Giorgio Montebello – Omaggio al Banco e a Francesco Di Giacomo

c a r u s o p a s c o s k i


“Lascia lente le briglie del tuo ippogrifo, o Astolfo,
e sfrena il tuo volo dove più ferve l’opera dell’uomo.
Però non ingannarmi con false immagini
ma lascia che io veda la verità
e possa poi toccare il giusto.
Da qui, messere, si domina la valle
ciò che si vede, è.
Ma se l’imago è scarna al vostro occhio
scendiamo a rimirarla da più in basso
e planeremo in un galoppo alato
entro il cratere ove gorgoglia il tempo.”

La parola “Banco” ha sempre rievocato in me numerosi e differenti immagini, persone, oggetti, tutte sparse nella memoria di una vita, a formare qualcosa di estremamente variegato, denso. Banco è per me sinonimo assonante di “babbo”. Fu proprio lui, il mio babbo, a parlarmi con entusiasmo, fin da quando ero piccolo, di questo gruppo, divenuto simbolo, per me, di tutto il buono che c’era negli Anni Settanta, a livello umano, oltre che…

View original post 619 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...