UN GRANDE 2010 PER IL CAMBIAMENTO

LA BOEMIA E’ SUL MARE


di Ingeborg Bachmann

INGEBORG BACHMAN


Ingeborg Bachmann

Se qui sono verdi le case, in una casa entro ancora.
Se qui sono integri i ponti, cammino su suolo sicuro.
Se in ogni tempo pena d’amore è perduta, qui contenta la/ perdo.

Se non sono io, è un altro ed è un io come me.

Se qui una parola sino a me confina, lascio che confini.
Se la Boemia ancora è sul mare nei mari io credo di nuovo.
E se ancora nel mare io credo io spero nella terra.

Se sono io, lo è un altro ed è a me uguale.
Più nulla per me io voglio. Io voglio naufragare.

Al fondo, sì, sino al mare, lì la Boemia ritrovo.
Sul fondo sospinta, sereno è il risveglio.
Ora so dal profondo e più perduta non sono.

Venite boemi voi tutti, gente del mare, puttane dei porti e navi disancorate. Non volete essere boemi, illiri, veronesi,
e veneziani voi tutti. Le commedie recitate che sono fatte per ridere/

 
e inducono al pianto e cento e più volte sbagliate,
come me che tanto ha sbagliato e prove mai ho superato,
sì, l’una e l’altra volta le ho superate.

Come la Boemia le ha superate e un bellissimo giorno
il mare le fu donato e adesso è sul mare.

Io confino ancora con una parola e con una terra diversa,
io confino, anche se poco, sempre più con tutto,

un boemo, un errante, che nulla ha, nulla trattiene,
capace ancora soltanto di vedere dal mare, che è

controverso,la terra/

della mia Elezione.
 
 
25 aprile sempre

 
 

(Dal blog Anna Maia Ortese-in sonno e in veglia)


UN GRANDE 2010 PER IL CAMBIAMENTO



SUI MIGRANTI E SUL DOLORE, SULLA FORZA COMUNICATIVA DELLA POESIA

 
 
di Saldan

 
“À la question toujours posée :’Pourquoi écrivez-vous?’ La réponse du poète sera toujours la plus brève :’Pour mieux vivre’ “.(Saint-John Perse)
(“Alla domanda sempre rivolta :’Perché scrivi?’ La risposta del poeta sarà sempre la più breve .’Per vivere meglio’ “ (Saint-John Perse)
 

makeba

 

Miriam Makeba

Ora che il cancan mediatico su zingari rom e immigrati, utilizzati come arma contundente per la sicurezza, sembra scemare  vien voglia di fermarsi ad ascoltare le voci vere del dolore e dell’esilio, aspirare il frastuono e respirare un po’ di verità; solo la forza comunicativa della poesia riesce a coglierne la bellezza e a restituirne la semplicità.
 
Vi propongo una poesia di Manuel Scorza, poeta e scrittore peruviano morto all’aeroporto di Madrid, in seguito a un incidente aereo. Chi non ha letto Rulli di tamburi per Rancas, Storia di Garabombo l’invisibile?  Il testo che vi accingete a leggere dà voce al povero, allo sradicato, all’esiliato, una realtà tragicamente attuale nella più parte del nostro globo, ma che raramente appare sui media, se non nei soli aspetti grandgugnoleschi o spettacolari o per strumentali manipolazioni.
 
I bambini nelle miniere di salnitro, di zolfo o rame del Sudamerica e i milioni di altri sfruttati come schiavi in tutti gli angoli del mondo non sono fantasia ma un incubo che pochi hanno voglia di guardare in faccia; l’avanzare della povertà e delle nuove povertà assume ritmi sempre più crescenti,nuovi proletari –parola assurda- si aggirano per il mondo… lo spettro del comunismo vieneesorcizzato… salvo a ritrovarselo – chissà come, chissà quando- ancora tra i piedi, prima o poi…
 
Ma tutto ciò non (?) c’entra.

Pensavo a questo, quando m’è capitato tra le mani il testo di Scorza, lo rileggevo e ripensavo a Zì Puppeniello, morto emigrante, dopo una vita di fatiche e di mestieri i più umilianti ma con l’incrollabile sogno di essere accettato e di integrarsi, in California…forse vi sono riusciti i figli,forse sono usciti dal ghetto auto-emarginante dell’italianità, laggiù…
 
Uaglió, a’ merica sta ccà,disse quando tornò per la festa del paese, e ricordo ancora il tono definitivo di quella sola frase, con cui diede risposta a tutte le mie curiosità sull’ America…

 
fotodimuhammadhamedga4

 

 

(Dal blog georgiamada)

YO SOY EL DESTIERRADO

 
di 
Manuel Scorza
(Lima 9.9.1928 – Madrid 28.11.1983)
 
 
America,
a mí también debes oírme.
Yo soy el estudiante pobre
Que tiene un solo traje y muchas penas.
Yo soy el provinciano
Que no encuentra la puerta en las pensiones.
 
Te digo que en las calles,
y en las azoteas y en las cocinas,
y al fin de cada día y en mi pecho,
algo se está muriendo.
 
A mí tambén debes oírme.
Yo soy el destierrado,
yo vagué por las calles
hasta que los perros cerraron sus alas
sobre mi corazón.
 
Acuérdate, acuérdate de mí.
Hay días
Que no tengo ganas de ponerme los ojos,
días en que hasta los pájaros
se pudren a la mitad del vuelo.
 
Ay, orgullosa,
a tí no te hablaron de cuartos inmundos,
tú no sabes lo que es vivir con una mujer
que zurce su ropa llorando.
Porque durante siglos los poetas callaron,
y en el silenzio sólo se escuchaba
un susurro de abejas que sonaba.
Pero un día ya no se pudo más,
y el dolor empezó a mancharlo todo:
la mañana,
 
el amor,
el papel donde cantábamos.
Un día el dolor empezó a gotear desde abajo,
Daban los puros gritos desgarradores,
Una mano amarguísima derribó mi pecho.
 
Ahora vengo a tí gimiendo,
aquí está mi voz encarcelada,
aquí estoy yo,debajo de este frente,derrumbado.

donDiana-2

 
 
 
 

(Don Peppe Diana, che insegna a lottare contro "l’esilio" dell’ignavia)


I’ SONG’ L’EMIGRATO   ‘O ZĺNCARO   ‘O SRARECÁTO

 
a Giuseppe Benucci (1920-2002),”Zí Puppeniello”
a tutti i migranti, zingarie.. destierrados di questo mondo
 
 
America,
mo’ tu m’’e ‘a sentí a mme.
I’ song ‘ o povero pezzènte
ca tène sul’ ‘nu vestíto e tanti ppéne.
I’ song ‘ o cuózz’ cuntadíno
ch’ ‘a truàto sèmpe chius’ ‘e ppòrte.
 
Mo’ i’ te ‘rico ca p’ ‘ e vvie,
‘ncòpp’ e ll’àsteche e ‘int’ ‘e ccucìne,
a ffinàle ‘e juorno e ‘mpiétt’ a mmé
caccòsa sta murènno.
 
Ma mo’ tu m’adda sentí a mmé.
I’ song’ ll’esiliato, ‘o sràrecàto, ‘o zíncaro
che ha sbariàto pe’ tutt’ ‘e strade‘e chistu mùnno,
‘a ro’ pur’ ‘e can’ l’ ànna scanzàto.
 
Arricuórdate, arricuórdate ‘e me.
Ce stanno juorne
ca nun me rèano manco ll’uócchie,
juorne ca pure ll’auciéll’ nu’ nze fírano ‘e vulà.
 
Ah, tu sì superbiósa,
a te nisciùno t’’a cuntàto
‘e chesti bbaràcch’ šchianiàte,
tu nu ssàje che ssignìfica campà
cu ‘na fémmena ca cóse ‘e ppèzze sòje
cu’ ll’uócchie chìn’ ‘e làcreme.
P’ troppu tiémpo attuórno a nnuje
nu silenzio accussì funno
ca manco ‘e mmošche se sentevano ‘e vulà,
p’ troppu tiempo pur’ ‘e poet’ ànna taciùto,
o’ silenzio è stat’ ‘a vočia nòsta,
fin’ a cché nu ‘nce l’ìmma fatt’ cchiù
e o’ rulóre s’à magnàto tutt’cose
‘a matìna,
a’ mmóre,
a’ voce cu cché alluccàvemo.
Nu juórno o’ rulóre accuminciaje
a saglì ‘a vascio, se sentévano
sul’ allùcch’ rišperàte ca sagliévano e carévano,
ah, comm’ fuje amara chélla màn’ ca m’accèrett’ ‘mpiétto!
Fuje allóra ca te pigliàst’ ‘a vita mí !
 
America,
i’ veng’ a ddò te chiagnènno,
a’ vočia mì sta arèt’ a’ stì ccancèlle,
a’ ro’ stòngh’ì.. muórto.. sràrecàto..
‘nfùnn’ a’ cchésta terra!…
 
(libero adattamento di Saldan)
 
 ELISABETTA COSIMI 11

 

 
 
 
 

Il testo di Scorza l’ho letto con la suggestione di Zì Puppeniello ancora forte in me, sicchè in madre lingua esso è fermentato e s’è adattato per lui e per tutti i migranti di questo mondo. Dunque, c’è qualche libertà rispetto all’originale. Ma , sono certo , Scorza (ovunque si trovi ora) non se n’avrà a male.
 
Ad ogni modo, per chi proprio non riesce a leggere il mio dialetto, propongo di seguito la traduzione italiana di Gianni Toti, da Imprecazioni e Addii, i Taschinabili Fahrenheit 451 Roma, € 4,50.
 
IO SONO L’ESILIATO

feu-jungle

 
 

America

devi sentire anche me.
Io sono lo studente povero
che ha un solo vestito e molte pene.
Io sono il provinciano
Che non trova la porta nelle pensioni.
 
Io ti dico che nelle strade,
nelle terrazze e nelle cucine,
e sul finire di ogni giorno e nel mio petto,
qualcosa sta morendo
 
Anche me tu devi ascoltare.
Io sono l’esiliato,
io ho vagato per tutte le strade
finché i cani hanno chiuso le loro ali
sul mio cuore.
 
Ricordati, ricordati di me.
Ci sono giorni in cui non ho voglia di mettermi gli occhi,
giorni in cui persino gli uccelli
imputridiscono a metà del volo.
 
Ah, orgogliosa,
a te nessuno ha parlato forse
di queste stanze immonde,
o non sai che cos’è vivere con una donna
che rammenda la sua roba bagnandola di lacrime.
Perché per secoli hanno taciuto
I poeti e in quel loro silenzio
Soltanto si ascoltava un sussurro di api che suonava.
Però un giorno non se ne poté più,
e il dolore cominciò a macchiare
tutto, mattina, amore,
la carta su cui cantavamo.
Un giorno il dolore cominciò
a gocciolare dal basso,
soltanto grida laceratrici
in alto gocciolando ricadevano,
amarissima fu la mano che demolì il mio petto…
Adesso vengo a te gemendo
E qui sta la mia voce incarcerata,
qui sto io, sotto questa mia fronte,
                                       precipitato.

brickCPT

 

UN GRANDE 2010 DI SPERANZE DI SOGNI E DI LOTTE PER IL CAMBIAMENTO, PERCHE’ L’UTOPIA SIA SEMPRE LA STELLA POLARE CHE INDICHI LA VIA PER LE TRASFORMAZIONI POSSIBILI, SEMPRE.

ELISABETTA COSIMI 13

 

Saldan

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...