AUTOMI
 
 

A proposito di “bambini dimenticati”, tutto è già accaduto, accade e accadrà ancora finché sarà questo il sistema degli ingranaggi che stritolano le nostre esistenze. Di sicuro occorre un’altra vita, come opportunamente canta Franco Battiato.
Il sonetto che segue rievoca un episodio occorso a Catania nel luglio dell’anno duemilasette.
 

 
ERA UN SEGNO DEL TRAGICO DESTINO
 
 
Ai bambini “dimenticati”, agli innocenti,
all’indicibile dolore di noi automi

L

 
Era un segno del tragico destino
che io lasciassi in dono al solleone
un mattino – la mente in confusione-
come oggetto- il mio unico bambino
 
in  lotto di parcheggio -già!- cestino
in dote alla truce disperazione
d’uomo afflitto come automa o ione
d’ingranaggio…non già un assassino!
 
Mi chiedo che forza quale corrente
ha posto in corto  gesti conosciuti
collaudati!…il sole già bruciante?
 
E’ ancor qui  -si-  quel pianto lacerante
nella mente – in recessi sconosciuti –
perturbante ma a tutto indifferente!
 
 
S. D. A.  12 . 7 . 2007

 L

 
 
Alberto Moravia, L’AUTOMA, prima Edizione Bompiani 1962. Ultima edizione Nuovi tascabili Bompiani, 2008.
 

LUNAZIONE
 
 TRAMONTO IRPINO

 
 
Viventi graffiti
in una patina di polvere
emergono dal buio
i bambini.
 
 
Le braccia al cielo
esultano alla vita
con occhi di gioia
con occhi di vecchi
 
In alto
nascosta tra le nubi
la luna
appena tramontata.
 
Canto
selvaggio
magico richiamo
di lunazione
il coro dei bambini.
 
In una rete
di fili argentati
cattura la notte
l’alba.
 
Il cielo tace..
e Dio
annega
nella luce.
 
 
 S. D. A. 30 . 9. 2006
 
 
 TRAMONTO IRPINO
 
 
 
LUNATION

 
 
Like living graffiti
coated in dust
the children emerge
from the dark.

Arms lifted to heaven
rejoicing at Life
with joyful eyes
with old men's eyes.

Far above
secreted in clouds
the moon
has just sunk.

A melody wild
a magic call
to lunation
the children's choir.

The night is caught
by the dawn
in a trawl
of silver threads.

The heavens
are mute..
as God
drowns in the light.

alba_

S. D. A. 30.9.2006
 
 
 
 
 

 

Voglio rendere omaggio all’amico Gaetano Calabrese impaginandogli  questa lirica con l’evidenza che merita, perché la trovo bella, di ottima qualità. Per ringraziarlo del dono che ogni tanto ci fa di queste sue accensioni.   E’ gratificante rendere l’onore che merita chi fa qualcosa di bello e ce ne rende partecipi. Contrariamente a quanto mi dice la scienza, certe volte amo credere che il vento abbia origine nello stesso luogo dove regna sovrana la vertigine prodotta dalla luce spalancata sull' altura; amo illudermi di evitare le ombre del dubbio o il cappio dei perché. Grazie Gaetano, a nome di tutti gli erranti della poesia.(Salvatore D’Angelo).

 
NON PENSO ALL’ORIGINE DEL VENTO…
 
 
TRAMONTO IRPINO

 
 
 
 

(foto di Agostino Della Gatta) 

di Gaetano Calabrese

Non penso all’origine del vento
ma ai suoni che raccatto nel mio io
così accudisco il dolore
dell’esistere nella fessura di una pena
ridestata all’orizzonte del tempo…

Nel respiro del presente:
– ispirazione/espirazione –
trapasso la trepidazione
dello sguardo
e, fuori dal miraggio,
colgo il martirio del paesaggio,
prendo al largo
l’esplosione delle stelle
per scrivere parole
fin dove abita il segreto…

Ma questi scarabocchi
– al cappio dei perché –
non consumano
tutte le ombre del dubbio
sotto lo scarto metrico
della ragione
e trovo inviolata
solo la luce spalancata sull’altura,
dove regna sovrana la vertigine
che sfugge ogni grafema,
che annulla echi estenuati
di formiche isteriche
in accanita lotta,
ordita sulla vita…

 
Lioni, 15 marzo 2011
Poesia improvvisata 

 

PRIMO MAGGIO E UNITA’ DEI LAVORATORI

 
A STRAGI  DA  PURTEDDA
(LA STRAGE DI PORTELLA DELLA GINESTRA)

 

 

portellalo8

 

di Ignazio Buttitta

 
Nni lu Chianu da Purtedda
chiusu nmenzu a dui muntagni
c’è na petra supra l’erba
pi ricordu a li cumpagni.

All’additta nni sta petra
a lu tempu di li Fasci
un apostulu parrava
pi lu beni di cu nasci. (*)

E di tannu sinu ad ora
a Purtedda da Jnestra
quannu veni u Primu Maggiu
c’è u populu e fa festa.

Giulianu lu sapía
ch’era a festa di li poviri
na jurnata tuttasuli
doppu tantu tempu a chiòviri.

Cu ballava, cu cantava,
cu accordava li canzuni;
e li tavuli cunzati
di niciddi e di tirruni.

Zitu e zita cu la manu
nni la manu cu li caddi;
zitu e zita chi caminanu
e si strícanu li spaddi.

Ogni asta di bannera
era zappa vrazzu e manu,
e la terra siminata
era furnu pani e granu.

La speranza di un dumani
chi fa u munnu na famigghia
la vidíanu vicinu
e cuntavanu li mugghia.

L’oraturi di ddu jornu
era Jàpicu Schirò,
dissi, Viva U Primu Maggiu!
e la lingua ci siccò.

Di lu Muntu La Pizzuta
Giulianu e la so banna
non lintaru di sparari
e la straggi fu cunnanna.

A tappitu ed a vintagghiu
mitragghiavanu la genti
comu fàuci ca mètinu
cu li vampi nni li denti.

Scappa a fudda, spavintata,
nni lu chianu e grida, aiutu!,
e currennu jsa i vrazza
pi difisa comu scutu.

E li matri cu lu ciatu,
cu lu ciatu senza ciatu:
figghiu miu! e corpu e vrazza
comu ghiòmmaru aggrappatu.

Pi discriviri la scena
ci vurrissi un rumanzeri:
sta chitarra un sapi chiànciri,
mmalidittu stu misteri!

Doppu un quartu di ddu nfernu:
(vita morti e passioni)
li briganti si nni jeru
senza chiú munizioni.

Supra i preti e supra u sangu
ammazzati a tradimentu
arristaru vinti poviri
e firuti chiú di centu.

Supra i petri e nmenzu u sangu
figghi e matri addinucchiati
cu li lacrimi li facci
ci lavavanu a vasati.

Epifania Barbato
a lu figghiu mortu nterra
ci dicia: “A li poviri,
paru cca ci fannu guerra!”.

Margherita, la Clisceri,
ch’era dda cu cincu figghi
arristò ammazzata nterra,
e nno ventri u sestu figghiu.

Cu ddu jornu fu a Purtedda,
cu ci va doppu tant’anni,
vidi i morti caminari
caminari senza gammi.

Vivi ancora, ancora vivi;
e na vuci ncelu e nterra,
e na vuci ncelu e nterra:
oh giustizia, quannu arrivi?!

Maggio 1947
 
__________________________
Nota

(*) Era Nicola Barbato, presidente dei Fasci dei lavoratori siciliani (1892-1894).
__________________________

 

[Nella piana di Portella / chiusa in mezzo a due montagne / c'è una pietra sopra l'erba / per ricordo a noi compagni. // Alto sopra questa pietra / (era l'epoca dei Fasci) / un apostolo parlava / per il bene di chi nasce. // E da allora sino ad oggi / a Portella della Ginestra / quando viene il Primo Maggio / c'è il popolo e fa festa. // Giuliano lo sapeva / ch'era la festa dei poveri / una giornata tuttasole / dopo tanto tempo a piovere. // Chi cantava, chi ballava, / chi accordava le canzoni; / e sui banchi ben esposti / le nocciole ed il torrone. // Fidanzati con la mano /nella mano con i calli; / fidanzati che camminano / e si strusciano le spalle. // Ogni asta di bandiera / era zappa braccio e mano, / e la terra seminata / era forno pane e grano. // La speranza di un domani / che fa il mondo una famiglia / la vedevano vicina / e contavano le miglia. // L'oratore di quel giorno / era Giacomo Schirò; / disse: Viva Il Primo Maggio! / e la lingua gli seccò. // Su dal Monte La Pizzuta / Giuliano e la sua banda / seguitarono a sparare / e la strage fu condanna. // A tappeto ed a ventaglio / mitragliavano la gente / come falci messe a mietere / con le fiamme fra i denti. // Scappa la folla, spaventata, / nella pianura e grida, aiuto! / e fuggendo alza le braccia / per difesa come scudo. // E le madri con il fiato, / con il fiato senza fiato: / figlio mio! e corpo e braccia / un gomitolo annodato. // Per descrivere la scena / ci vorrebbe un romanziere: / questa chitarra non sa piangere, / maledetto il mio mestiere! // Durò un quarto quell'inferno: / (vita morte e passione) / poi i briganti se ne andarono / senza più munizioni. // Sulle pietre e sopra il sangue / ammazzati a tradimento / son rimasti venti poveri / e feriti più di cento. // Sulle pietre e in mezzo al sangue / figli e madri inginocchiati / con le lacrime le facce / gli lavavano baciandoli. // Epifania Barbato / al figliuolo morto in terra / gli diceva: "Ai poveri, / pure qui ci fanno guerra!" // Margherita, la Clisceri / ch'era lì con cinque figli / è rimasta morta a terra / e nel ventre il sesto figlio. // Chi quel giorno fu a Portella, / chi ci va dopo tant'anni, / vede i morti camminare / camminare senza gambe. // vivi ancora, ancora vivi; / e una voce in cielo e in terra, / e una voce in cielo e in terra: / oh giustizia, quando arrivi?!]
 
[Tratto da: Ignazio Buttitta, Pietre nere. Poesie 1980-1982, con un intervento di Gianfranco Contini, Milano, Feltrinelli, 1983.]
 
Questo post è stato pubblicato il maggio 1, 2011 alle 12:01 am  da Francesco Marotta su http://www.ladimoradeltemposospeso.wordpress.com