A PROPOSITO DI ROSARNO

 

 

 

OTTO FRAMMENTI  DI VOCE D’ESILIO

_____________________________________________________________

di Véronique Vergé

 
rivolta_rosarno5-large

 

1.
Non c’era la luna della sabbia
solo un lampo
il cartone
la capanna
la mano spegne
il ricordo del giorno.

 

2.
Pelle nuda
blu cupo
come riflesso
tu vedi il colore
senza ascoltare
la mia voce

 

3.
Ho gridato
quando il coltello
ha attraversato
il fianco
ho visto mia madre
nel sole
sotto la palma
non era qui
il sole è scomparso
il grido è rimasto
appiccicato alla piazza

 
rosarno-baracca-324x230

 

4.
Dopo la traversata
l’uomo mi ha detto
di ubbidire
e di mangiare
le lacrime
sono un naufrago
delle terre da coltivare.


 immigrati_rosarno-300x198

5.
I miei occhi parlano
per il mio silenzio.
Voglio ammazzare la paura.

 Rosarno

6.
Ho messo le mani
sulle orecchie
un ronzio
come uccelli al paese
ma le parole
sono entrate in me
offese

 

7.
Per un sorriso
di te
ragazza
mi hai comprato
un collare
di poco
ma luccicante
un sorriso

 

8.
La stazione
la conosco
come ragnatela
nella mente
ho il fagotto
plastica
e vestiti
mi fermo
nella luce.

immigrati5

 

 

 

(Pubblicato 9 Gennaio 2010 alle 15:05 su Nazione Indiana post CACCIA AL NERO di Marco Rovelli)

 

Annunci

One thought on “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...