UNIVERSALI LINGUISTICI
 

I dialetti hanno  ritmo e  musicalità  universali, in ogni  accento  dei parlanti la cultura materiale, quale che sia la loro collocazione geografica. Quella universalità li accomuna, checchè ne pensino Bossi e i leghisti, ammesso che ne pensino o che ne abbiano mai pensato. Perciò ho fatto un esperimento di riversamento – più che di traduzione- nel mio dialetto del  bel testo di Fabio Franzin apparso su http:/www.lapoesiaelospirito.wordpress.com il 27 novembre.  

(Salvatore D’Angelo)
 

 
 
 
Incùo

di Fabio Franzin

MACCHININE

Incùo el mé fiòl pì pìcoeo
l’é ‘rivà daa só camaréta
co’ un pòche de machinete
rote in man, rodhèe e tòchi

de plastica che ghe caschéa
fra ‘e piastrèe del pavimento
– ‘a só voséta prima de lù, là,
drio ‘l coridòio – “papà, se

non riesci a trovare lavoro

in una fabbrica potresti fare
il meccanico che aggiusta le
macchine intanto incomincia

a giustare le ruote di queste

mie che sono rotte”. E ‘lora
méterme là co’ un cazhavidhe
cèo e ‘a pazhienza che no’ò
mai bbu, a provàr, ‘na rodhéa

cavàdha de qua e una ‘tacàdha
de ‘à, a tornàr a far córer chee
machinete. Chissà se ‘l destìn
varà ‘a stessa pazhienza, co’

mì, se ghe sarà un calcùn bon
de tornàrme invidhàr i sèsti
tee man, parché ‘e pòsse tornàr
a córer anca lore… pa’l pan.

Oggi il mio figlio più piccolo / è arrivato dalla sua cameretta / con un mucchietto di macchinine / rotte fra le mani, ruote e pezzi // di plastica che gli cadevano / sulle piastrelle del pavimento / – la sua vocina prima di lui, lì, / lungo il corridoio– “ papà, se / non riesci a trovare lavoro // in una fabbrica potresti fare / il meccanico che aggiusta le / macchine intanto incomincia / ad aggiustare le ruote di queste // mie che sono rotte”.E allora / mettermi lì con un cacciavite / da orologiaio e la pazienza che non ho / mai avuto, a cercare, una ruota // tolta di qua e una fissata / di là, a tornare a far correre quelle / macchinine. Chissà se il destino / avrà la stessa pazienza, con // me, se ci sarà qualcuno capace / di riavvitarmi i gesti / alle mani, affinché possano tornare / a correre, anch’esse… per il pane.

(Nel dialetto Veneto-Trevigiano dell’Opitergino-Mottense)
 
 
Ogg’

scritture-248x300

Ogg’  ‘o figl’mì criatùro
 è ‘sciùto ‘rà stanzetta sòja
 cu quàtt machinuscèlle’nzìno,
 rutellùcce e piézz’cciùlle

 
 ‘e plastica ca le carévano
‘nterr’ò pavimènt’e piastrèlle
– e prìmm’ e ìsso, ‘a vuciarèlla
sója  llà, ‘ind’o curridojo-
papà,                                     

se non riesci a truvà lavoro     
                                 
in una fabbrica potresti fare                                  
o’ meccanico che aggiusta le
macchine intanto incomincia                           

a’ccuncià le ruote di queste

 
mie che sono rotte”.E ccù
‘na santa paciénza ca nù ttèngo
me mécc’llà, ‘o cacciavìte

‘e lilurgiàro ‘mmàno, na rutèllùccia
 
 
ccà  na vitarèlla llà, pe’ veré
si pòzz’ fa turnà’a correre ‘e
pazzièlle ‘e fìgliemo. Ma chisà si cu’mmé
o’ r’stìno tenarrà ‘a stessa paciénza,

 
 
si coccherùno sarrà capàce
‘e me ‘rà cord’ ancòr’e mmàne,
 pe veré si pure ‘lloro putarrànno
turnà ‘a se mòvere….ma p’o ppàne.

(Nel dialetto Napoletano – Casertano della Zona Atellana)

Naturalmente la traduzione in lingua nazionale è sostanzialmente quella a pié di testo dell’originale di Fabio Franzin.

Qualche nota di fonetica sulla pronuncia del dialetto atellano:

è = è aperta
é, e ‘e = é chiusa
o’ ó = o chiusa

o= o aperta

L’accento tonico è sempre sulle vocali accentate.
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...