DUE SONETTI ALLO SPECCHIO
 
 
 
DA QUESTO LATO DELLO SPECCHIO L’ ETA’

 metafisica-della-colpa-e-del-piacere

 

a “Ficciones”
di J.L. Borges
 
 
Da questo lato dello specchio l’ età
è simile a una  lente deformante.
Qua tutto è relativo :  il brillante
volto adolescente, di minorità
 
ruggente; lo sguardo antico, dolente
di stagioni dure, dell’uomo anziano;
l’innamorata persa, cuore e mano
tesa all’altro, negli occhi d’un perdente.
 
Ombre, maschere, fluidi riflessi
di finzione già inafferrabile,
in sé conchiusa, incomprensibile
per chi non ne naviga i recessi.
 
“Questo sarà, quel ch’io son stato,vecchio:
illusione, riflesso d’uno specchio…”
 
 
S. D. A. , 9 . 1 . 2007
 
 
 
 MA IL PASSATO NON E’ COME LO SPECCHIO
 

 SPIAGGIA

Ma il passato non è come lo specchio
dove proietti quell’io deformato,
fluido, com’acqua smossa nel secchio
del tempo, da cui ti sei liberato.
 
Tutto quello che hai dato è già vecchio,
rimosso dalla memoria, già andato
al di là, tu non vi presti più orecchio,
è motivo che non hai più cantato.
 
Eppure, è gorgo ch’annunzia il futuro,
una stiva che v’accumula assenza,
come vi fosse una nave alla fonda,
 
oltre le secche degli anni, che affonda
da lì nel presente; ma la presenza
è sguardo che si fa sempre più duro.
 
 
S . D . A ., 12 . 2 . 2007
 
 
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...