v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

DEI POETI LA VOCE :

VIOLA AMARELLI 

 

 

PATRIE

 

patrie

 









Ha cambiato di lingua e di nome
e il cielo ha una linea diversa
e ci sono colline
ma non uno tra i fiori che a mazzi
le riempivano i giorni al mercato.
Entra in case stracolme di oggetti,
li pulisce,
stupita vi sia tutto quel ben di dio
cui nessuno oramai fa più caso.
Le persone le sembrano strane,
lamentandosi stanche di rabbia
eppure non si scava patate o carbone,
né si ammassano in fuga nei camion.
Gli uomini, quelli, più o meno gli stessi
certo non bevono tanto
ma ugualmente ci provano gratis.
Sa di essere stupida e brutta,
non importa, ha gli occhi pervinca
e sorride e insiste daccapo.
Preferisce i colori sgargianti,
tutti i fucsia e i verde del mondo,
troppe morti alle spalle,
ma è riuscita a portarsi suo figlio.
Fino a sera spolvera e lava
al ritorno, preparata la cena,
finalmente si spoglia,
respira, in un amen di lingua d’infanzia
a un suo dio che sicuro la ama,
le radici le hanno le piante,
donne e uomini hanno le gambe.

 

1888

 

1888

















Bordo scheggiato di scalino, sporco bagnato
scivoloso
fanghiglia d’umido sciolta la neve
il fiume onnipresente nel
respiro, rantolo di novembre nelle ossa
la strada tutta buia, cipria venuzze rossa
gin alcol di caldo, pochi clienti,
la schiena che cedeva,
da un pezzo si sentiva, era, un rottame
ma le caviglie, le sottili
e il tacco che ruotava sui tavoli e le piazze,
quelle, restavano, c’era uno in arrivo,
bello il cappotto, odore di costoso, il naso quello
ancora funzionava.
Consunti i basoli, buche nel selciato,
pietre, le scalinate sul retro dei locali
mai andare incontro, restare immobili
tanto oramai tutte hanno finito
la nottata,
ci vuole fegato, e voglia di soldi e molti,
gente da mantenere, figli,
due, lontani a un banco di fioraio,
avesse sposato il droghiere, ma vai, no no
rozzo di polso e timido di lingua,
sarebbe sistemata, e questo che va lento,
arriva, l’ora adatta
tutti ubriachi e sfatti e rintronati
gioco di mani e strofinio e il borsello.
Eccolo, mai andare incontro,
eccolo, solo
come si è tutti, hanno voglia a dire
gli occhi, quelli, gran dio, fottuti
all’ultimo momento vede
la borsa gonfia nera a soffietto
e lo scalino scivola
rovina il tacco
balza, in fretta
più in fretta lupo mannaro
mostro,
eccolo addosso.
Mai andare incontro,
ruota il tallone, sfila la caviglia
ghiaccio vicina candida
squarcia l’alba la lama, da giù a su,
senza pensarci, più veloce, più.
Sudore o sangue, bagnata, in fretta
la fatica, ferma lentissima e pesante
non guardare, come al macello quando
ammazzano i maiali, senza vedere
chiarore del mattino, pianissimo
la luce, prendere la borsa, e i soldi
la tasca ai pantaloni,
puzzava la vescica
puzzava il mondo, di soldi e visceri
un bordello.
Si strinse nel mantello, bucato, una gala rivoltata,
sul nero il sangue lì per lì non stinge,
una fortuna, le cose, sciocche ma giuste
il primo di dicembre, adesso, il rosa grigio
ad est, gente per strada.
Anne Parson andò a dormire, tremando,
da qualche parte, più tardi, dopo, un bicchiere
chissà chi era, quel porco pazzo fottuto
quel vomito d’inferno, stronzo demonio,
chissà chi era Jack lo squartatore.

nota: l’ultimo delitto “canonico” attribuito
a Jack the Ripper risale al novembre del 1888,
da allora non se ne ebbero più tracce.

 

BALLATE SENZA TEMPO

eruzione

[ img © ,\’ ]







1660 A.C. CIRCA 

ERUZIONE DEL VESUVIO 

DETTA DELLE “POMICI DI AVELLINO

 

Fuggimmo, il cielo s’era fatto
basso, umido il vento
fuggimmo quando l’odore della sera
venne marcio
l’ammasso in volo di zanzare.
In fretta, tagliando i rovi,
battendo il sottobosco,
avanti con le falci e i bastoni
correvano pure gli animali
al fiume, al fiume, tra le grida
puro terrore quando assordò il boato
cupo senza fine
gettammo i bambini lungo il greto.
Esplose, queste tibie
e questo fango.

nota: datazione geologica della più devastante
eruzione europea degli ultimi quattromila anni

 

assiri

 




SFILATA

 

Ricciolo a ricciolo, volute di svolazzi
fra le barbe e i capelli quasi merletti,
una teoria di pieghe plissettate, minuetti
dove occhieggiano palpebre bistrate:
la lunga fila assira che risplende
di pietra bianca opaca
non fosse sul proscenio laterale
quel riflesso, le labbra hanno il sorriso
barracuda,
polvere e sangue sotto
dal’inizio e in ogni luogo.

 

terra













Un commento di Orsola PUECHER

[ la voce di Viola Amarelli è voce poetica che "racconta" storie dalla Storia – ballate da remotissimo a presente – restituisce da avanti Cristo in poi una dimensione epica e soprattutto femminile unica per eleganza di termini – ritmo e musicalità dei versi – concreta per odori e suoni – da vulcani a tacchi su selciati – acuta per finezza di sentimento e sfumature – voce anche di una rivolta silenziosa ai destini

,’

AISETAS_20061[1]

 










nel loro essere artigianali – imperfetti nell’esplosione delle p – di certe vocali – negli scrocchi di elettricità statica – nel fruscio del rumore di fondo – i file sonori hanno un difetto che è pregio nel dichiarare il mezzo e il momento – nella lontananza – nel là diverso dal qua – dove vediamo la bocca vicina al microfono che legge – con tenerezza e distacco

,’

 

ESTATE








per l’eruzione solo i rumori e gli scrosci – i soffi e il bollire di lava – per la "lunga fila assira" di sfilata un minuetto manieroso – Boccherini – ma stonato e un po’ su e giù di giri – per Anne e Jack the Ripper gocce e flusso sonoro e brividi dell’Interludio dell’ultimo atto di Lulu di Alban Berg – che poco dopo nel finale proprio da Jack verrà squartata – da Wedekind e dalla sua visione fosca ed espressionista nel mettere in scena come Deus Ex Machina dellla fine l’icona del terrore popolare di quei tempi – il mostro dei mostri – per patrie un malinconico tango tzigano di Goran Bregović – appena accennato ]

 

 

 geles Zidonyte

 












Pubblicate su NAZIONE INDIANA da Francesco Forlani il 28.11.2008 ore 10.00

Annunci

4 thoughts on “

  1. Saldan,

    Mi piace rileggere una voce impronta della tua terra
    con lembi sensuali del corpo
    anche nella devastazione.

    appigliarsi al movimento
    della terra, al fuoco,
    al corpo femminile dei suoni
    degli odori.

    veroni

  2. grazie molto del post Salvatore che per ragioni “estive” leggo solo ora; solo una precisazione ma doverosa: il commento non è di Anna bensì di Orsola Puecher, che è stata anche la regista e la responsabile del post originario su NI…m’auguro di rivederci presto, Viola

  3. Cara Viola, mi scuso per il refuso e, come vedi, ho subio rimediato. Se mi riuscirà il progetto che ho in testa, di sicuo sarai tra le ospiti qui alla Casa delle Arti, assieme ad altre poete/esse. Ma meglio no parlarne, per scaramanzia. Un caro saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...