LA NOTA CHE NON RESTA

munch-eye-in-eye

(Eye in eye di Edward Munch)

campionature per nico

Nella gelida luce di febbraio
dell’ inaspettato – fiorito
come carezza di voci mute

in una sera resa calda da ciò
che ancora non ha nome
se non la forza domatrice
di quel ch’è grande e ignoto
come il sereno il quieto lago
che ristagna       nel seguire

ciò che ancora non ha corpo

[e  nell’al di qua  è già oltre
ma pur vivo in ciò che muore

lo straripamento di qualcosa
che dormiva  – contrapposto
al brillio della luce nuova …
]

Dell’inaspettato e di quel soffio –
cosa resta – e cosa ancora –
a emendamento  

                 di ciò ch’è guasto?…

un sorriso appena immaginato
la piega  agli angoli della bocca
la lenta scia di note dal silenzio
disegnate  nella luce in fondo al cielo –
e dal piano ora  scivolate fino a qui –
                dentro il gelo di febbraio –

nel guscio vuoto d’un pomeriggio
                                                            [che scolora
nel dì quattordici  di quest’anno 
                                          [duemila e undici …

cosa  – dunque –  oltre questo –
se non la nota  che non resta?…

S. D. A. 14.2.2011

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...