di rapsas

e scese verso il fiume

con le piume brunite di rasà.

a occhi chiusi la seguimmo

tramezzo i cespugli di ribes e lamponi.

si fermò sull’argine

e affondò il capo nell’acqua coperta

di minuscole spore verdi come ninfee.

le restarono impresse

sulle piume come marchi.

la ritrovai quell’erba molle di pianto

al di là del fiume

come una ferita ancora aperta

nel tappeto acquatico disteso

davanti alla chiesetta

a vigilare sulle croci dei morti

in attesa di un’alba tessuta

di fili di meli e ciclamini.

 

ColdFront600

 

IV

 

trikampyje tarp upiø

darþinë ir Þydros namai

atsispindi þalumoje.

gandras lizde ant stulpo

budëjo mûsø draugijoj

kas rytà mankðtino sparnus

ir kilo á dangø aukðtai

kaip vëliava vëjyje.

skraidë virð geltonos pievos

leidos link upës

rasos sudrëkintais sparnais.

uþmerktom akimis mes já sekëm

tarp ûgliø serbentø ir avieèiø.

nutûpusá prie uþtvankos

panërusá snapà á vandená tamsø

nuo sporø maþyèiø, þaliø lyg lelijos.

pasiliko akimirksniai

ant plunksnø tarytum þenklai.

ten radom þolæ ámirkusià aðarom

kitapus upës

tartum kraujuojanèià atvirà þaizdà

iðtiestam vandens kilime

prieðais tà baþnytëlæ

budint prie mirusiø kryþiø

laukiant auðros prasiskleidþiant

tarp obelø ir ciklamenø.

 

 

 

cielo

IV

 

in the triangle between the river,

hayloft and the house of Þydra

we mirrored ourselves in the green.

the stork at the top of the pole

was our companion of wake.

in the morning she stretched her wings

and raised herself in the sky

like a banner in the wind.

she flew over the yellow flowers of rape

and descended towards the river

with her feathers burnished of galipot.

with eyes shut we followed her

intermingle the ribes and raspberry bushes.

she paused on the bank

and dropped her head in the water swathed

of minuscule green spores like watering-lilies.

they lingered printed

on her feathers like marks.

I rediscovered that lawn mushed from the cry

beyond the river

like a wound still opened

in the aquatic carpet extended

in front of the small church

to oversee the deadmen’s crosses

waiting for a dawn woven

with apple-trees and cyclamens threads.

 

 

 

giardino_fiorito-300x184

IV

 

dans le triangle entre le fleuve,

la grange et la maison de Þydra

nous nous reflétâmes dans le vert.

la cigogne en sommet au poteau

fut notre copine de veille.

au matin elle étendues les ailes

et s’éleva dans le ciel

comme un étendard au vent.

elle vola sur les jaunes fleurs de colza

et descendus vers le fleuve

avec les plumes brunies de résine.

à yeux fermés nous la suivîmes

parmi les buissons de groseilles et framboises.

elle s’arrêta sur la berge

et coula la tête dans l’eau couvert

de minuscules spores vertes comme nymphées.

elles les restèrent estampées

sur le plumes comme marques.

je la retrouvai cette herbe mouillé de pleurs

à au-delà du fleuve

comme une plaie encore ouverte

dans le tapis aquatique étendu

devant l’église

à veiller sur les croix des morts

en attente d’une aube tissée

de fils de pommiers et cyclamens.

 

                                                                                                             (continua

Annunci

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

GERARDO PEDICINI,

GIORNALE DI BORDO

DAL BALTICO

 

 

 

 

VZ_Klaipeda_20016[1]

 

di Saldan

 

Presento qui di seguito una plaquette di otto componimenti tradotti in lituano, inglese e francese rispettivamente da Violeta Zidonyte e Manuela Batul Giangrande, testimonianza dell’interesse di Pedicini per l’est e i paesi baltici, di cui è frequentatore e attento osservatore, pronto a cogliere lo spunto per continuare a tessere la trama di un sentimento poetico intriso di culto del bello.


Gerado Pedicini , oltre che critico d’arte e giornalista, è poeta  che sa far vibrare la corda lirica con tono sommesso  e accento che lascia comunque un segno. Il suo è un lirismo niente affatto retorico, intriso  di osservazione attenta di luoghi e spazi che instaurano una puntuale dialettica con la riflessione interiore, come se la voce interna  venisse innescata dalla voce dei luoghi e delle cose che sfugge all’uomo comune e che solo i poeti che hanno orecchio e visione sanno cogliere.


L’incontro tra queste due voci produce  in modo naturale il ritmo e il respiro della poesia di Pedicini, che sul piano formale si costruisce quasi da sola, in un susseguirsi di versi la cui misura va dal pentasillabo all’endecasillabo, quasi a riprodurre il passo e l’emozione della vista di luoghi altri dai propri.


La parola non è ricercata, ma è diretta, prossima al soliloquio interiore, fatta di una musicalità che non ha bisogno di rima.


Il primo pezzo, per ritmo e atmosfere, mi rimanda in qualche modo al Luzi di Dal fondo delle campagne. Ma la mia è solo una suggestione.


Leggiamolo,ora.                                 


                                                  

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

GIORNALE DI BORDO

DAL BALTICO

                                                    

 

 

 

DISEGNO_DI_VIOLETA

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

I

 

a margine del bosco di betulle

la spalliera di dune bianche

è un muro innalzato alla memoria.

Nida è lontana,

perduta dietro la piega del monte

asserragliata

nel verde smaltato dell’azzurro.

nella casa, un tempo cara a Thomas Mann,

in ordine sparso i libri

pergolano profumi d’altri tempi.

tempi di miseria e di abbandoni,

di attese e di speranze come i nostri

consumati

nell’inedia delle ore

snocciolate

tra le dita come rosari senza pace.

e in questo nostro lento

andare tra le forre

infossate lungo la marina

noi siamo a bordo della strada

come la famigliola di cinghiali

sperduti tra le auto

con il cellulare aperto

sull’ultima notizia

della guerra in Ossezia.

 

AISETAS_20061[1]

 

I

 

berþyno pakraðtyje

atsirëmus á baltas kopas

iðkilusi atminties siena.

Nida tolumoje

uþ kalno raukðlës

skendinti

tvyranèioj þalioj þydrumoj.

namai, kaþkada Tomo Mano branginti,

mena kvapà praëjusio laiko.

laiko nepritekliø ir praradimø,

vilèiø ir laukimo

kaip ir mûsø

tuðtumoje

praleistø valandø

iðlukðtentø

neramiai kaip roþanèius tarp pirðtø.

ir ðiame mûsø lëtam

ëjime tarp kopø

jûros pakrantës takais

mes esam

kaip toji ðerniukø ðeimyna

kelio pakraðtyje

tarp maðinø paklydus

mobilus telefonas

skelbia naujienas

ið karo Osetijoje.

 

foto f iadarola

I

 

at the edge of the forest of birches

the headboard of white dunes

is a wall elevated to remembrance.

Nida is faraway,

lost behind the fold of the mount

engrossed

in the enamelled green of the azure.

in the home, once beloved to Thomas Mann,

in scattered order the tomes

dwell scents of other times,

times of misery and abandonments,

of longings and hopes like ours

consumed

in the tedium of the hours

stoned

between the fingers like peaceless rosaries.

and in our slow

stride between the gulches

entrenched along the marine

we are at the edge of the path

like the family of wild boars

adrift among the cars

with the mobile turned on

the latest news

of the war in Ossezia.

 

 

retrouvemoi_sous_les_pieds_des_ga_2

I

 

à marge du bois de bouleaux

l’espalier de dunes blanches

est un mur élevé à la mémoire.

Nida est lointaine,

perdue derrière la pliure du mont

verrouillée

dans le vert émaillé d’azur.

dans la maison, un temps chère à Thomas Mann,

en ordre éparpillé les livres

demeurent parfums d’autres temps,

temps de misère et d’abandons,

d’attentes et d’espoirs comme les nôtre

consommées

dans l’inanition des heures

dénoyautées

entre les doigts comme rosaires sans paix.

et dans nos lent

aller parmi le ravin

affaissé le long de la marine

nous sommes à la lisiére de la route

comme la famille de sangliers

dispersés parmi les autos

avec le cellulaire ouvert

sur la dernière nouvelle

de la guerre en Ossétie.

 

                                                                                                                         (CONTINUA

 

 

 

 federico-federici-ora-prima-2008

IL SILENZIO DELL’ ABRUZZO
 

rovine

Era il sentiero dentro le rovine
 
una ragazza con lo zaino
davanti l’orizzonte alto della nonna
la mano vecchia e dolce
il paesaggio di neve
il freddo conosciuto
la terra disubbidiente
la casa ferma nel ricordo
tutto fatto con le mani
il sudore il sogno di una vita tranquilla
sospesa tra il cielo e lo spicchio di un albero.

La ragazza ascolta l’immenso silenzio 
da un altro tempo, prima del terremoto
dentro lo scricchiolio lo stridio le cicale e la morte
il frinire della morte.

Una cicatrice ha separato la sua mente
dentro/ fuori.

In TV le immagini
di corpi schiantati sotto la polvere le pietre
una mano si alza verso la montagna
 
poi altre immagini
la crisi del mondo si stende come cimento
come feretro.

Una ragazza cammina
vede la nonna che trema di freddo e di paura.
Piange davanti alla casa.

mani

véronique vergé

 

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

 abruzzo9

Foto da La Repubblica .it

…  Gli imprenditori italiani vincenti non hanno altra forza
che queste ditte capaci di stravincere come prezzi e qualità.
Ogni vantaggio è scaricato su manodopera e sui materiali.
Provengono dal cemento.
Loro stessi sono parte del ciclo del cemento.
Prima di trasformarsi in uomini di fotomodelle,
in manager da barca, in assalitori di gruppi finanziari
in acquirenti di quotidiani,
prima di tutto questo e dietro tutto questo c’è il cemento,
le ditte in subappalto, la sabbia, il pietrisco,
i camioncini zeppi di operai che lavorano di notte e scompaiono al mattino,
le impalcature marce, le assicurazioni fasulle

La forza assoluta dei cartelli criminali è l’edilizia.
(roberto saviano)


Io so e ho le prove


di Roberto Saviano


(postato da Roberto Saviano il 2 dicembre del 2005 su
NazioneIndiana)
perché nonostante tutto, la verità esiste.

Victor Serge

saviano--346x212

Post ripreso dal blog georgiamada



Io so e ho le prove. Io so come hanno origine le economie e dove prendono l’odore. L’odore dell’affermazione e della vittoria. Io so cosa trasuda il profitto. Io so. E La verità della parola non fa prigionieri perché tutto divora e di tutto fa prova. E non deve trascinare controprove e imbastire istruttorie. Osserva, soppesa, guarda, ascolta. Sa. Non condanna in nessun gabbio e i testimoni non ritrattano. Nessuno si pente. Io so e ho le prove. Io so dove le pagine dei manuali d’economia si dileguano mutando i loro frattali in materia, cose, ferro, tempo e contratti. Io so. E lo sanno le mie prove. Le prove non sono nascoste in nessuna pen-drive celata in buche sotto terra. Non ho video compromettenti in garage nascosti in inaccessibili paesini di montagna. Né possiedo documenti ciclostilati dei servizi segreti. Le prove sono inconfutabili perché parziali, riprese con le iridi, raccontate con la parole e temprate con le emozioni rimbalzate su ferri e legni. Io vedo, trasento, guardo, parlo, e così testimonio, brutta parola che ancora può valere quando sussurra: “è falso” all’orecchio di ascolta le cantilene a rima baciata dei meccanismi di potere. La verità è parziale, infondo se fosse riducibile a formula oggettiva sarebbe chimica. Io so e ho le prove. E quindi racconto. Di queste verità.






VAURO CENSURATO Cerco sempre di calmare quest’ansia che mi si innesca ogni volta che cammino, ogni volta che salgo scale, prendo ascensori, quando struscio le suole su zerbini e supero soglie. Non posso fermare un rimuginio d’anima perenne su come sono stati costruiti palazzi e case. E se poi ho qualcuno a portata di parola riesco con difficoltà a trattenermi dal raccontare come si tirano su piani e balconi sino al tetto. Non è un senso di colpa universale che mi pervade, né un riscatto morale verso chi è stato cassato dalla memoria del sentiero della storia. Piuttosto cerco di dismettere quel meccanismo brechtiano che invece ho connaturato, di pensare alle mani e ai piedi della storia. Insomma più alle ciotole perennemente vuote che portarono alla presa della Bastiglia piuttosto che ai proclami della Gironda e dei Giacobini. Non riesco a non pensarci. Ho sempre questo vizio. Come qualcuno che guardando Veermer pensasse a chi ha impastato i colori, tirato la tela coi legni, assemblato gli orecchini di perle, piuttosto che contemplare il ritratto. Una vera perversione. Non riesco proprio a scordarmi come funziona il ciclo del cemento quando vedo una rampa di scale, e non mi distrae da come si mettono in torre le impalcature il vedere una verticale di finestre. Non riesco a far finta di nulla. Non riesco proprio a vedere solo il parato e penso alla malta e alla cazzuola. E persino ai calli che genera il manico di legno del frattazzo usato sino allo stiramento del polso per spianare l’intonaco. Sarà forse che chi nasce in certi meridiani ha rapporto con alcune sostanze in modo singolare, unico. Un rapporto che altrove non potrebbe che essere diverso. Non tutta la materia viene recepita allo stesso modo in ogni luogo. Non so, credo che in Qatar l’odore di petrolio e benzina rimandi a sensazioni e sapori che sanno di residenze immense, monocultura e lenti da sole e limousine anche se magari nel quotidiano il tanfo di benzina e petrolio avviene meno che a Madrid. Lo stesso odore acido del carbonfossile credo a Minsk rimandi a facce scure, fughe di gas, e città affumicate mentre in Belgio rimandi all’odore d’aglio degli italiani ed alla cipolla dei magrebini, i corpi che si inabissavano nelle miniere. Lo stesso accade col cemento per il l’Italia, per il mezzogiorno. Il cemento. Petrolio del sud. Tutto nasce dal cemento. Non esiste impero economico nato nel mezzogiorno che non veda il passaggio nelle costruzioni. Appalti, gare d’appalto, cave, cemento, inerti, malta, mattoni, impalcature, operai. L’armamentario dell’imprenditore italiano è questo. L’imprenditore italiano che non ha i piedi del suo impero, (principato o feudo da valvassore) nel cemento non ha speranza alcuna. Bisogna immaginarsi la sua valigetta simile a quella che qualche anni fa produceva la MicroMachine. Una valigetta per bimbi, che si apriva e dalle pareti uscivano microbetoniere e nano-operai, scivoli e gru. Bisognerebbe pensare così la valigetta di chiunque si appresta a voler diventare imprenditore vincente e potente. E’ il mestiere più semplice per far soldi nel più breve tempo possibile, acquistarsi fiducia, assumere persone nel tempo adatto di un’elezione, distribuire salari, accaparrarsi finanziamenti, moltiplicare il proprio volto sulla fama dei palazzi che si edificano. Il talento del costruttore è quello del mediatore e del rapace. Possiede la pazienza del certosino compilatore di documentazioni burocratiche, di attese interminabili, di autorizzazioni sedimentate come lente gocce di stalattiti. E poi il talento di rapace capace di planare su terreni insospettabili sottrarli per pochi quattrini e poi serbarli sino a quando ogni loro centimetro ed ogni bruco divengono rivendibili a prezzi esponenziali.


apicellailtimoredellaquL’imprenditore rapace sa come saper far usare becco e artigli. Le banche italiane sanno accordare ai costruttori il massimo credito, diciamo che le banche italiane sembrano edificate per i costruttori. E quando proprio non ha meriti e le case che costruirà non bastano come garanzie, ci sarà sempre qualche buon amico del costruttore che garantirà per lui. La concretezza del cemento e delle stanze è l’unica vera materialità che le banche italiane conoscono. Ricerca, laboratorio, agricoltura, artigianati, i direttori di banca li immaginano come territorio vaporosi, iperurani senza presenza di gravità. Stanze, piani, piastrelle, prese del telefono e della corrente. Io so e ho le prove. So come è stata costruita mezz’Italia. E più di mezza. Conosco le mani, le dita, i progetti. E la sabbia. La sabbia che ha tirato su palazzi e grattacieli. Quartieri, parchi, ville. A Castelvolturno nessuno dimentica le file infinite dei camion, che depredavano il fiume Volturno della sua sabbia. Dagli anni ’70 in poi. Camion in fila, che attraversavano le terre costeggiata da contadini che mai avevano visto questi mammuth di ferro e gomma. Erano riusciti a rimanere, a resistere senza emigrare e davanti ai loro occhi gli portavano via tutto. Ora quella sabbia è nelle pareti dei condomini abruzzesi, nei palazzi di Varese, Asiago, Genova. Ora non è più il fiume che va al mare, ma il mare che entra nel fiume. Ora nel Volturno si pescano le spigole, e i contadini non ci sono più. Senza terra hanno iniziato a coltivare e bufale, dopo le bufale hanno iniziato a mettere su piccole imprese edili assumendo giovani nigeriani e sudafricani sottratti ai lavori stagionali, e quando non si sono consorziati con le imprese dei clan hanno incontrato la morte precoce. Io so chi ha costruito l’Emilia Romagna, i quartieri nuovi di Milano, io so chi costruisce le ville in Toscana, le ditte di Michele Zagaria uno dei latitanti più ricercati, che lavorano in subappalto in mezz’Italia. I vantaggi che hanno queste ditte ed i loro committenti sono infiniti, gli inerti vengono saccheggiati portati vie dalle colline e dalle montagne. Le ditte d’estrazione vengono autorizzati per sottrarre quantità minime, ed in realtà mordono e divorano intere montagne. Quintali di pietrisco a basso costo partono da questi luoghi. Inerti a costo zero che andranno a rendere competitive le ditte al nord Italia mentre in mezza Europa cercheranno di accaparrarsi poiché sempre più diviene merce rara. Ma non a sud. Dove non c’è altro che scavare, costruire, tirare su. Io so e ho le prove. Qui la deportazione delle cose ha seguito quella degli uomini. Montagne e colline sbriciolate e impastate nel cemento finiscono ovunque. Da Tenerife a Sassuolo. Spesso mentre le ditte dei clan trivellano, rompono per errore una falda acquifera e le cave diventano laghi artificiali. Potrebbe sembrare un freno alla corsa divoratrice dei palazzinari. Non lo è. I clan gestendo anche i traffici di rifiuti vincono gare di appalto per lo smaltimento dei veleni industriali, e fingendo di smaltire in inesistenti discariche si aggiudicano lo smaltimento di rifiuti pericolosi con prezzi bassi che nessun altra azienda in Europa avrebbe potuto proporre. Non si trattava di smaltire ma di buttare. In realtà le ditte non hanno alcun luogo dove smaltire rifiuti tossici, né impianti adatti. Li inabissano nei laghetti.



apicellailpiccolocostru

In tal modo non solo hanno guadagnato dall’estrazione abusiva ma hanno anche creato un luogo dove nascondere i rifiuti tossici. In tal senso si può ricavare nuovo danaro e rendere le proprie ditte ancor più competenti al servizio in subappalto dei migliori costruttori in circolazione. Una volta in una vecchia trattoria di San Felice a Cancello, incontrai don Salvatore. Un vecchio masto. Era una specie di salma ambulante, non aveva più di 70 anni ma ne mostrava oltre 80. Mi ha raccontato che per dieci anni ha avuto il compito di smistare nelle impastatrici le polveri smaltimento fumi. Quintali di cemento impastato assieme a polveri velenose il cui costo di smaltimento per le aziende era una delle voci più alte del bilancio. Con la mediazione delle ditte dei clan camorristici, ogni costo si è abbassato e lo smaltimento occultato nel cemento è divenuta la cinetica che permette alle ditte di presentarsi alle gare d’appalto con prezzi da manodopera cinese.
Ora garage, pareti e pianerottoli hanno nel loro petto i veleni. Non accadrà nulla sin quando non si creperanno, e qualche operaio magari magrebino respirerà le polveri crepando qualche anno dopo incolpando per il suo cancro la malasorte. Gli imprenditori italiani vincenti non hanno altra forza che queste ditte capaci di stravincere come prezzi e qualità. Ogni vantaggio è scaricato su manodopera e sui materiali. Provengono dal cemento. Loro stessi sono parte del ciclo del cemento. Prima di trasformarsi in uomini di fotomodelle, in manager da barca, in assalitori di gruppi finanziari in acquirenti di quotidiani, prima di tutto questo e dietro tutto questo c’è il cemento, le ditte in subappalto, la sabbia, il pietrisco, i camioncini zeppi di operai che lavorano di notte e scompaiono al mattino, le impalcature marce, le assicurazioni fasulle. Lo spessore delle pareti è ciò su cui poggiano i trascinatori dell’economia italiana. La costituzione dovrebbe mutare. Scrivere che si fonda sul cemento e sui costruttori. Sono loro i padri. Non Einaudi, Ferruccio Parri, Nenni e il comandante Valerio. Furono proprio i palazzinari, a tirare per lo scalpo l’Italia affossata dal crac Sindona e dalla condanna senza appello del Fondo monetario internazionale. Quei costruttori si chiamavano Genghini, Belli, Parnasi. Poi ci fu l’’arrivo dei Caltagirone. Cementifici, appalti, palazzi e quotidiani. Oggi i nuovi volti. Ricucci, Coppola, Statuto. I tre nuovi rampanti imprenditori.



apicellavergogna9aprile

Io so. So come si lavora nei cantieri. Come le impalcature vengono messe a castello, come la parte maggiore dei cantieri presenti in Italia non sia messo a norma, come i materiali siano saccheggiati, i terreni sottratti, gli operai tenuti a nero. I meccanismi sono scientifici, foggiati dalle più brillanti menti dei commercialisti del bel paese. Gli operai vengono costretti a sottoscrivere buste paga perfettamente regolari, così, soprattutto al nord, per eventuali controlli e monitoraggi di sindacati tutto è in regola. In realtà i lavoratori percepiscono il 50% in meno di quanto indicato. Un modo per dimostrare agli ispettori del lavoro il rispetto dei contratti. Una vera e propria evasione fiscale a tavolino che sottrae allo Stato solo per e ditte peranti al nord 500 milioni di euro, secondo quanti affermano i sindacati confederati degli edili. Cifre che rientrano nelle logiche del massimo ribasso. Oltre il 40 % delle ditte edili che agiscono in Italia sono del sud. Agro-aversano, napoletano, salernitano. Senza contare le miriadi di ditte di subappalto che non hanno traccia e quindi non rientrano nelle statistiche. Le imprese arrivano cariche di ragazzi meridionali e romeni. Pochissimi gli africani. La forza assoluta dei cartelli criminali è l’edilizia. Il certificato antimafia. Ormai ridicolo. Ogni ditta di Totò Riina e di Francesco Schiavone Sandokan avevano i certificati antimafia. Per poterlo ricevere basta dimostrare che nella propria azienda non lavorano personaggi condannati per associazione mafiosa. Che ingenuità! E anche qualora qualche affiliato condannato per mafia fosse loro dipendente questi lavorerebbe a nero e i controlli sono inesistenti. Eppure è vero. Nell’edilizia finiscono gli affiliati al giro di boa. Dopo che si fa una carriera da killer, da estorsore o da palo. Insomma dopo che si è passati nell’esercito dei clan si finisce nell’edilizia o a raccogliere spazzatura. Piuttosto che filmati e conferenze a scuola, potrebbe essere interessante prendere i nuovi affiliati, i ragazzini, e portarli a fare un giro per cantieri mostrando il destino di quando invecchieranno (se galera e morte dovessero risparmiarli) staranno su un cantiere invecchiando e scatarrando sangue e calce. Mentre imprenditori e affaristi che i boss credevano di gestire avranno committenze e spose modelle. Di lavoro si muore. Continuamente. La velocità di costruzioni la necessità di risparmiare su ogni tipo di sicurezza e su ogni rispetto d’orario. Turni disumani 9/12 ore al giorno compreso sabato e domenica. 100 euro a settimana la paga con lo straordinario notturno e domenicale di 50 euro ogni 10 ore. I più giovani se ne fanno anche quindici. Magari tirando coca, che qui vendono a 15 euro a pista. Le mascherine per evitare che le polveri siano inalate sembrano una provocazione e il cordino che dovrebbe assicurare alle impalcature i corpi degli operai è usato come portachiavi dei mazzi molteplici dei capimasto. Quando si muore nei cantieri, si avvia un meccanismo collaudato. Il corpo se morto viene portato via dal cantiere e a secondo della zona viene simulato un incidente stradale. Lo mettono in auto che poi si fanno cascare in scarpate o dirupi, non dimenticando di far prendere fuoco all’auto. La somma che l’assicurazione pagherà al morto verrà girata alla famiglia come liquidazione. Non è raro che per simulare l’incidente si feriscano anche i simulatori in modo grave, soprattutto quando c’è da ammaccare un’auto contro il muro, prima di darle fuoco con il cadavere dentro. Quando il masto è presente il meccanismo è funzionante. Quando è assente il panico spesso attanaglia gli operai. Ed allora si prende il ferito grave, il quasi-cadavere e lo si lascia quasi sempre vicino ad una strada che porta all’ospedale. Si passa con la macchina si adagia il corpo e si fugge. Quando proprio lo scrupolo è all’eccesso si avverte un autoambulanza. Chiunque prende parte alla scomparsa o all’abbandono del corpo quasi cadavere sa che lo stesso faranno i colleghi qualora dovesse accedere al suo corpo di sfracellarsi o infilzarsi. Sai per certo che chi ti è a fianco in caso di pericolo ti soccorrerà nell’immediato per sbarazzarsi di te, come dire ti darà il colpo di grazia. E così si ha una specie di diffidenza nei cantieri. Chi ti è a fianco potrebbe essere il tuo boia o tu sarai il suo. Non ti farà soffrire ma sarà anche quello che ti lascerà crepare da solo su un marciapiede o ti darà fuoco in un auto. Tutti i costruttori sanno che funziona in questo modo. E le ditte del sud hanno garanzie migliori. Lavorano e scompaiono ed ogni guaio se lo risolvono senza clamore. Io so ed ho le prove. E le prove hanno un nome. Sono Ciro Leonardo morto a 17 anni mentre stava riparando un solaio cascando dal settimo piano. Le prove si chiamano Francesco Iacomino, aveva 33 anni quando l’hanno trovato con la tuta da lavoro sul selciato all’incrocio tra via Quattro Orologi e via Gabriele D’Annunzio a Ercolano. Nicola Tricarico 26 anni, fulminato mentre lavorava alla ristrutturazione di un negozio. A nero. Dopo l’incidente sono scappati tutti, geometra compreso. Nessuno ha chiamato l’autoambulanza temendo potesse arrivare prima della loro fuga. Lasciando lì il cadavere raffreddarsi. E quando si muore al nord se non c’è tempo di abbandonare a sud il corpo la macchina incidentata è già pronta assieme alla benzina per occultare il corpo in un incidente sulle affollate e insanguinate strade padane. In sette mesi nei cantieri a nord di Napoli sono morti 15 operai edili. Cascati, finiti sotto pale meccaniche o spiaccicati da gru gestite da operai stremati dalle ore di lavoro. Bisogna far presto. Anche se i cantieri durano anni, le ditte in subappalto devono lasciar posto subito ad altre. Guadagnare, battere cassa e andare altrove. Prima si alzano palazzi, prima si vendono, prima si diviene imprenditori, prima i danari vanno altrove. Prima si possono comprare pompe di benzina, prima si possono avere garanzie con le banche, prima si possono sposare modelle e comprare giornali. A sud si può estrarre, si può ancora estrarre. Si possono depredare terre, mordere montagne, nascondere i veleni sotto la moquette della terra. A sud possono ancora nascere gli imperi le maglie dell’economia si possono forzare e l’equilibrio dell’accumulazione originaria non è stato ancora completato. A sud bisognerebbe appendere dalla Puglia alla Calabria dei cartelloni con il BENVENUTO per gli imprenditori che vogliono lanciarsi nell’agone del cemento e in pochi anni entrare nei salotti romani e milanesi. Un BENVENUTO che sa di buona fortuna siccome la ressa è molta e pochissimi galleggiano sulle sabbie mobili. Io so. Ed ho le prove. E i nuovi costruttori proprietari di banche e di panfili, principi del gossip e maestà di nuove baldracche celano il loro guadagno. Forse hanno ancora un anima. Hanno vergogna di dichiarare da dove vengono i propri guadagni. Nel loro paese modello, negli USA quando un imprenditore riesce a divenire riferimento finanziario, quando raggiunge fama e successo accade che convoca analisti e giovani economisti per mostrare la propria qualità economica, e svelare le sue strade battute per la vittoria sul mercato. Qui silenzio. Vergogna. E il danaro è solo danaro. Giuseppe Statuto e Danilo Coppola gli imprenditori vincenti che vengono dall’aversano da una terra malata di camorra, rispondono con cristallinità chi li tormenta sul loro successo: “ ho comprato a 10 e venduto a 300”. Una formula che difficilmente potrà essere sbandierata come modello di meritocrazia e perseveranza per ostacolare le cinetiche criminali. Ma chi
segnalava questi affari, chi aveva un così capillare controllo del territorio? Quali validi agenti hanno usato capaci di comprare a così poco terreni? Nessuna risposta. Dalla terra prendi poi costruisci dalla costruzione hai garanzia e puoi avere così il debito e dal debito ancora palazzi e poi barche, e poi banche…Il meccanismo è banale. Terra è spazio per costruzioni. E come se si estraesse al contrario. Non si scava dalla terra carbone e bauxite. Ma dalla terra si cava l’aria e poi la luce e si occupano vani di ossigeno, il percorso è inverso, spalle al terreno e estrazione al contrario. Qualcuno ha detto che a sud si può vivere come in un paradiso. Basta fissare l’alto e mai, mai osare far cascare gli occhi al basso. Ma non è possibile. L’esproprio d’ogni prospettiva ha sottratto anche gli spazi della vista. Ogni prospettiva è imbattuta in balconi, soffitte, mansarde, condomini, palazzi abbracciati, quartieri annodati. Qui non pensi che qualcosa possa cascare dal cielo. La pioggia d’angeli descritta da Anatole France che casca su Parigi per organizzare la più grande rivolta contro gli errori del creato, non è neanche pensabile nel delirio etilico di qualche serata. Qui scendi giù. Ti inabissi. Perché c’è sempre un abisso nell’abisso. Qui dovrai urlare le parole del padre di Ciro: “Quando sbatti per terra e muori, ti immagini non che l’anima evapori, come ti raccontano al catechismo o vedi nel film Ghost, ma che delle mani ti prendano e ti portino più giù. Ancora più giù se è possibile della terra d’inferno dove viviamo”. E quest’abisso non ha il suo popolo. L’East End di Londra che ammonticchiava i suoi derelitti non esiste, e Jack London per comprendere la ferita della ragione occidentale dovrebbe alternare i suoi giorni tra le serate del generone imprenditoriale romano e i cantieri edili notturni. Così quando pesto scale e stanze, quando salgo nelle ascensori non riesco a non sentire è un vizio della mia psiche. Perché io so. Ed è una perversione. E così quando mi trovo tra i migliori e vincenti imprenditori non mi sento bene. Anche se questi signori sono eleganti, parlano con toni pacati, e votano a sinistra. Io sento l’odore della calce e del cemento, che esce dai calzini, dai gemelli di Bulgari, dai loro meridiani di Italo Calvino e dai loro thriller di Grisham. Io so. Io so chi ha costruito il mio paese e chi lo costruisce. So che non si vive la propria vita di scorribande e tormenti nelle belle ville in Toscana o in Puglia dei film di Giordana e della Comencini, so che stanotte parte un treno da Reggio Calabria che si fermerà a Napoli a mezzanotte e un quarto prima di giungere a Milano. Sarà colmo. E alla stazione i furgoncini e le Punto polverose preleveranno i ragazzi per nuovi cantieri. Un emigrazione senza residenza che nessuno studierà e valuterà poiché rimarrà nelle orme della polvere di calce e solo lì. Io so qual è la vera costituzione del mio tempo, qual è la ricchezza delle imprese. Io so in che misura ogni pilastro è il sangue degli altri. Io so e ho le prove. Non faccio prigionieri.

 

redheart

Pubblicato su Nuovi Argomenti, n°32 ottobre-dicembre 2005, nella sezione IO SO.
Ora è nel capitolo Cemento armato di Gomorra. Viaggio nll’impero economico e nel sogno di dominio della camorra, Mondadori, 2006
Postato da Roberto Saviano in
Nazione indiana il 2 dicembre 2005 alle ore 12, 31

 

 Le vignette di Apicella sono citate dal blog georgiamada

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Al teatro Maria Guerrero.

 

I MAGIC PEOPLE DI MONTESANO IN  SCENA A MADRID FINO AL 3 MAGGIO.

 

MAGIC PEOPLE 4


Un altro riconoscimento internazionale per lo scrittore Giuseppe Montesano. Magic People, la pièce teatrale tratta dal romanzo pubblicato da Feltrinelli nel 2005  rappresentata  a Napoli, Roma e altre città italiane  quest’inverno,  ad opera di Teatri Uniti, è in palcoscenico a Madrid dal 26 marzo al 3 maggio al Teatro Maria Guerrero, a cura del Centro Dramàtico Nacional.

La ricerca narrativa di Montesano è orientata di recente verso le forme e i linguaggi del popolare, inaugurata con la  rubrica del sabato su IL MATTINO e riassunta in MAGIC PEOPLE, il fortunato romanzo Feltrinelli, dove il signor G. era alle prese con un singolare “condominio” popolato da personaggi “strani”  alle prese con le assurdità della vita quotidiana; e  prosegue ogni sabato con  Mr. Blog, dove le schermate di una divertente e sulfurea chat ci presentano quegli stessi Magic People in versione elettronica, sempre più alle prese con le mutazioni del post moderno.

Montesano si cimenta con l’assurdo di vite senza storia con tocco leggero e grottesco,  cede volentieri la scena ai Ciro Vittima, i Titò, i Lallo, le Cinzie di turno alle prese con velleità di grandeur da reality show sospese tra vicolo e cambiali, viaggi alle Lampados e week end virtuali, in un crescendo comico-grottesco degno della migliore tradizione del teatro delle maschere atellane; così il vanaglorioso, lo sciocco, il furbo sagace e il piacione diventano i moderni eroi del quotidiano a cui lo scrittore cede volentieri la scena; ce li sciorina sotto gli occhi per quello che sono…anzi, per quello che siamo. Sì, perché quelli che vediamo agitarsi in un falso movimento vitalistico sono proprio nostri fratelli …gemelli .

Su ride e un  po’ si riflette, magari con l’impulso di  trasformare quella risata in un ghigno amaro, guardandoci nello specchio di personaggi che si agitano sotto gli occhi nostri e quelli amari e disillusi di Mister Blog o del Signor G. che presta loro la scena.

 

 

 

montesano

Qui di seguito il reportage de IL MATTINO, Il giornale dello spettacolo.it  e la presentazione madrilena.

 

 16_11p

 

LA SCENA SENZA CONFINI

Risate e applausi in Spagna per lo spettacolo coprodotto da Teatri Uniti. Lo scrittore: «Scongiurato il bozzettismo»

 

NAPOLI  ESPORTA A MADRID

IL SUO MAGIC PEOPLE

 

 

Successo della pièce di Montesano

 

 

magicpeopleshow_foto_antoniosuarez_6h

 

Il direttore del Centro Dramàtico Nacional: «Eduardo? Un autore quasi nostro»

 

 

Enrico Fiore Madrid.

 

«È come un gioco di specchi. Perché, se non fosse stato tradotto in napoletano il mio “Plou a Barcelona”, io non avrei potuto interpretare questo “Magic People Show”. Si potrebbe parlare anche di una specie di transfert».

Pau Miró sta vivendo – da spagnolo, anzi da catalano – un’avventura piuttosto singolare. Prima, come autore, è stato per l’appunto tradotto in napoletano da Enrico Ianniello (il suo «Plou a Barcelona» divenne «Chiòve») e interpretato, per la regia di Francesco Saponaro, dallo stesso Ianniello, da Chiara Baffi e da Giovanni Ludeno; e adesso, come attore, interpreta – al fianco ancora di Ianniello, di Tony Laudadio e di Luciano Saltarelli – la versione spagnola di «Magic People Show», ricavato dal romanzo («Magic People») di un autore napoletano, Giuseppe Montesano, tradotto da Jordi Galcerán, a sua volta autore del gettonatissimo (in mezzo mondo) «Il metodo Grönholm».

 

 

MAGIP PEOPLE SHOW 2

L’evento – coprodotto da Teatri Uniti, che già aveva allestito la versione italiana di «Magic People Show» (fra gli interpreti c’era anche Andrea Renzi), e dal Centro Dramático Nacional, in pratica l’Eti spagnolo – è in scena fino al 3 maggio al teatro María Guerrero di Madrid.

E proprio il direttore del Centro Dramático Nacional, Gerardo Vera, fa eco a Miró: «Sì, sono molto vicine la Spagna e Napoli. Ma è una vicinanza di tipo emozionale piuttosto che intellettuale. Del resto, abbiamo qui una forma di spettacolo popolare, il “sainete”, che somiglia moltissimo al vostro avanspettacolo. E per quanto mi riguarda personalmente, aggiungo che da sempre sogno di mettere in scena la “Napoli milionaria!” di De Filippo. Giacché, davvero, in Spagna Eduardo lo sentiamo come un autore nostro. “Filumena Marturano”, tanto per dire, quasi non avrebbe bisogno di essere tradotta: di donne identiche ne trovi in qualsiasi strada di Madrid o di Siviglia».

 

 

05

In proposito, si potrebbe osservare anche che il nostro teatro delle guarattelle richiama in maniera evidente il «bululu», una forma spagnola di teatro di strada che affonda le radici nelle feste religiose medievali.

Ma veniamo adesso allo spettacolo in scena al María Guerrero. E ricordiamo, in breve, che siamo in un condominio – metafora di Napoli e, più in generale, dell’Italia – che accoglie un nutrito campionario di «mostri»: quelli partoriti dal consumismo, dalla corruzione morale e politica, dalla televisione, dalla pubblicità e, insomma, dall’ebete-beata società post-capitalistica o post-moderna che blaterar si voglia.

 

 

 

04

Ebbene, il grande merito del «Magic People Show» presentato a Madrid sta nel fatto che, invece di procedere a un banale (e, per forza di cose, maldestro) adattamento, trapianta nella lingua spagnola tutta l’espressività napoletana. Lope de Vega alla maniera di Trottolino.

E questo da un lato evita (lo notava con soddisfazione lo stesso Montesano) il rischio del bozzettismo naturalistico e, dall’altro, fa esplodere una comicità che via via diventa addirittura irresistibile.

Pensate, tanto per fare un esempio, al corto circuito che si determina fra lo stillicidio di quel «dotto’, dotto’, dotto’», l’accento andaluso e, soprattutto, l’adozione qua e là del «pijo», il modo di parlare (si direbbe tra il sofisticato e il tamarro) in uso, qui, presso una molto presunta e altrettanto presuntuosa «upper class».

 

 

 

 

MAGIC PEOPLE SHOW

Le risate non si contano: perché bravissimi, si capisce, sono Ianniello, Laudadio, Saltarelli e Miró nel ruolo del Dottor G., ovvero Montesano. Al termine ci siamo ritrovati tutti nel mitico Café Gijón, seduti agli stessi tavolini su cui scriveva García Lorca.

E sul muro una targa: «Aquí vendió tabaco y vió pasar la vida / Alfonso / cerillero y anarquista (Qui vendette tabacco e vide passare la vita / Alfonso / fiammiferaio e anarchico)». È la targa che fecero apporre i suoi amici.

Io ho pensato ancora una volta a Napoli. E che quell’Alfonso ubriaco di vita avrebbe potuto benissimo accompagnarsi agli «zingari» di Viviani.

 

Da IL MATTINO Sabato 4 Aprile 2009 pagina 29.

MAGIP PEOPLE 5

In scena a Madrid il "Magic People Show"

 

     

 


MAGIP PEOPLE 6

 

MADRID – 25 MARZO – Annunciata la presenza del Ministro della Cultura Spagnolo, César Antonio Molina, alla “prima” a Madrid di “Magic People Show” (foto, i protagonisti) di Giuseppe Montesano. In scena al Teatro Maria Guerrero, da giovedì 26 marzo (repliche fino al prossimo 3 maggio 2009), l’allestimento è frutto di un originale forma di coproduzione fra il Ministerio de Cultura de Espana, attraverso il Centro Dramatico Nacional, e Teatri Uniti di Napoli.


01




Il feroce ritratto dell’Italia contemporanea, nella versione in lingua spagnola di Jordi Galceran (autore del successo planetario di “El metodo Gronholm”) vedrà in scena tre interpreti napoletani del cast originale, Enrico Ianniello, Tony Laudadio e Luciano Saltarelli affiancati da Pau Mirò (autore di “Plou a Barcelona”, rappresentato in Italia e a Parigi con il titolo “Chiove”, nella versione napoletana di Enrico Ianniello diretta da Francesco Saponaro).


02





“Magic People Show”, restituisce, nella furia del grottesco e nella violenza del paradosso, lo sfascio sociale, la deriva morale, l’esausta tolleranza di un popolo formato da sudditi della televisione, consumatori globali, schiavi della pubblicità, venditori di spiagge e di aria, risanatori dell’economia nazionale, in un compendio estremamente lucido, quanto disarmante, delle possibili tipologie umane del nostro tempo. In scena si rivelano i mostri e le storie di un brulicante condominio, un universo comico e concentrazionario, dove tutto è ed accade al contrario. “Un mondo – sottolinea l’autore Giuseppe Montesano – dove quelli che rubano sono padri e mariti felici e quelli che non rubano sono denunciati dai figli; dove i ricchi, che diventano ricchi vessando i poveri, sono adorati dai poveri vessati che li ringraziano; dove chi è per la legalità viene arrestato e chi è contro la legalità diventa un idolo del popolo; dove chi non si lascia corrompere è un venduto e un bugiardo, e chi si vende è un genio e un santo”.


16_11p


Ritratto di un’Italia ridotta a un rissosissimo condominio sovraffollato, sempre più degradata dalla politica e dal mediatico scatenato dei suoi governanti, e di un popolo che, perdute le caratteristiche impresse da secoli di civiltà, diventa simile a tutto il peggio del mondo occidentale. “In questo senso – aggiunge Montesano – lo spettacolo intende mostrare a tutto l’Occidente liberale, civile e democratico, come si possa sprofondare lentamente nella colla della menzogna e smettere di essere liberali, civili e democratici”.

16_8p


In scena quattro attori su un tavolino da salotto, gomito a gomito come sardine in una scatola mentale, per ricreare sia la sensazione della mancanza di spazio interiore del condominio coatto, che per restituire il senso di nevrotico sovraffollamento del condominio globale. A loro il compito di dare vita al pullulare comico di personaggi demenziali, “lasciati liberi di sproloquiare ed esprimersi in tutta la loro ridicola e ripugnante miseria, per poter comprendere appieno che diventare disumani, cretini, servi e morti in vita non è normale, e, per fortuna, non tutti lo fanno”. 

 

Da GIORNALE DELLO SPETTACOLO.IT

 

 16_2p

 

 

 

 

 

MAGIC PEOPLE , Il Romanzo, Feltrinelli, Collana I NARRATORI pagine  136 € 10,40  Anno 2005

 

books

Immaginate un condominio, un condominio molto sui generis, che si allarga o si restringe, che è un palazzo con tanto di portiere, che è un quartiere (ma debordante), che è una città (con molti elementi partenopei) e finisce per ospitare tutta la sgangherata Italia dell’ultimo decennio. Montesano procede per tipologie chiamando all’appello il suddito televisivo, il consumatore globale, l’uomo medio assoluto, lo schiavo della pubblicità, e poi i risanatori dell’economia nazionale, i venditori di lavoro, i venditori di spiagge… Il libro prende le mosse dalla collaborazione dell’autore con "Il Mattino" su cui molti di questi severi (ma anche divertiti) esercizi di satira sociale hanno trovato una prima forma e una prima sede.

 

 

16_5p

 

 

Magic People Show

 

de Giuseppe Montesano

Con un ritmo vertiginoso de comedia negra, Giuseppe Montesano interpela al súbdito televisivo, al consumidor global, al hombre medio absoluto, al esclavo de la publicidad y también a los salvadores de la economía del país, a los vendedores de playas, a los que venden el aire que respiramos y a los vendedores y compradores de almas.




16_1 Un cómico, feroz y colorido espectáculo pop, donde los actores descubren los pliegues de una modernidad lívida y terrible, donde el calor es asfixiante y los apagones continuos.

El ritmo aumenta mezclando ópera bufa y drama hasta descubrir el hormiguero de este show posmoderno en el que vive un Pueblo Mágico compuesto por ridículos monstruos drogados por el sueño del dinero, prisioneros que se creen libres, hedonistas que han enterrado la pasión y el amor.

01


Una hilarante y trágica novela teatral de la Italia enferma de estos últimos años.

Traducción
Jordi Galcerán

Vestuario
Laurianne Scimemi

Iluminación
Lucio Sabatino

Sonido
Daghi Rondanini

Dramatización
Giuseppe Montesano

Fotos
Antonio Suárez

Vídeo-Clip
Paz Producciones

Diseño de cartel
Sean Mackaoui Isidro Ferrer

Coproducción
Centro Dramático Nacional y Teatri Uniti

MAGIC PEOPLE 4Su Youtube  ampio video di Magic People Show

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}


PRESENZA

 

di

Gerardo Pedicini

deren_skull2


Dove sono i tuoi giardini reclusi,
i muri di gesso e di sabbia,
le macchie, le macchine, le strutture
di ferro, i rilievi di plexiglass,
i fotogrammi sospesi nel buio?

Sono qui intorno a noi, come l’ombra
che di casa in casa trascina l’autunno.

Dove sono le sculture oscillanti,
i quadrati divisi, i movimenti
ondulati di formica, le falci
tenute dall’aria, le luminarie
festose che inseguono il vento?

Sono qui intorno a noi, come il silenzio
del mare e il vento pieno d’aprile.

Dove sono i tuoi rossi squillanti,
i bianchi calcinati dal sole,
la profonda luce nera degli orti,
il respiro dei gialli schierati
sulla lieve distesa dei piani?

Sono qui intorno a noi, come il tempo
che vive e sanguina dentro di noi.

 

baldung14