SONETTI  IMPURI
DUE ACROSTICI
PER IL RIBELLE IN GUANTI ROSA*

COPERTINA RIBELLE

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiedilo allo specchio quale maschera
ha indossato quest’oggi il nostro dio,
a quale morte e pure a quale schiera
rutilante ha già venduto il nostro io;

lèvati in piedi allora, mio ipocrita
e critico lettore, e mio simile
senza direzione nella tenebra

Brinda al virtuale qui, al saprofita
assassino su, brinda all’ignobile
uggia che ci tiene, che ci ottenebra!

domestici dell’idiozia, ottusi
ermafroditi di città defunte
lèvano così’ in alto i loro musi
a celebrare glorie ormai consunte!

io senza bellezza non sopravvivo,
rèndile il tuo cuore messo a nudo
estetico lettore, mio corrìvo!

S. D. A., 11 – 12 . 9 . 2007

charles

 

 

 

 

Chiamatela vita … o desiderio :
ha incendiato l’anima e le notti
ai visionari! Per quale criterio
rimuovono il presente non i motti

logori dell’ impero, non le mura
erette dai borghesi trionfanti?..
solitari soldati dell’ impura

Bellezza  già inarrivabile?.. pura
anarchia del sublime?…lestofanti
ubriachi di visioni e d’avventura?..

diranno che la comune libertà
esige che non degeneri: così
liquideranno ancora la realtà..
attenti! E ora e qui pas  loin d’ici!..

il faut recommencer! ricominciare
riafferrando la vita che ci spetta!
e fino alla fine!…e per amare!
S. D. A. , 18 . 9 . 2007

*Il Ribelle in guanti rosa
  di Giuseppe Montesano 
  Ed. Mondadori 

Articolo precedente

SONETTI  SATIRICI  E  METAPOLITICI

IL MARE LAVA OGNI STORIA MEMORIA

ascolto-metamorfosi 1 (NC)
 

 

 

 

 

 

Il mare lava ogni storia memoria
ossessione mutamento … le onde
fermentano l’inflazione confonde
le menti …un campo minato scoria

è la morte che ci riguarda boria
di corrotta politica … diffonde
mappe per lettori smarriti…onde
bloccare mettere in fuga la storia..

Le chiavi del tempo cingon d’assedio
le cale nascoste non  lo sterminio
dei tonni nella rete…l’epicedio

senza defunti…ecco quello il tedio
d’un paese senza volto…carminio
che cola sul lento stato d’assedio..

S. D. A., 14 . 7 . 2008


PARTITI SENZA LASCIAR INDIRIZZO
(OMAGGIO A EPIDEMIA DI F. PIEMONTESE)

BERLUSKCESARE

 

 

 

 

 

 
That corpse you planted last year in your garden
Has it begun to sprout? Will it bloom this year?

Partiti senza lasciare indirizzo..
“Des étrangers,  des espions”uno schizzo
di pioggia colse il ragazzo che legge
Camus  La Peste, Malraux..solo schegge

di passato anteriore  marinando
la scuola. ..Ma poi è scappato urlando
contro la donna alla finestra…sputa
sui cadaveri ma non sulla muta

sequenza d’insetti che popolano
gli anni dell’ epidemia  ché sperano
quelli che vivon d’attese “ripensa
al  tuo corpo congelato in dispensa!”

Partiti senza lasciare indirizzo..
l’ arte il nulla senza alcun indennizzo..

O you, who turn the wheel and look windward,
Consider Phlebas, who was once handsome and tall as you*

*( T.S. ELIOT – The Waste Land)

S. D. A. , 31 . 1 . 2008

 
FRAMMENTI  DI  POESIA IN PROGRESS
 

 
SCISSIONI*

PAOLA LOVISOLO LEI

(Lei, composizione di Paola Lovisolo)

 
di Paola Lovisolo
 

così il foglio bianco:
modellaci tu un dio se sei capace
la pietra la cavi va via dalla statua
la pietra in di più
ma sul foglio le parole che vanno
cavate vanno scritte
vanno
o mettermi lì in amore
a scrivere le lettere che vanno cavate
per dirti l’ amore
come ho fatto o non ho fatto finora
è come se il foglio alla fine avesse
due bambini che si respirano in bocca
ombra di destrudo

PAOLA LOVISOLO

 

(Da nevedicarne.splinder.com)

*Il titolo è del postatore
 

 
SONETTO  IN  SOGNO
DA UNO SPUNTONE DI ROCCIA

VZ_Klaipeda_20016[1]

 

Il tramonto ha i colori del malva
e del pastello  carichi di  luce
che danza sulle onde. Ci conduce
a prua, in fondo al giorno; ci salva
 
dalla notte estrema, non dalla calva
linea del passato ove già riluce
il suo riflesso d’ombra. Non induce
perdite il tramonto, ma non ci  salva
 
dalla marea che monta sulla spiaggia
e poi la inonda, con il  padre e il figlio
soli, sotto la  volta delle stelle.
 
Alterazione e  perdita – son quelle
le fasi che han l’inconscio per giaciglio,
nave – madre su cui la vita viaggia.

300px-Tramonto_su_Sant

 
 

S. D. A.  11. 11. 2011  ( 6.1.2007)

POESIA IN PROGRESS

 
FRAMMENTI  DI POESIA QUOTIDIANA

 
di Paola Lovisolo

 PAOLA LOVISOLO

 
 
 
(rientro dall' immortalità) 26 ottobre 2011 sacrificante nel luogo forma la gravità della parola

(da rientro dall' immortalità)

26 ottobre 2011


sacrificante nel luogo
forma la gravità della parola
l’ acqua monta il vaso
e posa la bellezza fra la terra
di un vecchio fondale
a cui sta appeso un antenato

12:41

CONTRIBUTO FIGURALE 8OUR HAPPY HOURS by Paola Lovisolo

[…]

i miei! morti continuano a salire le scale
sono arrivati al petto ma puntano alla giugulare
dicono che lì ci sia il sole che non si fermeranno
 alla bocca anche se dicono lì ci sia acqua

PAOLA LOVISOLO 2

8:53

[…]

sentii increduli bisbigli
quando volli scendere negli inferi
e risatine malcelate: – prima di te ne sono scesi
poi fuggiti… tu resti? e sparirono carta e penna.

8:50

[…]
ricordati nel tuo amore
l’ aurora sbriciolata dalle stelle
resistenti al vento
alla fenice che s’ incontra al blu

PAOLA LOVISOLO ENDO 5

8:45

[…]

trema la gemma nella lente crepata del ramo
a bordo d’ una scorciatoia d’ ore infila una stella
come un pazzo che svermi l’ uscita
piove come dovesse finire la fretta
se un fantasma di nebbia non sollevasse la gonna
offrendo adulti cocci vuoti

FETTA DI LIMONE CON BOTTIGLIA D

7:05

II
trema la gemma nella lente crepata del ramo
a bordo di una scorciatoia di ore si infila una stella
come un pazzo che scopra l' uscita
piove come dovesse finire in fretta
se un fantasma di nebbia non sollevasse la gonna
offrendo adulti cocci vuoti

PAOLA LOVISOLO THE DOOR 2

Immagini e composizioni di Paola Lovisolo

 

 
(Dal blog http://nevedicarne.splinder.com)
 

SONETTI IMPURI

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     &
nbsp;                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    &n
bsp;                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    &nb
sp;                                                    
SONETTO  DELLA MALA INGENUITA’

BERLUSCLOWN

 

 
E poi finiamo qui, già ipnotizzati
dagli annunci. Lui, mentre il mondo scorre
rapido, da  Cartaro ci soccorre
dagli affanni. Tutti qui, gli uccellati
 
dalla realtà virtuale, affascinati
dal grande imbonitore, il quale accorre
ad ogni festa, ché mal gliene incorre
a chi grida “al lupo!”, agli sfigati.
 
“Carta vince, carta perde, puntate
signori! Quale vince, quale perde?
Siate felici, scansatevi dai guai!”
 
E noi s’accorre, a gambe già levate..
 Il nonno lo diceva, sempre al verde,
“a semmenta ‘re fessi non muore mai!

 
 
S. D. A., 17 . 7 . 2008
 
 

SONETTI  IMPURI

SONETTO
(IN VERSI MARTELLIANI)
CONTRO L’IPOCRISIA
 

laurapugno-238x300

 
 

(frottage by effeffe)

 
Le utopie incendiavano  e movevano il mondo,
parlavano a cuori incatenati, scioglievano
l'arida terra delle certezze, dal profondo..
e  da sempre vi parlavano, vi dicevano
 
la grande bellezza dell'ignoto, l'orifiamma
impalpabile ch'agiva le terre  del  vento:
ad ogni deriva un approdo…oh si, quella gamma
infinita dei mondi possibili!…poi  cento
 
e millanta altre derive!.. ma l'ipocrisia
v'ha spento proprio quando cantavate vittoria…
si, già vi parlava – ma voi sordi a quell'utopia!..
Sapete? non tutti i salmi finiscono in gloria…
 
Quanto a me – viva!-me ne starò seduto a riva,
qui, sul greto del fiume della vostra deriva…
 
 
Σοτήριος – Sotírios  15.7.2011